Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Telelavoro, Smart working, innovation working: riflessioni di sociologia


Lo smartworking non è, come spesso si crede, il telelavoro o il lavoro da remoto. Infatti il telelavoro è il lavoro fatto da casa mentre lo smartworking è cosa diversa
Telelavoro, Smart working, innovation working: riflessioni di sociologia

 

Lo smartworking non è, come spesso si crede, il telelavoro o il lavoro da remoto.

Infatti il telelavoro è il lavoro fatto da casa mentre lo smartworking è una forma ben più complessa di organizzazione del lavoro che ha l’obiettivo di migliorare l’efficienza e l’efficacia del lavoro grazie ad un mix di flessibilità, autonomia e collaborazione, creando ambienti ottimali per i dipendenti.

Il decreto “ristori bis” a sostegno dei genitori che non potranno ricorrere allo smart working ha previsto che in caso di chiusura delle scuole medie nelle zone rosse gli stessi potranno astenersi dal lavoro o ricevere sussidi per le babysitter.

Nello specifico il decreto ristori bis prevede a titolo di sostegno alle imprese ed all’economia, sotto forma di contributi a fondo perduto destinati agli operatori Iva e a titolo di disposizioni in materia di salute, lavoro e famiglia, vari provvedimenti di sostegno alle famiglie con figli tra cui il congedo straordinario per i genitori in caso di sospensione della didattica in presenza delle scuole secondarie di primo grado ed il bonus baby sitter.

Sebbene vi siano alcune limitazioni le stesse risultano, comunque, abolite in presenza di figli che hanno una disabilità riconosciuta dalla legge 104.

In generale se i genitori risultano lavoratori dipendenti si possono astenere dal lavoro solo se questo non può essere eseguito in smartworking.

Soddisfatte tali premesse il congedo viene riconosciuto alternativamente ad entrambi i genitori.

Certo si tratta di due iniziative che favoriscono i genitori ma non risolvono il problema giacchè sarebbero necessarie iniziative che facilitino il lavoro, rendendo la gestione dei figli più facile.

La questione centrale risulta però essere il cercare strumenti per potere lavorare da casa in piena efficienza. Lo smartworking o “lavoro agile” significa, infatti, ripensare il telelavoro in un’ottica più intelligente mettendo in discussione i tradizionali vincoli legati a luogo ed orario e lasciando alle persone maggiore autonomia nel definire le modalità di lavoro a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati.

Autonomia ma anche flessibilità, responsabilizzazione, valorizzazione dei talenti e fiducia dovranno diventare i principi chiave di questo nuovo approccio al mondo del lavoro. Lo smartworking, come detto, non ha niente a che fare con il lavoro da casa in quanto è una revisione della cultura organizzativa ove il controllo sul dipendente lascia posto alla fiducia verso il dipendente, con lo stesso che viene responsabilizzato lavorando ad obiettivi e non ad orario, ripensando i processi e facendo venire meno il controllo diretto.

Certo la nuova organizzazione del lavoro apre numerosi spunti di riflessione inerenti agli aspetti macro del lavoro quali il mercato del lavoro, le differenti tipologie di lavori, la disoccupazione, il lavoro femminile, il ruolo della tecnologia connessa al riaccorpamento di mansioni e di autonomizzazione di processi di produttività del lavoro e ai concetti di redditività ed efficienza oltre che di qualità del lavoro e della vita lavorativa.

Oggi assistiamo, infatti, all’affermarsi di nuovi modi di produrre e ad una nuova scuola organizzativa con una necessità di riorganizzazione in ambito sindacale connessa proprio alla trasformazione oggetttiva che sta intervenendo al livello del sotto-sistema economico macro aziendale ed al livello del sotto-sistema micro aziendale, che parallelamente stanno investendo anche la cultura sociale e del lavoro dei soggetti coinvolti nel processo lavorativo.

Il lavoro sta cambiando perché sta mutando il sistema socioeconomico macro e il sistema aziendale micro unitamente al sistema dei bisogni nelle sue componenti oggettive, soggettive e sociali comportando l’esigenza di riequilibrare le trasformazioni tra tempo di vita e tempo di lavoro e sviluppando la ricerca della qualità del lavoro unitamente alla qualità della vita.

Un nuovo codice del lavoro dovrebbe, quindi, partire dalla definizione di un senso misurato e contingente del lavoro e sul lavoro in cui domini una responsabilità limitata, ma non per questo sminuente, per il soggetto che introduca il valore della contingenza e della multidimensionalità.

Le nuove tecnologie applicate al lavoro teoricamente avrebbero dovuto portare ad una nuova organizzazione responsabilizzante, partecipativa, consensuale e coinvolgente volta alla massimizzazione della qualità del lavoro perseguendo la massimizzazione dell’efficienza. Certo tradizionalmente le dimensioni della qualità del lavoro sono state definite come economica, ergonomica, della complessità, del controllo e dell’autonomia formulanti un equilibrio differente per soggetti, luoghi, settori produttivi e tempi.

Tuttavia è certo che le nuove forme del lavoro sono caratterizzate per i nuovi ritmi temporali connessi alla flessibilità dello stesso che orienta l’azione organizzata dei lavoratori verso concertazioni conflittuali ma non alternative e che prevedono l’applicazione dei processi di qualità.

L’Osservatorio del Politecnico di Milano stima che i lavoratori italiani che lavoreranno da remoto dopo la pandemia saranno oltre 5,4 Milioni. Occorre, quindi, per il futuro adattare i modelli di business e restare produttivi e competitivi cogliendo la sfida dell’innovation work e portando il business ad un livello diverso.

Il lavoro a distanza non è più un’opzione, ma è parte di un modello di vita e di lavoro che solo le migliori aziende sapranno cogliere rapidamente. L'innovation work è l'evoluzione del lavoro supportato dall'innovazione tecnologica. E’ giunta l’ora di definire le strategie, i modelli di comportamento e le soluzioni chiave per gestire efficacemente questa nuova normalità del lavoro flessibile.

Certo c’è ancora grande confusione sul lavoro a distanza e, purtroppo, lo smart working si è ridotto al lavoro da casa in emergenza, senza sicurezza e senza strutture abilitanti.

L'innovation WORK è il nuovo paradigma del mondo del lavoro, ed è un nuovo sistema integrato, caratterizzato da tanti nuovi elementi chiave, sarà il diktat della futura organizzazione della lavoro e di conseguenza delle vite umane.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Infortunio sul lavoro Covid-19: nesso di responsabilità datore di lavoro

Nesso tra responsabilità penale e civile del datore di lavoro e redazione del DVR

Continua

Riflessioni sull'azione di rimborso per i medici di medicina generale

Il D.lgs. 368/99, recependo la Direttiva comunitaria n. 93/16/CE, ha riconosciuto a tutti i medici specializzandi lo status di lavoratore in formazione

Continua

I rischi della gestione del rapporto di lavoro domestico tipo h24 tramite agenzia

I rischi connessi alla gestione non controllata del rapporto di lavoro domestico mediante ausilio di agenzia di somministrazione di lavoro

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro:i controlli sul lavoratore

Il potere direttivo e disciplinare ei controlli sui lavoratori sono argomenti estremamente delicati e sempre di attualità

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: presupposti

Nella gestione del contenzioso disciplinare è essenziale conoscere ed applicare correttamente le principali norme di riferimento

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: riflessi gestionali

Nell’analisi del potere direttivo e disciplinare, una serie di considerazioni particolari vanno riservate agli aspetti gestionali ed amministrativi

Continua

Aspetti inerenti la tredicesima mensilità nel comparto scuola

Effettuare un numero di giorni di servizio nel comparto scuola pari a 182 risulta corrispondente ad un anno di servizio

Continua

Breve cronistoria della vicenda del rinnovo contrattuale CAS Sicilia

Adeguamenti contrattuali economici dei dipendenti del consorzio Autostrade siciliane su base degli aggiornamenti CCNL Autostrade e Trafori

Continua

Come ottimizzare la produttività del lavoro pubblico

Ecco qual è la logica del DDL 2031/2009 collegato alla manovra finanziaria sull’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Continua

IL COSTO DI GESTIONE DEL PERSONALE NELLA GARA D'APPALTO-PARTE PRIMA

Una variabile non trascurabile nella presentazione dell’offerta economica per la partecipazione ad una gara d’appalto riguarda il costo del personale

Continua

Autoferrotranvieri: differenze retributive per attività di conducente e indennità di guida

Ricorso autisti effettuato sulla base dell’art. 414 cpc contro l'Azienda Trasporti Messina ex CCNL Autoferrotranvieri 27.10.2000

Continua

Il costo di gestione del personale nella gara d'appalto (Parte seconda)

La variabile del calcolo del costo del lavoro nell’offerta economica della gara d’appalto muove sempre dai dati contrattuali e legali vigenti nel periodo considerato

Continua

Profili di responsabilità giuridica del dirigente d’azienda pre-virus

Adeguare e sviluppare in maniera programmatica l'evoluzione professionale dei dirigenti e dei quadri superiori, nonché anche la cultura imprenditoriale, risulta urgente

Continua

Riflessioni sul rapporto tra cuneo fiscale ed holding societaria

Cuneo fiscale ed Holding societaria. Riflessioni sulla protezione patrimoniale dell’imprenditore

Continua

Sicurezza nei luoghi di lavoro condominiali e DVR

Infortunio sul lavoro in ambito condominiale e nesso di resposabilità del datore di lavoro per redazione del DVR

Continua

Oltre la subordinazione, le nuove tutele per i rider

La recente sentenza della Cassazione ha riconosciuto nuove tutele per i rider, ma è solo la degna successione giurisprudenziale al decreto 81/2015 e alla legge 128/2019

Continua

Oltre lo Statuto dei lavoratori…una sentenza tortuosa non è giustizia

La sentenza della Corte di Cassazione n. 1633/2020 ha segnato il solco ma la strada delle tutele sarà ancora “lunga” nel mondo dei tempi “contratti” del profitto

Continua

I costi della sicurezza sul lavoro

I costi della sicurezza sul lavoro con la stima dei costi relativi all'emergenza Covid-19

Continua