"The second is the first loser"...Vero o falso?


Prendiamo spunto da una domanda raccolta sui nostri social per una panoramica sugli obiettivi che potrebbe porsi un atleta
"The second is the first loser"...Vero o falso?
Possiamo sfatare la pluricitata frase di Enzo Ferrari, molto diffusa nel mondo dell'agonismo, il secondo è davvero il primo degli ultimi?

Risponde per noi la dottoressa Stefania Ortensi, psicologa dello sport:

"Dipende! Da che cosa? Da che tipo di obiettivi si è posto l’atleta.
La differenza nella percezione di un secondo posto risiede nella modalità in cui si sono pianificati gli obiettivi nel lavoro di preparazione dell’atleta.

Esistono infatti OBIETTIVI DI PRESTAZIONE, orientati al "fare bene" e alla qualità della performance e OBIETTIVI DI RISULTATO, basati sulla posizione in classifica che si vuole raggiungere.
Certamente è bene che un atleta consapevole rifletta su entrambe le cose, ma dal punto di vista motivazionale è sempre consigliato prediligere obiettivi di prestazione per due ragioni.

Innanzitutto perché lavorare sulla prestazione innalza la qualità della nostra performance e di conseguenza i nostri risultati in termini di punteggi o classifiche necessariamente miglioreranno. In seconda analisi perché concentrarsi prevalentemente sul risultato significa porsi degli obiettivi per il raggiungimento dei quali molto dipende da fattori esterni che non possiamo controllare: in primis gli avversari e le loro performance".

Quindi avere obiettivi di cui non si possiede il pieno controllo può generare nell’atleta ansia e frustrazione e paradossalmente possono diventare un ostacolo alla prestazione?
"Può succedere. Ad esempio pensare al punteggio o alle prestazioni avversarie durante la propria prova, anziché concentrarsi solo sul "qui ed ora" e sulla prestazione in quel momento agita, può diventare un fattore altamente distraente.
Stabilire quindi degli obiettivi di prestazione personali, chiari e precisi è uno dei principali metodi per incrementare la propria performance, mantenere alto il livello di impegno e non perdere motivazione.

Quindi se il secondo posto corrisponderà ad una prestazione all’altezza delle proprie potenzialità e in linea con gli obiettivi di prestazione che erano stati posti, può certamente essere considerato dall’atleta una vittoria personale al pari di una medaglia d’oro e non certo una sconfitta".

Articolo del:


di Alice Buffoni

Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse