UNI EN ISO 9001:2015 la nuova norma per la Qualità


Il futuro per i Sistemi di Gestione per la Qualità per ogni tipologia di azienda e organizzazione
UNI EN ISO 9001:2015 la nuova norma per la Qualità
Crescita del fatturato, riduzione di costi e sprechi, miglior possibilità di partecipare a contratti/appalti, miglioramento della soddisfazione dei clienti, miglioramento del clima aziendale e della partecipazione del personale, aumento dell’efficienza delle attività aziendali in generale.

Questi sono alcuni dei vantaggi che si possono ottenere dall’introduzione della norma UNI EN ISO 9001:2015, e della sua certificazione, da parte di una organizzazione.

La norma UNI EN ISO 9001:2015 specifica i requisiti per i Sistemi di Gestione per la Qualità ed è una delle norme internazionali sviluppata dall’ISO (International Organization for Standardization) maggiormente conosciuta e diffusa nel mondo: 183 paesi e applicata da imprese piccole, medie, grandi di tutti i settori produttivi e dei servizi, sia privati che pubblici.

Ma cos’è un Sistema di Gestione per la Qualità?
Un Sistema di Gestione per la Qualità è un modello organizzativo, cioè il modo in cui un’organizzazione (impresa, azienda, ente, associazione, studio professionale) gestisce e tiene sotto controllo le attività dei suoi processi di business e dei propri obiettivi.
I requisiti della norma, che nasce su base volontaria, sono di carattere generale e sono creati per essere applicabili a qualsiasi di queste, indipendentemente dal tipo, dalla dimensione e dai prodotti e servizi offerti.

Obiettivi
La norma UNI EN ISO 9001:2015 non fornisce requisiti specifici a prodotti e servizi realizzati dalle organizzazioni, a cui doversi conformare, ma delle "buone prassi" di gestione da adottare per raggiungere gli obiettivi della qualità al loro interno.
Quindi non c’è un’unica strada per la Qualità ma più possibili strade per raggiungerla. E che ognuno sceglierà con le proprie modalità e velocità.

Principali requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2015
I principali argomenti da sviluppare per l’applicazione della norma sono:
Contesto dell’organizzazione; Ruoli e responsabilità; Valutazione rischi e opportunità; Attività operative (processi commerciale, progettazione, acquisti, produzione, controlli); Attività di supporto (infrastrutture, strumenti, competenze, documentazione; Valutazione delle prestazioni aziendali; Reclami, non conformità e miglioramento.
A seconda della tipologia dell’organizzazione e delle sue dimensioni i requisiti saranno applicabili o in alcuni casi esclusi dall’applicazione.

Situazione da evitare
L’applicazione di un Sistema di Gestione all’interno di una organizzazione o di una impresa non dovrebbe creare una burocratizzazione, cioè una produzione e gestione di documentazione eccessiva, formale ed autoreferenziale, con perdita di flessibilità, capacità oggi richiesta per una competitività duratura.
L’intervento di un consulente progettista di sistemi di gestione, anche solo nella fase iniziale, può essere utile ad evitare dei costi immediati, per inutili perdite di tempo nella comprensione dei requisiti, e a lungo termine per evitare che irrigidimenti della struttura organizzativa vadano a limitare i risultati aziendali.

Vantaggi duraturi
L’adozione di un Sistema di Gestione per la Qualità è una decisione strategica che aiuta l’organizzazione a migliorare le proprie prestazioni generali e costituisce una base per il raggiungimento degli obiettivi di quest’ultima: economici, produttivi, di relazione con il personale all’interno e verso l’esterno.
I costi della sua implementazione e gestione sono da considerarsi un investimento, al pari del nuovo impianto o del software, e che fornirà un ritorno in termini di benefici e miglioramento.

Articolo del:


di Stefano Brusamolin

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse