Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Un passo avanti nella UNI ISO 45001


La UNI ISO 45001 diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro
Un passo avanti nella UNI ISO 45001

La UNI ISO 45001 è sicuramente una delle novità più importanti del 2018. Grazie all'introduzione di uno standard internazionale per la costruzione del Sistema di Gestione per la Sicurezza, questa norma diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro.

Naturale evoluzione dalla OHSAS 18001, la nuova norma UNI prevede un periodo di transizione di tre anni, fino al Marzo 2020. Durante questo periodo le imprese avranno la possibilità di approcciarsi alla normativa attuando dei percorsi transitori di vario genere.

Approcciare la sicurezza in azienda attraverso la nuova norma 45001 permette al "Sistema Azienda" di aumentare in modo tangibile le performance dei lavoratori anche grazie alla proattività richiesta agli stessi in materia di Gestione della Sicurezza.

In questo periodo si parla molto delle differenze tra la nuova ISO 45001 e la OHSAS 18001, ma oggi vogliamo parlare di come un approccio sistemico strutturato alla nuova normativa possa generare dei risultati molto soddisfacenti.

Oltre la ISO 45001. I risultati che si possono raggiungere

Tra le varie novità introdotte nella ISO 45001 è presente la sezione dedicata alla consapevolezza dei risultati.

Si tratta di un elemento che, seppur complesso, offre la possibilità all'organizzazione di individuare gli elementi su cui lavorare per permettere il miglioramento delle performance atte alla riduzione del rischio o i processi di governance aziendale.

In questo articolo portiamo l'esempio di una nota azienda multinazionale che ha voluto applicare in modo molto strutturato e dinamico le indicazioni della norma UNI ISO 45001 attraverso un metodo che ha permesso la ridefinizione della gestione della sicurezza.

Il metodo è stato applicato a partire dall'ultimo quadrimestre del 2014 e ha portato in breve tempo dei risultati evidenti e molto interessanti sia sul piano statistico sia sul piano dell'efficacia:

•    il Loss Time Accident Ratio (ossia il tempo perso a causa degli incidenti) è diminuito dell'87%;

•    gli infortuni sono diminuiti dell'87% da quando è stato applicato il metodo;

•    i Near Miss (mancati infortuni) sono aumentati del 267% (questo significa una sostanziale diminuzione degli infortuni veri e propri);

•    i Safety Tag (segnalazioni di pericolo da parte dei lavoratori) sono aumentate del 150% da quando è stato applicato il metodo.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Lavorare in ufficio può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, in realtà è importante valutare questo rischio

Continua

Il problema multidimensionale del mal di schiena

La lombalgia è una malattia multifattoriale e debilitante, che esercita un enorme onere socioeconomico sugli individui e sui sistemi di assistenza sanitaria

Continua

ATEX - L’importanza della gestione del rischio esplosione

Due incidenti, seppur con finali diversi, ricordano l'importanza che ricopre la valutazione del rischio esplosione (ATEX) all'interno di stabilimenti a rischio

Continua

Idoneità alla mansione: obblighi e provvedimenti del datore di lavoro

A valle del rilascio da parte del medico competente del giudizio di idoneità alla mansione, il datore di lavoro può dover gestire diverse casistiche anche delicate

Continua

Novità del Codice di Prevenzione Incendi

A breve verrà pubblicato un nuovo Decreto Ministeriale ai più noto come “Codice di prevenzione incendi”

Continua

Il comportamento abnorme del lavoratore

Nelle Sentenze relative ad infortuni sul lavoro si sente parlare spesso di “comportamento abnorme del lavoratore” come motivazione di ricorso da parte dell'imputato

Continua

PED - Uno strumento per il calcolo delle attrezzature a pressione

Si tratta di un utile strumento per verificare l'idoneità rispetto agli obblighi previsti dalla normativa delle proprie attrezzature a pressione

Continua

Documento sulle procedure di utilizzo del Transpallet Elettrico

Uno dei più comuni strumenti di lavoro all'interno delle aziende è sicuramente il Transpallet Elettrico, un'attrezzatura utilizzata per la movimentazione dei carichi

Continua

La responsabilità del datore di lavoro in tema di sicurezza

Cassazione: la formazione del dipendente non esime il datore di lavoro dal predisporre misure cautelari

Continua

Sicurezza lavoro, il ruolo di garanzia del CDA nel caso di società di capitali

Nel caso di società di capitali, gli obblighi di prevenzione degli infortuni gravano in maniera paritetica, fatto salvo il caso di delega, su tutti i membri del CDA

Continua

INAIL, proroga della scadenza delle richieste di incentivo

INAIL - Proroga della scadenza delle richieste di incentivo alle imprese virtuose

Continua

Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro

Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, strumento obbligatorio come stabilito dal D.lgs. 81/08 per la gestione della sicurezza in azienda

Continua

La videoconferenza è l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Ciò che risulta importante è porsi una domanda fondamentale: la videoconferenza è davvero l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Continua

L'infortunio sul lavoro per COVID-19 e la responsabilità del datore di lavoro

L'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro

Continua

Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19

Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato senza dubbio la formazione

Continua

Testo Unico: si va verso un aggiornamento?

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato la necessità di porre una maggior attenzione sui temi legati proprio alla salute e sicurezza sul lavoro

Continua

COVID-19: proroga dell’emergenza, D.L. 7 ottobre e D.lgs. 81/2008

Prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e introdotte modifiche al D.lgs. 81/2008

Continua

COVID19 - Sappiamo davvero la differenza tra isolamento e quarantena?

E' importante declinare questa distinzione anche all'interno delle aziende, per permettere ai datori di lavoro di gestire al meglio eventuali casi di contatto.

Continua