Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tutela delle condizioni di lavoro, misure nominate ed innominate


Quando si configura la responsabilità del datore di lavoro? Quando è legittimo l’inadempimento della prestazione lavorativa da parte del lavoratore?
Tutela delle condizioni di lavoro, misure nominate ed innominate

Tutela delle condizioni di lavoro, ai sensi dell’art. 2087 cc. Quando si configura la responsabilità del datore di lavoro? Quando è legittimo l’inadempimento della prestazione lavorativa da parte del lavoratore che invochi la violazione dell’art. 2087 cc?

Al fine di stabilire se vi sia stato inadempimento degli obblighi di sicurezza da parte del datore di lavoro, ai sensi dell’art. 2087 cc, occorre distinguere tra violazione di misure cd “nominate” (quelle espressamente previste dalla legge e/o da regole tecniche per la sicurezza sul lavoro”) da quelle cd “innominate” (che devono essere ricavate dai riferimenti contenuti nell’art. 2087 cc, quali la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica).

Per il caso di misura innominata, occorre soppesare la misura della diligenza richiesta al datore di lavoro, potendosi pretendere da quest’ultimo solo il rispetto di “standards” normalmente osservati o richiesti in situazioni analoghe.

Ne discende che la condotta del lavoratore, che rifiuti la prestazione lavorativa da rendere, a suo dire, in un contesto di pericolosità ambientale, non è legittima, qualora risulti accertato il rispetto da parte del datore di lavoro di standards di sicurezza adeguati alla situazione.

Lo ha stabilito la Corte di Appello di Genova, con sentenza n, 89/2020 del 25/2/2020.


La fattispecie al vaglio della Corte di Appello di Genova

La vicenda prende avvio da due licenziamenti intimati ad un lavoratore da Trenitalia Spa, per avere il dipendente rifiutato di condurre un treno lungo la tratta assegnata senza la presenza a bordo di un secondo agente di condotta.

In particolare, il lavoratore aveva rifiutato la propria prestazione, in applicazione dell’art. 1460 cc, che consente nei contratti a prestazione corrispettive, quale il contratto di lavoro, di eccepire l’inadempimento della parte datoriale, consistente nella violazione degli obblighi di sicurezza sul luogo di lavoro, imposti dall’art. 2087 cc.

In primo e secondo grado la prospettazione del lavoratore era stata accolta, e Trenitalia Spa era stata obbligata a reintegrare il dipendente nel posto di lavoro.

La Corte di Cassazione, adita dalla società, individuava nel ragionamento della Corte di Appello un errore, consistente nel non avere distinto tra violazione di misure nominate (previste dalla legge e/o da regole tecniche per la sicurezza) e misure innominate, cui si riferisce l’art. 2087 cc (la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica) quale norma di chiusura del sistema.

Nel caso, quale l’odierno, di prospettata violazione di misure innominate, un arretramento di tutela ai danni della salute del lavoratore (nel caso di specie, avere eliminato un secondo agente di condotta) non integra di per se un inadempimento ai sensi dell’art. 2087 cc, non essendo configurabile un obbligo assoluto di rispetto di ogni cautela possibile, diretto ad evitare al lavoratore qualsiasi danno, con la conseguenza che il datore di lavoro può decidere di ridurre il livello di sicurezza, entro i limiti di sicurezza normalmente praticati, senza con ciò violare la normativa in materia.

La Corte di Appello di Genova, in sede di rinvio, in applicazione dei principi stabiliti dalla Corte di Cassazione, ha riconosciuto che la applicazione da parte di Trenitalia Spa del nuovo modulo di equipaggio (un solo agente di condotta) ha rispettato gli standards di sicurezza normalmente esigibili in situazioni similari, con la conseguenza che il rifiuto di adempiere la prestazione da parte del lavoratore è stato ritenuto illegittimo.

La Corte di Appello, chiamata a statuire sulla legittimità del licenziamento, ha tuttavia ritenuto che il comportamento del lavoratore non giustificasse un licenziamento per giustificato motivo soggettivo o per giusta causa per la sproporzionalità tra la condotta tenuta e la reazione del datore di lavoro, pertanto, in applicazione dell’art. 18, comma 5 L. 300/1970, pure negando la reintegrazione del lavoratore, ha condannato Trenitalia Spa al pagamento in suo favore di una indennità risarcitoria pari a 22 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto.

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Annullabilità della ordinanza ingiunzione senza la subordinazione

L'Ispettorato del lavoro, che emetta una ordinanza ingiunzione, deve provare la subordinazione del lavoro

Continua

Divieto di trasferire un lavoratore che assiste un familiare disabile.

Il lavoratore che assiste un familiare disabile non può essere trasferito in altra sede di lavoro, anche se facente parte della stessa unità produttiva

Continua

Cumulo dei contributi previdenziali, di cosa si tratta?

Cosa accade ai lavoratori che siano iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria e quale opportunità di cumulare i contributi versati?

Continua

Registrazione fonografica di colloqui tra colleghi di lavoro, è ammissibile?

La registrazione di colloqui tra colleghi sul luogo di lavoro è condotta legittima e costituisce strumento di prova nel processo civile

Continua

Benefici previdenziali in favore di lavoratori esposti ad amianto

I benefici contributivi per esposizione ad amianto in favore di chi abbia presentato domanda entro il 2 ottobre 2003 si applicano alle successive domande di riesame

Continua

Accesso al Fondo di Garanzia Inps, quale prescrizione?

Il diritto del lavoratore di ottenere prestazioni dal Fondo di Garanzia Inps si prescrive in un anno dal perfezionarsi dei presupposti previsti dalla legge

Continua

Licenziamento per giusta causa ed onere della prova

Nel caso di licenziamento per giusta causa con pluralità di addebiti spetta al lavoratore provare la gravità complessiva dei singoli episodi

Continua

Apprendistato professionalizzante e scatti di anzianità

Nel contratto di apprendistato professionalizzante con Trenitalia spa la anzianità decorre dalla assunzione con apprendistato e non da una data successiva

Continua

Criteri di riconoscimento di mansioni superiori in caso di promiscuità

Nel caso di svolgimento di mansioni superiori promiscue occorre applicare il criterio della prevalenza, ovvero, in alternativa, altri validi criteri

Continua

Controllo a distanza del lavoratore e utilizzo dei dati

I dati acquisiti per effetto del controllo a distanza del lavoratore sono utilizzabili dal datore di lavoro solo previa informativa e rispetto del codice della privacy

Continua

Insussistenza di un obbligo di vigilanza dell'Inps sui contributi

Non sussiste un diritto del lavoratore ad agire nei confronti dell'Inps per il recupero di contributi non versati, ma soltanto nei confronti del datore di lavoro

Continua

Fondo di Garanzia Inps, come accedere e per quali prestazioni

Il Fondo di Garanzia Inps eroga al lavoratore, in caso di insolvenza del datore di lavoro, il TFR e le ultime tre retribuzioni maturate nei dodici mese antecedenti

Continua

Licenziamento del lavoratore disabile, quali obblighi per il datore di lavoro?

Il lavoratore disabile, divenuto inidoneo alla mansione, non può essere licenziato dal datore di lavoro in assenza di "ragionevoli accomodamenti"

Continua

Ordinanza di ingiunzione e prescrizione dei contributi previdenziali

L'ordinanza di ingiunzione relativa a sanzioni amministrative non interrompe i termini di prescrizione dei contributi previdenziali

Continua

Opposizione ad ordinanza ingiunzione, quale rito si applica?

La opposizione ad ordinanza ingiunzione emessa per violazione di norme del lavoro è causa di lavoro e ad essa si applica il rito del lavoro

Continua

Trasferimento di quote da Fondo Tesoreria Inps ad altro Fondo

Le quote di TFR accantonate al Fondo di Tesoreria presso Inps non possono essere trasferite verso altri Fondi di previdenza complementare

Continua

Risarcimento del danno da demansionamento e quantificazione

Il datore di lavoro che lascia il lavoratore in condizioni di inattività viola il diritto al lavoro, come estrinsecazione della personalità e della professionalità.

Continua

Pensione di reversibilità tra coniuge divorziato e superstite

La pensione di reversibilità è ripartita tra coniuge superstite e coniuge divorziato in base alla durata del matrimonio e ad altri criteri

Continua

La disciplina del licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo intimato dal datore di lavoro con più di 15/60 dipendenti deve osservare la procedura prevista dalla legge Fornero

Continua

Emergenza Coronavirus, sostegno al reddito e alle famiglie

Emergenza Coronavirus. Le misure adottate dal Governo al sostegno del reddito dei lavoratori e delle famiglie

Continua

CIG, assegno ordinario, CIGD durante l'emergenza: chiarimenti sulle speciali misure di sostegno

Cassa Integrazione Ordinaria, Assegno Ordinario garantito dal Fondo Integrazione salariale FIS, Cassa Integrazione in Deroga durante l'emergenza sanitaria

Continua

Tutela infortunistica ai tempi del Coronavirus, i chiarimenti Inail

La circolare interpretativa Inail n. 22/2020 chiarisce che l'infezione da Sars Cov. 2 se contratta in occasione di lavoro è tutelata dall'Inail come infortunio

Continua