Tfr in azienda? O no?


Costi e opportunità per il datore di lavoro di devolvere il Tfr alle forme di previdenza integrativa
Tfr in azienda? O no?
L'articolo è un po' difficile da digerire.....Si sa che negli ultimi anni le aziende italiane hanno dovuto affrontare seri problemi di liquidità e non penso che la devoluzione del Tfr a previdenza integrativa fosse proprio il primo dei problemi...Ma sta di fatto che ci sono dei costi opportunità nel farlo, e qui li elenchiamo per una giusta informazione.
Premessa: la riforma ha introdotto un insieme di misure compensative per lo smobilizzo del Tfr da parte delle imprese. In particolare:
1) aumento delle deduzioni fiscali per la quota di Tfr devoluto a previdenza integrativa; il beneficio riguarda la riduzione dell'imponibile ai fini Ires (solo se l'azienda è in utile) e Irap. Qui c'è un distinguo da fare è cioè se l'azienda ha più di 50 addetti, il legislatore ha infatti favorito maggiormente le imprese di piccole dimensioni;
2) una riduzione degli oneri impropri presso INPS;
3) abolizione dell'aliquota di finanziamento del fondo di garanzia del Tfr.
In sintesi l'impatto di queste misure a regime è possibile valutarlo e stimare a priori. Il vantaggio inoltre può essere interessante da prendere in considerazione sia che l'azienda sia in utile sia che sia in perdita e forse oggi i tempi, diciamo così, sono più maturi...

Articolo del:


di Alessandro Pazzaglia

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse