Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Codice crisi impresa: ultima chiamata per la nomina dell'organo di controllo


Entro il 16 Dicembre diventerà obbligatoria la nomina dell’organo di controllo o di un revisore nelle società di capitali. Ecco i consigli operativi per adempiere
Codice crisi impresa: ultima chiamata per la nomina dell'organo di controllo

 


Entro il 16 Dicembre diventerà obbligatoria la nomina dell’organo di controllo o di un revisore nelle società di capitali che per due esercizi consecutivi (2017 e 2018) abbiano superato uno dei seguenti limiti:

1)    totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 4 milioni di euro, in precedenza era 4.400.000 euro;

2)    ricavi delle vendite e delle prestazioni: 4 milioni di euro, in precedenza era 8.800.000 euro;

3)    dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 20 unità, in precedenza erano 50 unità.


I consigli operativi per adempiere a questo obbligo sono i seguenti:

a) Analisi di bilancio delle società potenzialmente soggette a questo adempimento
Il primo step operativo è fare un’approfondita analisi di bilancio delle società. Con il nuovo codice della crisi tutte le società saranno soggette alla rilevazione degli indizi della crisi sia attraverso analisi interne tramite la verifica delle obbligazioni pianificate (flussi di cassa > debiti) oppure esternamente tramite segnalazione di soggetti qualificati o l’organo di controllo o il revisore. Quindi prestare massima attenzione a società che presentano:

      a.1) Patrimonio netto negativo che sarebbero segnalate in automatico in base al nuovo codice della crisi;

      a.2) Società che presentano margine operativi (MOL) in calo e debiti in aumento, sono a rischio continuità aziendale e richiedono particolare attenzione e professionalità;

     a.3) Società immobiliari ed holding di partecipazione che presentano elevati patrimoni (oltre 4.400.000 mila euro) ed elevate garanzie, che richiede un esame analitico delle garanzie rilasciate e solvibilità di società terze;

    a.4) Debiti verso personale scaduti da oltre 60 giorni ovvero debiti verso fornitori scaduti da oltre 120 giorni maggiori di quelli non scaduti che sarebbero soggette alla segnalazione da parte dell’organo di controllo.

In alcuni casi potrebbe essere opportuno una trasformazione in società di persone che necessitano minori controlli e pianificazioni rispetto una società di capitali, specie se la società non ricorre a capitale di terzi (debiti finanziari o operativi) in maniera continuativa.


b)    Convocazione assemblea dei soci
Il secondo step è la convocazione dell’assemblea dei soci e la scelta dell’organo di controllo o del revisore o di un sindaco-revisore. Le tre figure prospettate hanno ruoli e funzioni differenti. Il sindaco si occupa principalmente dell’osservanza della legge e dello statuto del rispetto dei principi di corretta amministrazione e in particolare, sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul suo concreto funzionamento, mentre al revisore spettano funzioni maggiori di controllo contabile delle poste di bilancio, della loro esistenza, della loro corretta valutazione, iscrizione ed esposizione. Il sindaco con funzione di revisione svolge ambedue i controlli.


c)    Se lo statuto non dispone diversamente l’organo di controllo è costituto da un solo membro
Occorre verificare lo statuto della società e costituire il numero di minimo in esso previsto ovvero nominare un organo composto da un solo membro.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Nuove regole per la nomina dell'organo di controllo

Con l'entrata in vigore del codice della crisi d'impresa si amplia la platea di società soggette alla nomina di un organo di controllo

Continua

Regime forfettario: a chi conviene veramente?

La Legge di Bilancio del 2019 ha ampliato la platea di persone fisiche che possono accedere al regime forfettario, ma non a tutti conviene accedere.

Continua

Analisi Settore Caseario: andamento dei flussi di cassa

Negli ultimi anni il settore caseario ha perso marginalità, mentre è cresciuto l'indebitamento. Si analizza come sono stati utilizzati i flussi di cassa

Continua

Rating aziendale e costo del debito

Il rating di una società è un dato fondamentale per verificare l'adeguatezza del tasso d'interesse richiesto dall'intermediario finanziario

Continua

Rivalutazioni dei beni d'impresa: i vantaggi per le società di persone

La rivalutazione presenta vari vantaggi per le società in contabilità semplificata e le società in trasparenza i cui redditi sono tassati in base agli scaglioni IRPEF

Continua

Rottamazione-ter: i vantaggi per le persone fisiche

La rottamazione-ter, oltre ad ampliare i termini di dilazione del pagamento, permette di stralciare le imposte sulla base del valore dell'ISEE

Continua

L’ accantonamento degli utili riduce l’aliquota I'Ires

La Legge di bilancio 2019 ha abrogato l'ACE e ha introdotto la mini IRES. Ecco i criteri di calcolo

Continua

La rivalutazione delle partecipazioni: quando conviene farlo

Con la rivalutazione fiscale delle partecipazioni si può godere di una tassazione minore sulla plusvalenza in caso di vendita

Continua

Decreto Crescita: novità per mini IRES e IMU

Il Decreto crescita semplifica la Mini-Ires e aumenta la deducibilità dell'IMU per gli immobili strumentali

Continua

Microcredito: una garanzia poco conosciuta

Il microcredito, garanzia statale per accedere ai finanziamenti bancari, in Italia è ancora poco conosciuto e diffuso

Continua

L’innovazione e la ricerca quale volano di crescita dell’azienda

Troppo spesso si sente parlare di innovazione e di ricerca, ma in realtà sono argomenti ancora lontani dalla prassi aziendale

Continua

Legge di Bilancio 2020: la rivalutazione dei beni d’impresa

Rivalutazioni dei beni d’impresa: aumentano i vantaggi per le società di persone e diventa appetibile anche per le società di capitali

Continua

L’utilità del Business plan al tempo del Covid-19

Nonostante gli interventi governativi tesi a semplificare l’accesso al credito, diviene fondamentale avere a disposizione un business plan

Continua