Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tesla: investimento o scommessa?


Tra le tante persone che mi contattano sono sempre più quelle alla ricerca di qualche azione “interessante” da utilizzare per farci una "speculazione veloce...
Tesla: investimento o scommessa?

Scrivo oggi questo post per cercare di dimostrare come chiunque – purché dotato di un po’ di buon senso – possa arrivare a farsi un’idea su cosa possa essere considerato un investimento e cosa, invece, una semplice scommessa, azzardo, giocata al gratta e vinci.

E prendo spunto dal fatto che, tra le tante persone che ormai quotidianamente mi contattano, sono sempre più quelle alla spasmodica ricerca di qualche azione “interessante” da utilizzare per farci una “veloce speculazione”.

Questa cosa – che mi fa tornare indietro col pensiero di 20 anni a quando in Borsa impazzava un’euforia generale stile “vittoria finale campionato del mondo di calcio” - prende sicuramente origine dalle stupefacenti performance di alcuni titoli di società – soprattutto statunitensi - ritenute (a torto o a ragione) innovative, nel senso che stanno traendo (o potrebbero trarre) grandi vantaggi da quelle modifiche strutturali legate alla cosiddetta disruption (perturbazione) in essere in ogni Paese e settore economico.

E, in tal senso, uno dei casi più eclatanti è quello di Tesla – casa automobilistica statunitense specializzata in auto elettriche ed ibride – le cui azioni negli ultimi mesi sono letteralmente esplose passando dai 43 $ del giugno 2019 ai 502 $ del 1° settembre scorso (attualmente sono attorno a 400 $).

Un incremento del 1.200% che ha portato la capitalizzazione di Borsa di questa società alla cifra “monstre” di 468 miliardi di dollari: corrispondente a quella dei primi 10 gruppi automobilistici mondiali messi assieme: gruppi che, però, nel 2019 hanno venduto complessivamente 61.000.000 di autovetture a fronte delle sole 367.000 di Tesla!!!

 


Detto questo e dando per scontato che chiunque sia consapevole che il valore di un’azienda privata dipenda principalmente dalla sua capacità di realizzare utili/guadagni, voglio porre a te, mio caro lettore/lettrice una domanda: “se stessi valutando di investire in un’attività commerciale, ad esempio comprare un bar a Fano, quali sarebbero le cose essenziali che dovresti sapere al fine di prendere una decisione oculata?

Risposta:
1) quanto guadagna mediamente all’anno questo bar;
2) qual è il prezzo chiesto dall’attuale titolare per la cessione del bar.

Quindi considerando che il valore di cessione di un’attività relativa al settore della ristorazione si aggira – largo circa – a 3, 4, 5 volte l’utile annuo realizzato (salvo poi tutte le peculiarità di ogni singola situazione), nel caso in cui – ad esempio - questo bar di Fano generasse 125.000 € “puliti” all’anno, potresti ritenere accettabile una richiesta attorno al mezzo milione di euro.

Una richiesta che, in pratica, implicherebbe che ti ci vorrebbero circa 4 anni per rientrare dall’investimento iniziale: tecnicamente parlando il Price / Earning (cioè il rapporto prezzo / utili) di questo bar è pari a 4.

 

 

Un multiplo drasticamente diverso da quello offerto da Tesla che, a fronte di una capitalizzazione di Borsa (definita come valore di una azione per il n° di azioni in circolazione) di 468.000.000.000 $ ed un utile annuo stimabile a 416.000.000 $ (in base ai risultati del 2° trimestre 2020), mostra un P/E pari a 1.125!!!

Quindi – pur essendo vero che il settore, le dimensioni e le prospettive di Tesla sono ovviamente diverse da quelle del nostro bar di Fano – risulta evidente che un P/E a 1.125 sia una pura follia tenendo ulteriormente conto di quello dei suoi competitor: Toyota 8, General Motors 30, Volkswagen 14, ecc...

Non stiamo neanche a parlare degli altri multipli (Prezzo/Vendite, Prezzo/Valore contabile, Debito/Capitale proprio, ecc): tutti assai poco attraenti...

Se poi tenessimo anche conto che:
1) la volatilità delle azioni Tesla è tra le più alte del listino: basti pensare che dal max a 502 $ segnato il 1° settembre le quotazioni - in sole 4 sedute – sono scese del 34% !!
2) nello scorso maggio fu lo stesso Elon Musk, ad di Tesla, a twittare che il prezzo delle azioni della società che quel giorno erano a 155 $ era “troppo alto”: ad inizio settembre, ripeto, sono arrivate oltre quota 500 $!!!
3) qualche giorno fa Warren Buffett (che non è proprio l’ultimo arrivato in tema di investimenti....) in una intervista ha dichiarato che “investire in Tesla è una pessima idea”.

Ritengo che tu, caro lettore/cara lettrice, non possa avere più dubbi al riguardo: anziché comprare azioni Tesla, sarebbe meglio - molto meglio - chiamare immediatamente il proprietario di quel bar di Fano!!!

E se, proprio, gestire un bar non rientrasse tra i tuoi desideri, non ti resterebbe che contattare immediatamente il miglior private banker che conosci …J… ed affidargli questi 500.000 €: potresti così avere un buon portafoglio finanziario che, oltre a darti dei ritorni dignitosi, ti farebbe anche dormire sonni tranquilli.

... E buon Spritz a tutti!!!

 

Filippo Cordella
Private Banker & Analista Finanziario
FIDEURAM – INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING
Cell: 3200222185
Ufficio principale: Via XXIX Settembre, 18/a – Ancona
Altri uffici: Pesaro, Senigallia, Jesi

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L’investimento del Secolo...ma è davvero così?

Viste le assurde quotazioni a cui sono arrivati i bond, attenzione al comparto obbligazionario soprattutto sulle scadenze medio/lunghe (io direi dai 10 anni in su)

Continua

Wall Street e il gioco delle 3 carte: i BUYBACK

I BUYBACK hanno fatto finora la felicità di tutti.... Ma ricordiamoci che tutto questo resta, comunque, solo un giochino, un’illusione, un “Campo dei Miracoli”...

Continua

Trappola della liquidità: perché il cavallo non beve più?

Le Banche Centrali (BCE e Bank of Japan in primis) sono ormai prigioniere della famosa "trappola della liquidità"

Continua

The Elephant in the Room

Da diversi anni c’è uno zombie che si aggira sui mercati europei e mondiali: una banca di dimensioni enormi con problemi altrettanto grandi...

Continua

Chi non lavora, non fa l'amore...

Il tasso di disoccupazione è un dato a cui bisognerebbe dare il giusto valore (senza esasperarlo) per capire lo stato di salute di uno Stato

Continua

Al mio segnale, scatenate l'inferno!

E’ diverso tempo che sto aspettando questo ritracciamento dei mercati. Lo sanno bene quei miei clienti i cui portafogli sono stati costruiti negli ultimi anni/mesi...

Continua

E rimetti a noi i nostri debiti...

Mettiamoci il cuore in pace che - sia i debiti che ognuno di noi ha che quelli che abbiamo come Paese Italia - prima o poi bisognerà pagarli

Continua

Speravo de morì prima...

Prendo spunto dallo striscione comparso all'Olimpico in occasione dell’ultima partita di Totti per introdurre un importante argomento per chiunque abbia un patrimonio

Continua

Mercati, immobili e... George Clooney!

Con il vostro immobile avete fatto un buon investimento? E' ancora conveniente investire nel mattone? O è meglio il mercato azionario?

Continua