Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Hai un capo "insopportabile"? Ecco 8 consigli per gestirlo


La ragione numero uno per cui si cambia lavoro è avere sopra di sé un capo insopportabile, con cui non si riesce assolutamente a interagire
Hai un capo "insopportabile"? Ecco 8 consigli per gestirlo

Ci sono tre modi per gestire una situazione con il proprio capo:

1. subirla passivamente (è la soluzione peggiore, il rischio di stare poco bene psicologicamente e fisicamente, con sintomi psicosomatici, è davvero molto alto);

2. mettersi subito a cercare un nuovo lavoro, rispondendo agli annunci o tramite noi headhunter (ci sta, è solo un peccato se si è legati alla propria azienda, e il problema è il capo che ci siamo ritrovati tra capo e collo);

3. cercare di migliorare il rapporto col capo difficile.

Ecco i consigli di Roberto D’Incau, Founder&CEO Lang&Partners Younique Human Solutions per gestire un capo “impossibile”:

1.    Cerca di capire se davvero hai a che fare con un boss pessimo o se invece sei troppo duro con lei/lui, magari perché sotto sotto avresti voluto essere al suo posto e l’azienda, invece, te l’ha messo sopra, deludendoti

2.    Mettiti nei panni del tuo boss, capendo il suo punto di vista: è davvero un cattivo capo, o è semplicemente molto sotto pressione per i risultati che deve portare, e non sente che i suoi riporti diretti lo supportano adeguatamente: a volte, specie se si è in azienda da tanto tempo, si tende a rimpiangere il capo precedente, a ricordarne solo i pregi e non i difetti, mentre si vedono solo i difetti dell’attuale

3.    Ok, il capo ti stressa, ma il tuo ruolo in azienda va avanti indipendentemente da lui: se il tuo output è ineccepibile, se non ti fai abbattere dal caratteraccio del boss, il leadership team dell’azienda comunque apprezzerà quello che fai, e questo rafforzerà il tuo peso specifico. A volte, i capi impossibili non durano tanto, tutto sta a resistere uno o due anni…

4.    Hai un capo che fa del micromanagement e che controlla la durata delle tue pause pranzo, ogni riga dei report che tu scrivi, come gestisci ogni singola voce del budget che ti è affidato? Hai ragione, hai un capo poco strategico e che non sa delegare, ma ti consiglio di fare buon viso a cattivo gioco, di rassicurarlo nella sua ansia di controllo assecondandolo perlomeno per il primo anno; vedrai che poi automaticamente si fiderà via via sempre di più, e le cose tra voi andranno meglio

5.    Metti dei paletti: bisogna fargli capire chiaramente, con cortesia ma anche con fermezza, che non si è disposti a subire la sua maleducazione o l’aggressività; ci sono persone che “prendono fuoco” facilmente, perché hanno una scarsa capacità di gestire emozioni e impulsi. Bisogna agire non nel momento del conflitto, ma il giorno dopo dicendogli “non ti sembra di avere esagerato ieri con la tua reazione”: questo fa riflettere, e fa capire che c’è un limite invalicabile, quello dell’educazione e del rispetto.

6.    Assecondalo nelle sue manie: ogni capo ha le sue piccole manie, c’è chi ha l’ossessione delle scrivanie ordinate, chi della puntualità, chi del rispetto dell’orario della pausa pranzo, chi non ama lo smart work a causa della sua ansia di controllo. Assecondare il capo in questo, ad esempio evitando di arrivare sempre alle 9:30 se per lui è importante che tutti i collaboratori siano in ufficio già alle 9, significa, con un piccolo sforzo, venirgli incontro e rassicurarlo sul fatto che si condivide la sua filosofia lavorativa.

7.    Capisci se sei di fronte a un capo dal carattere difficile o a una persona che necessita di cure psicologiche: a me è successo, anni fa, fuggii a gambe levate, ci tenevo troppo al mio benessere psicofisico per lavorare con un capo psicolabile. In questo caso, soprattutto se si lavora in un grande gruppo, è bene parlare con l’HR e condividere il proprio punto di vista, per essere spostati in un altro gruppo di lavoro: si potrebbe trattare di un capo con sindrome di burnout, oggi finalmente considerata come una vera e propria malattia professionale.

8.    Last but not least, evita accuratamente per il futuro di andare a lavorare con un capo dal carattere impossibile: conosco un executive che, forse inconsciamente, ha scelto di lavorare con enne capi (imprenditori)  notoriamente dal carattere pessimo. L’ultima volta, recentemente, è venuto da me lamentandosi dell’ultima scelta fatta, lavorare per un imprenditore notoriamente dalla personalità, diciamo, difficile. Il mio commento? Errare è umano, ma perseverare è diabolico!

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Vivere il lavoro come un allenamento della felicità

Il lavoro può darci la felicità? Si, nella misura in cui possiamo agire sui segnali di "fatica" che generano un danno nelle relazioni con noi stessi e con gli altri

Continua

Il Coach è molto di più di un motivatore

La parola “coach” è sempre più abusata, è importante fare chiarezza su cosa è il coaching professionale

Continua

E' l'umore a determinare l'efficacia delle persone sul posto di lavoro

Sempre più imprese negli Stati Uniti e in Europa decidono di puntare sulla felicità e sul benessere dei propri dipendenti

Continua

Le buone relazioni umane rendono le persone felici sul lavoro

Non è unicamente il salario a rendere i dipendenti felici, il segreto è instaurare relazioni umane soddisfacenti

Continua

Ecco i 5 modi per avere successo

La maggior parte di noi ha delle convinzioni radicate che possono essere un serio ostacolo alla realizzazione dei progetti di cambiamento

Continua

Felicità e lavoro possono con-vivere?

Rendere felice il nostro lavoro e quello degli altri è un processo che richiede fatica: questa è la percezione comune che abbiamo

Continua

Dire grazie è da giusti, non da deboli

Grazie è il primo mattone per iniziare a costruire relazioni sane, anche sul posto di lavoro

Continua

La felicità al lavoro esiste!

Non è un'utopia: il benessere al lavoro è una realtà sempre più consolidata, anche in Italia

Continua