Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Una veloce burrasca sui mercati finanziari


Dopo un 2018 caratterizzato dalla discesa dei mercati finanziari, si assiste a un forte recupero da inizio 2019
Una veloce burrasca sui mercati finanziari

Il 2018, un anno caratterizzato da volatilità e tensioni

Il 2018 si è chiuso con una decisa flessione della maggior parte degli asset di investimento internazionali, sia azionari che obbligazionari.

Infatti, dopo un paio d’anni dove la volatilità sui mercati era praticamente sparita, dalla primavera del 2018 si è riaffacciata sui mercati europei, mentre in autunno ha cominciato a scompigliare anche i mercati americani.

I motivi sono diversi: in Europa si sono riviste al ribasso le stime di crescita economica e le tensioni politiche Italia-Europa non hanno certo migliorato la situazione; negli Stati Uniti, invece, sono stati gli attriti commerciali con Cina prima ed Europa poi a far temere la fine della lunga (seppur moderata) ripresa che dura ormai da 10 anni.  

Tutto ciò ha contribuito a far sorgere il timore del veloce avvicinarsi di una fase recessiva dell’economia americana che, ovviamente, trascinerebbe anche il resto del mondo in una fase di difficoltà.

Oltre a ciò, anche i comparti di investimento obbligazionari per noi europei non hanno offerto riparo: i tassi a zero con prospettive di rialzi a medio termine non hanno consentito il consueto benefico effetto della diversificazione.

Il 2019, un anno cominciato sotto i migliori auspici

Fortunatamente, l’anno nuovo è cominciato sotto i migliori auspici: l’allentamento delle tensioni europee ed internazionali ha fatto prendere una boccata d’ossigeno agli indici. Inoltre, il repentino calo dei mercati ha fatto tornare le quotazioni a livelli appetibili e, in meno di un trimestre, i mercati hanno recuperato quasi tutte le minusvalenze dell’intero anno precedente.

La volatilità sui mercati porta sempre preoccupazione, ma dobbiamo ricordarci che genera anche opportunità per i gestori professionali che (a differenza del risparmiatore cassettista) riescono spesso a trarre vantaggio proprio da questi scivoloni dei mercati.

 

I consulenti finanziari al fianco dei risparmiatori

Noi consulenti finanziari siamo al fianco dei risparmiatori, prima di tutto per disegnare i loro progetti di investimento (figli, casa, pensione, spese future), per definire la tipologia e gli orizzonti temporali delle soluzioni ed, infine, per aiutarli a mantenere il timone saldamente nelle proprie mani quando il mare è in burrasca: dopo ogni tempesta torna sempre il sereno.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Vecchio Continente o Continente di Vecchi?

Previdenza e demografia: le speranze sulle nostre pensioni non possono prescindere dalle stime di crescita della popolazione

Continua

Consulenza finanziaria, la pianificazione libera risorse

Il patrimonio finanziario non rende se rimane accantonato in attesa di imprevisti. Pianificare libera risorse che possono (devono) essere investite proficuamente

Continua