Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Una Leadership riconosciuta e condivisa


Oggi vorrei iniziare con una storia che parla di fiducia reciproca in un gruppo coeso
Una Leadership riconosciuta e condivisa

Una coppia (Luca e Donatella) e la sorella di lei (Silvana) decidono di andare in montagna, a fare una ciaspolata. Per Silvana è la terza uscita, invece per Donatella è la seconda volta. Lui invece è più pratico dello sci che delle ciaspole, conosce la zona perché in passato e per tanti anni è andato a sciare. Questa volta, però, vorrebbe fare un percorso meno battuto, ma comunque segnalato. Lui sa che le due donne sono molto sportive, e crede che anche per le ciaspole non siano alle prime armi. Chiede loro se vogliono andare su un percorso piatto o se invece vorrebbero salire sulla montagna perché lui è curioso di vedere cosa c’è oltre il crinale; loro rispondono che salire non sarà un problema. Inizia dunque la salita: Luca è davanti, apre la strada, le due sorelle sono dietro. Finché il percorso è pianeggiante, nessuno ha problemi e tutti hanno più o meno la stessa andatura.

Quando si inizia a salire, Donatella procede più lentamente, Luca - che è davanti - va a controllare per capire come mai la sua compagna stia rallentando. Si rende conto che non sta usando bene le ciaspole: le spiega che per le salite è meglio se sganci dietro, in modo che il passo si alleggerisca e lei sia più libera di camminare. Donatella, però, è una donna un po’ testarda, e risponde che si sente più comoda cosi, anche se va piano. Silvana, la sorella, vedendo e ascoltando la situazione, conferma ciò che Luca sta dicendo, ma comunque non ottiene nessun risultato. Dice a Luca di non preoccuparsi, lei conosce bene sua sorella e sa che in queste situazioni è meglio lasciarla con le sue convinzioni – anche se sbagliate – in quanto prima o poi si renderà conto del suo errore. Così tutti e tre continuano a salire, anche se al rallentatore.


Più avanti si presenta un'altra difficolta: le due sorelle si ritrovano a camminare sul fianco della montagna e, causa l’inesperienza, non sanno bene come mettere i piedi. Silvana scivola, senza però farsi troppo male. Luca, che le precedeva, torna indietro e le spiega come deve mettere sia i piedi che il corpo in situazioni come questa. Silvana ascolta e ci prova, ma fa fatica, dice comunque a lui di non rallentare troppo e di continuare ad andare avanti, di non fermarsi. Luca riprende a condurre il piccolo gruppo e, quando stanno per arrivare a pochi metri dalla cima, si accorge che Donatella è stanca morta, soprattutto perché non ha voluto ascoltare i suoi consigli riguardo l’uso delle ciaspole.


A questo punto, finalmente, Donatella si rende conto del suo errore: è molto stanca e rimane in fondo alla fila. Anche la sorella fa fatica a salire. Luca vuole arrivare in cima, ma vorrebbe che arrivassero tutti insieme. Si fermano per capire la situazione. C’è una piccola discussione sul fatto che le donne non sono molto pratiche delle ciaspole e quindi Luca vuole tornare indietro perché le sue compagne di avventura non ce la fanno, ma le due donne gli chiedono di non fermarsi: anche se sono stanche, piano piano riusciranno ad andare avanti. Lui è più tranquillo e continua la salita, voltandosi sempre per controllare che le due donne lo seguano, arriva per primo in cima e poi torna indietro dicendo che la strada per la vetta è ancora lunga, ma si sta facendo tardi e il sole inizia a scendere: forse è meglio non proseguire.
Decidono allora tutti insieme di avviarsi verso il ritorno.

 

Con questa storia ho voluto farvi vedere che nella vita di un gruppo, quando c’è rispetto reciproco, non è difficile condividere un obiettivo e identificare chi è la guida, che può esercitare il suo carisma grazie alla sua esperienza e alla voglia di fare cose nuove con le competenze costruite nel tempo. In queste situazioni, gli altri si affidano, e nella fiducia reciproca non ci sono problemi di comunicazione: se c’è qualcosa che non va si discute, si arriva a una soluzione migliore sia per il singolo che per il gruppo, perché si riconosce che ogni singola persona ha le proprie capacità per risolvere i problemi coi propri tempi, e alla fine si arriva così ad una soluzione. Certo, nella situazione che vi ho presentato qui la fiducia si ha perché ci si conosce, ma perché allora anche nelle aziende non si fa la stessa cosa, diventando un gruppo unito, dove tutti si conoscono e si fidano degli altri?


I giapponesi sono molto avanti nel promuovere conoscenza reciproca e fiducia negli altri: per esempio, alla Panasonic una volta alla settimana, un dipendente, a prescindere dalla sua posizione, deve parlare per 10 minuti davanti a tutti. Può dire qualsiasi cosa, parlare di economia, su un fatto di cronaca, addirittura raccontare una barzelletta. Questo gli permette di farsi conoscere, e aumenta la sua fiducia in sé stesso.


Voi nelle vostre aziende, cosa fatte per creare un ambiente coeso, dove ogni persona può dire realmente ciò che sente o pensa, senza paura di essere frainteso o richiamato?

 

Se pensate di aver bisogno di un intervento di coaching per migliorare l’ambiente lavorativo, chiedete informazioni e vi preparerò una proposta su misura.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il professionista emotivamente competente

Hai mai pensato che la conoscenza delle proprie emozioni, e il sentire quanto sente l’altro, sono abilità molto utili nel lavoro?

Continua

Obiettivi, Focus, Emozioni

Tre parole chiave che cooperano tra loro

Continua

Professionista e Sindrome del sacrificio

Sindrome del sacrificio, cosa c’entra con il professionista?

Continua

Ottimismo e schemi mentali

E' meglio essere ottimisti e avere torto piuttosto che pessimisti e avere ragione (Albert Einstein)

Continua

Conosci te stesso, riconosci le tue potenzialità

Riconoscendo le nostre potenzialità, il lavoro può diventare meno noioso e stressante. Scopri come!

Continua

Schemi ripetitivi ed emozioni?

Sì, perché quando le nostre emozioni sono forti e inaspettate si legano ai nostri ricordi

Continua

Superare l’ansia di parlare in pubblico

Quando i trucchetti per parlare in pubblico non bastano...

Continua

La stessa persona!?

Quando i nostri ruoli diventano rigidi, ci dimentichiamo di noi stessi

Continua

Vivere senza stress? È possibile con la tecnica del FastReset

FastReset, accettiamo di avere un problema di stress e serviamoci degli strumenti per affrontarlo

Continua

Avete già in mente il vostro "Obiettivo 2019"?

Se ancora non avete definito il vostro obiettivo per questo anno, questo articolo è per voi!

Continua

Come diventare life coach

Voglio raccontarvi la mia esperienza e il perchè sono diventata coach

Continua

Smetti di mangiare peperoncini e sii felice!

Vi racconto una storia sulla felicità che ho sentito in una conferenza di Alejandro Jodorowsky

Continua

Alla ricerca di riconoscimento

Vi voglio raccontare una storia che ho letto su un libro di Jorge Bucay, che parla di quando desideriamo il riconoscimento dagli altri

Continua

Ennesimo fallimento in amore? Prova e riprova, e niente!

Non capisci cosa succede! I tuoi uomini sono sempre tutti sbagliati! Ti fai domande del tipo: quale sarà stato il mio errore questa volta?

Continua

Gli errori non ti fermano, ti fortificano

L’unica cosa che può veramente fermati sei tu! O, meglio, sono le tue emozioni a fermarti

Continua

Basta sentirsi Vittima!

Fin da piccola ho sempre visto lontana mia madre, aveva litigato con mio padre per colpa nostra (parlo in plurale perché ho una sorella gemella)

Continua

L’uomo perfetto esiste?

Fin da quando siamo piccole, a noi donne viene raccontata la storia del principe azzurro

Continua

Il primo bacio non si scorda mai...ma tu puoi cambiare!

Esistono tecniche molto semplici che ti permettono di cambiare i tuoi schemi mentali e non funzionali in amore

Continua

Don’t touch my men! Gelosa io? NO…

Esistono tecniche molto semplici che ti permettono di cambiare i tuoi schemi e di gestire la gelosia

Continua

Seguire le proprie passioni? Non è mai troppo tardi!

Seguite sempre le vostre passioni anche se sembra che non vi portino da nessuna parte!

Continua

Non saper prendere una decisione può derivare da una scarsa fiducia in se stessi

Attraverso un lavoro su se stessi è possibile rimuovere gli ostacoli che impediscono di prendere in mano la propria vita

Continua

Io sono una brava ragazza! Io evito di litigare.

Era questo ciò che mi dicevo sempre, ogni volta che avrei invece voluto affrontare qualcuno.

Continua