TFR al Fondo pensione? Vantaggi per l'azienda


Generalmente il trattamento di fine rapporto viene utilizzato dalle aziende come “forma di autofinanziamento”, come “liquidità di cassa”
TFR al Fondo pensione? Vantaggi per l'azienda
Questa forma mentis è dovuta in larga misura alla mancanza di informazione sulla materia perché in realtà, il conferimento del TFR a un fondo pensione porta solo vantaggi economici all’azienda!
- Quanto costa questo autofinanziamento all’Azienda?
Il TFR rappresenta un costo del lavoro (7,41% della retribuzione lorda) che non può in ogni caso essere eliminato, nemmeno con il trasferimento alla previdenza complementare, ma ci sono voci che, invece, possono essere risparmiate:
- il versamento al Fondo di Garanzia INPS dello 0,20% sulle retribuzioni;
- la rivalutazione annuale di legge (1,5% fisso + il 75% dell’inflazione).
Prendiamo ad esempio un’azienda, Beta S.R.L. con 15 dipendenti che ha un costo, nell’anno, di 350.000,00 euro per le retribuzioni lorde.
Quest’azienda dovrà versare al Fondo di Garanzia INPS lo 0,20% delle retribuzioni, pari a 700,00 euro. Il TFR maturato in corso d’anno è di 25.935,00 euro (il 7,41%) di cui 1.750,00 euro devono essere versati come contributo di solidarietà al Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti (lo 0,50%), quindi il TFR realmente accantonato (per i dipendenti) è pari a 24.185,00 euro (25.935,00 meno 1.750,00). Adesso ipotizziamo una rivalutazione annua pari all’1,70% che rappresenta un costo di 411,15 euro (1,70% di 24.185,00). Abbiamo quindi un costo complessivo del TFR di 1.111,15 euro (700,00 per il Fondo Garanzia + 411,15 per la rivalutazione) che rappresenta, sulla quota di TFR considerato, il 4,6%.
- il risparmio fiscale
Andiamo adesso a quantificare i risparmi fiscali e finanziari che la legge prevede per le aziende che trasferiscono il TFR dei dipendenti a una forma di previdenza complementare, ipotizzando che tutti e quindici i dipendenti aderiscano a un fondo pensione conferendo l’intero TFR maturando (24.185,00 euro). Ricordiamo, brevemente, le compensazioni previste:
una deduzione dal reddito di impresa del 4% (per le aziende con meno di 50 dipendenti) o del 6% (per le aziende con oltre 49 dipendenti), percentuale da applicare all’importo effettivo del TFR conferito; una riduzione pari allo 0,28% sugli oneri sociali (per disoccupazione, assegni nucleo familiare) che devono essere versati dall’azienda, riduzione che deve essere calcolata sulle retribuzioni totali dei dipendenti che hanno conferito al fondo il proprio TFR.
Vediamo a quanto ammonta il risparmio riprendendo l’esempio precedente:
deduzione del 6% (meno di 50 dipendenti) dal reddito d’impresa: 1.451,10 euro, ossia il 6% del TFR trasferito (24.185,00), con un risparmio effettivo d’imposta di 399,06 euro (*); riduzione oneri sociali, 0,28%: 980,00 euro, ossia lo 0,28% delle retribuzioni lorde (350.000,00).
(*) LE SOCIETÀ DI CAPITALE PAGANO UN’IMPOSTA FISSA SULL’UTILE PARI AL 27,5%, PER CUI CON UNA DEDUZIONE DI 1.451,00 EURO IL RISPARMIO EFFETTIVO È DI 399,06 EURO.
In sostanza abbiamo un risparmio, dovuto alle misure di compensazione, di 1.379,06 euro (399,06 + 980,00), che rappresenta, in percentuale sulla quota di TFR considerato, il 5,7%.
Il risparmio complessivo
Nell’esempio che abbiamo analizzato, l’azienda che ha trasferito l’intera quota annua del TFR dei propri dipendenti ha, nel complesso:
risparmiato il costo dell’autofinanziamento non versando al Fondo di Garanzia lo 0,20% (700,00 euro); risparmiato il costo della rivalutazione pari all’1,70% (411,15 euro); portato in deduzione dal reddito d’impresa il 6% del TFR trasferito con un risparmio effettivo d’imposta (399,06 euro); risparmiato lo 0,28% sul versamento degli oneri sociali (980,00 euro).
Il risparmio complessivo risulta pari a 2.490,21 euro (700,00 + 411,15 + 399,06 + 980,00) che corrisponde a circa 10 punti percentuali sul TFR considerato (24.185,00)
...senza contare...il rendimento del Fondo, che viene condiviso anche con l’Azienda oltre che con il dipendente; la gestione autonoma del Fondo in termini di rapporti con il dipendente che ha conferito; il preservare l’Azienda da eventuali richieste di accesso al Credito (e quindi meno oneri finanziari) per finanziare liquidazioni totali o anticipate.
Questo vuole essere semplicemente uno spunto per iniziare a ragionare sulla convenienza o meno di questo strumento
A presto
Mauro

Articolo del:


di Dott. Mauro Valentino

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse