Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!


La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili
Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

Con la Legge n. 112 del 22 giugno 2016 - nota come Legge sul dopo di Noi - in Italia sono state emanate le disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare, così da supportare concretamente tali soggetti dopo la morte dei parenti che, finché sono in vita, si prendono cura di loro. La legge sul “Dopo di noi”, quindi, è nata per fornire gli strumenti che assicurino un futuro sereno a tutte quelle persone che, ad un certo punto della propria vita, non possono più contare sul supporto familiare, “attraverso la progressiva presa in carico della persona interessata già durante l’esistenza in vita dei genitori”.

Nello specifico, la Legge ha previsto lo stanziamento di 90 milioni di euro per l’istituzione di un Fondo per l’assistenza, oltre che l’istituzione di vincoli di destinazione e fondi speciali, agevolazioni per erogazioni, stipula di polizze assicurative e costituzione di trust a favore di disabili gravi, oltre che l’introduzione di esenzioni e benefici fiscali per la destinazione di beni e servizi e, ovviamente, la predisposizione di campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’argomento.

La norma stabilisce che il Fondo per l’assistenza sia destinato, tra le altre cose, a realizzare interventi di residenzialità, per la creazione di alloggi di tipo familiare; soluzioni abitative extrafamiliari per le situazioni di emergenza; programmi di sviluppo per la gestione della vita quotidiana.

Come già anticipato nel nostro precedente articolo, il Trust è uno strumento di tutela che si inquadra perfettamente nella filosofia del “dopo di noi” poiché prevede che alcuni beni possano essere destinati specificamente a vantaggio dei soggetti beneficiari, pur restando amministrati da soggetti terzi [1].

La traduzione italiana della parola inglese “trust” è fiducia ed infatti questo istituto è basato sul rapporto fiduciario tra i soggetti coinvolti: il disponente (con atto tra vivi o mortis causa) trasferisce la titolarità di alcuni beni ad un altro soggetto, il trustee, perché quest’ultimo li amministri a vantaggio del beneficiario, attenendosi alle disposizioni contenute dal disponente nell’atto costitutivo.

Nell’ambito del “dopo di noi”, il disponente – in genere il genitore o un parente – destina propri beni al fondo, assicurando alla persona disabile - il beneficiario del trust - un patrimonio che, nella fattispecie, sarà gestito da una persona di fiducia, ovvero un avvocato o una Onlus. Potrà, altresì, essere individuato un soggetto cd. “guardiano” – un individuo o un gruppo di persone, ovvero un ente o un’associazione – che sorvegli e verifichi l’attività del trustee ed il rispetto delle disposizioni del Trust.

Il beneficiario, che conosce le esigenze del soggetto disabile, potrà prevedere nell’atto costitutivo ogni aspetto del trust e fornire indicazioni pratiche al trustee per garantire assistenza, cura e mantenimento. Quest’ultimo, nello svolgimento del proprio compito, terrà in primo piano la sfera emotiva e sociale della persona debole. Il disponente potrà persino stabilire un possibile soggetto sostituto ovvero le cause di un eventuale subentro, ad esempio per decesso o per sopraggiunta incapacità di prestare assistenza al beneficiario.

Come detto, infatti, il Trust è un istituto estremamente variabile. Si potranno prevedere, inoltre, dei soggetti beneficiari finali ai quali, una volta concluso il Trust, nella fattispecie per la morte del soggetto debole, vengano trasferiti i beni che costituiscono il fondo, ad esempio i fratelli del disabile o l’associazione che si è occupata di lui.

Rispetto ad altre forme di protezione legale (interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno), il Trust può rappresentare un istituto alternativo, ma anche complementare ad essi. Ad esempio, l’amministratore di sostegno potrà avvalersi del Trust per vincolare alcuni beni a beneficio della persona tutelata.

Lo studio DM, esaminati i soggetti coinvolti, gli scopi finali della tutela ed i vari beni da destinare al fondo, potrà fornirvi una consulenza professionale personalizzata per realizzare al meglio i vostri propositi e dare maggiore certezza al futuro delle persone che vi stanno a cuore.

___________________________________________________________________
[1] Nel fondo, ovviamente, vige la regola della segregazione, ossia la separazione dei beni propri del trustee da quelli gestiti in favore del soggetto beneficiario del Trust.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua