Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tempi duri per UBI Banca


Le vicende di UBI Banca dal 2013
Tempi duri per UBI Banca
Il terzo Gruppo bancario nazionale vede i vertici rinviati a giudizio per reati assai gravi: ostacolo alle attività di vigilanza e manipolazione di assemblea. Il processo, presso il Tribunale di Bergamo, entrerà nel vivo il 17 settembre; tra gli imputati Giovanni Bazoli, da sempre banchiere di riferimento della finanza cattolica. La notizia più recente è che la Banca d'Italia ha chiesto di essere ammessa come parte lesa.
Perchè ostacolo alle attività di vigilanza? Per aver negato alla Banca d'Italia l'esistenza di patti di sindacato. Che invece c'erano, eccome! UBI Banca era stata costituita nel 2007, con l'incorporazione del gruppo bresciano Banca Lombarda e Piemontese Spa nel gruppo bergamasco Banche Popolari Unite. L'incorporazione avvenne nel giro di pochi giorni, per evitare un'opa ostile del Banco di Santander rispetto a Banca Lombarda e Piemontese. Come è noto, allora vigeva nelle banche popolari la regola del voto capitario, e di conseguenza il gruppo non sarebbe stato scalabile. Ma le due componenti bresciana e bergamasca stabilirino che ognuna sarebbe rimasta padrona a casa sua, e costituirono una cabina di regia ristretta (sei persone, compreso Giovanni Bazoli), allo scopo di pilotare tutte le decisioni degli organi sociali, dall'assemblea al Consiglio di Sorveglianza, alle nomine nelle controllate.
Perchè manipolazione di assemblea? Per aver ammesso al voto migliaia di deleghe in bianco, all'assemblea rinnovo cariche del 2013, mentre la legge allora in vigore consentiva esclusivamente deleghe nominative. Le deleghe in bianco furono raccolte dalla rete, su indicazione delle strutture centrali, carpendo la buona fede dei clienti, e smistate ai desk di accoglienza da decine di addetti, sulla base di un programma informatico pagato dal Gruppo oltre 180.000 euro. I vertici uscenti si sentivano a rischio, in presenza di due liste alternative, interpreti del diffuso scontento tra i soci per i cattivi risultati economici e la perdita di valore del titolo. (Era stato emesso a 20 euro, ora è sceso a circa 3,5 euro, malgrado due aumenti di capitale). Se avessero votato i soli soci presenti i vertici uscenti sarebbero stati battuti; ma le deleghe in bianco fecero la differenza e la governance fu confermata. I responsabili delle due liste (Andrea Resti e Giorgio Jannone) presentarono denuncia alla Magistratura, che affidò le indagini al Nucleo Centrale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza. Sulla base di intercettazioni ambientali, perquisizioni e varie attività investigative, nel dicembre 2016 la Guardia di Finanza trasmise alla Procuradella Repubblica di Bergamo un rapporto conclusivo di 181 pagine, richiedendo l'arresto immediato di Giovanni Bazoli e di altri esponenti apicali di UBI Banca, per "comprovata capacità a delinquere" e rischio di inquinamento delle prove. La Procura non accolse la richiesta, ma trasmise gli atti a Gip, chedendo il rinvio a giudizio di oltre 30 indagati. A fronte delle sdegnate proteste di Giovanni Bazoli, che difendeva il suo passato di eminente banchiere al servizio del Paese, il Procuratore osservò che nessun brillante curriculum può cancellare il reato. Il resto è cronaca recente: nello scorso marzo il Gip ha disposto il rinvio a giudizio.
Quali gli scenari prossimi venturi?
Le disgrazie non arrivano mai sole. In autunno è in programma l'assemblea che, sulla base del già deliberato passaggio dal sistema duale al sistema monistico, dovrà eleggere il nuovo Consiglio di Amministrazione. Le attuali 40 poltrone si ridurranno di oltre la metà.
Secondo Tancredi Bianchi, già presidente dell'ABI e autorevolissimo studioso in materia di banca e finanza, il Ceo di UBI Banca, Victor Massiah, non avrebbe i requisiti di indipendenza richiesti per amministrare una banca di sistema. Sul Corriere della Sera, Bianchi ha osservato che il Gruppo UBI Banca, il quanto tale, è tra i rinviati a giudizio, e di conseguenza Massiah, che lo dirigeva, non sarebbe eleggibile. La maggioranza azionaria, di oltre il 50%, è detenuta da fondi di investimento italiani ed esteri; non è da escludere che decidano un radicale cambiamento della governance. In più molti osservatori si domandano se la BCE e la Banca d'Italia riterranno che possa restare ai vertici del terzo gruppo nazionale un banchiere rinviato a giudizio per reati gravissimi contro l'etica bancaria.
Un'ultima annotazione: UBI Banca, il cui slogan è "fare banca per bene", ha concluso la semestrale con un utile netto di 208,9 milioni, vantandolo come il migliore risultato della storia. Un pò poco, forse, per un gruppo che dispone di una rete di 1800 filiali. Per fare un esempio Banca Intesa nei primi 3 mesi dell'anno ha conseguito un utile di 1,25 miliardi e conta, per il 2018 un aumento del risultato rispetto al 2017 che era di 3,8 miliardi di euro.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Rischio di portafoglio, opportunità o svantaggio?

La "rischiosità" controllata degli investimenti finanziari è sicuramente una buona opportunità

Continua

I beni rifugio

Esistono ancora i cosiddetti beni rifugio?

Continua

Attenzione alle promesse di rendimenti troppo elevati

Non fidatevi di chi promette rendimenti fuori da ogni logica

Continua

La volatilità di portafoglio

E' sempre molto importante conoscere la rischiosità del proprio portafoglio

Continua

Scenari di mercato

Cosa aspettarci dai mercati finanziari nel 2019

Continua

Accordo Stati Uniti-Cina sui dazi, una buona notizia

L'accordo stipulato domenica scorsa tra i due presidenti metterà fine alla guerra commerciale?

Continua

Rally di fine anno delle borse, tra sogno e realtà

Ci sarà quest'anno il rally di fine anno delle borse nonostante le tensioni internazionali?

Continua

Si può guadagnare con il trading on line?

Molti sognano di diventare ricchi con il trading on line, ma è possibile?

Continua

Campagne promozionali per acquisire nuovi clienti

Molte società finananziarie lanciano campagne promozionali per acquisire nuovi clienti

Continua

Fed, dazi, Brexit: come difendere il portafoglio nel 2019

Quali sono gli appuntamenti chiave di quest'anno per gli investitori?

Continua

Azioni: la scelta migliore per il 2019?

Pur non trascurando i segnali di rischio, le valutazioni azionarie sono diventate interessanti nel contesto attuale

Continua

Mercato toro, ancora per quanto?

Il mercato toro dura ormai da dieci anni, cosa aspettarci per gli anni futuri?

Continua