Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Vendita della casa affidata all'ex moglie


separazione; casa affidata alla moglie e possibilità della vendita; il terzo acquirente
Vendita della casa affidata all'ex moglie

Con la separazione, il giudice assegna la casa coniugale alla donna, perché affidataria dei figli minori, anche se l’immobile è di proprietà dell’ex marito, il quale dovrà andare via, ma non perde certo il diritto di proprietà sul proprio bene. Può anche decidere di venderlo a terzi.
La Corte di Cassazione con sentenza n. 28229 del 18 dicembre 2013, ha stabilito che se il marito proprietario dell'immobile, a seguito di separazione, decide di venderlo a terzi, la moglie ed i figli non possono andare via di casa in quanto "il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, avendo per definizione data certa, è opponibile al terzo acquirente per nove anni anche se non trascritto, se, invece, viene trascritto e' opponibile anche oltre i nove anni".
Quindi chi acquista un immobile che il giudice ha assegnato alla ex moglie, acquista un immobile occupato, il che significa che il terzo acquista la proprietà ma non può entrare in possesso dell'immobile in virtù del provvedimento di assegnazione del giudice.
Il proprietario del bene, per evitare, in caso di separazione o divorzio, che la casa venga assegnata dal giudice all’ex moglie, deve venderla prima della sentenza definitiva e trascrivere l’atto di vendita nei pubblici registri immobiliari prima della trascrizione della sentenza di assegnazione dell’immobile. Ciò che conta, è la data di trascrizione dell’atto di vendita che deve essere anteriore a quella del provvedimento del Tribunale (Cass. ordinanza n. 7007/2017).
Quindi se il provvedimento di assegnazione della casa familiare non è trascritto presso la Conservatoria dei Registri immobiliari, la moglie alla quale è stata assegnata la casa, può opporre al terzo acquirente dell’immobile, il titolo di assegnazione per un periodo di nove anni. Se il provvedimento del Tribunale invece, viene trascritto presso la Conservatoria, prima dell'atto di vendita dell'immobile a terzi, il titolo di assegnazione può essere opposto anche oltre i nove anni. Se invece viene trascritto prima l’atto di vendita del provvedimento di assegnazione, l’ex moglie non può ottenere l’abitazione familiare e dovrà andare a vivere altrove.
Se la coppia però è in regime di comunione dei beni, i soldi ottenuti dalla vendita della casa rientrano nella comunione stessa e andranno divisi tra marito e moglie.
E’ possibile chiedere la revoca dell’assegnazione della casa coniugale, anche dallo stesso terzo acquirente, ricorrendo al giudice per far accertare se si è verificata una delle seguenti condizioni:
a) i figli siano andati a vivere altrove, anche se la madre è rimasta nell’immobile, in quanto è venuto meno lo scopo della stessa assegnazione che è quello di consentire ai minori di continuare a vivere nello stesso habitat domestico;
b) la madre sia andata a vivere altrove;
c) i figli, benché continuino a vivere nella casa coniugale, abbiano tuttavia raggiunto l’indipendenza economica tale da consentirgli di vivere altrove.
Il nuovo proprietario non ha diritto a chiedere, alla donna che ha abitato l’appartamento, unindennità di occupazione calcolata dal momento della vendita, dato che l’occupazione del bene è giustificata dalla pronuncia di separazione o divorzio del tribunale (Cass. sent. n. 15367/2015).

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto di famiglia
Avv. Rosa Guardascione
Corso Italia, cap 81050 Pastorano (CE).
81050 - Pastorano (CE), Campania


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Decorrenza termini iscrizione a ruolo:art. 521cpc

pignoramento mobiliare autoveicoli. termini di iscrizione a ruolo.

Continua

Decorrenza dei termini dell`iscrizione a ruolo

Pignoramento mobiliare di autoveicoli e termini di iscrizione a ruolo, art. 521cpc

Continua

Notifica al terzo dell`ordinanza di assegnazione

Ordinanza di assegnazione: notifica al terzo prima del precetto

Continua

Illegittima segnalazione al CRIF

Provvedimento d'urgenza per l'illegittimità della segnalazione al CRIF

Continua

Azione di manutenzione e decadenza

Chi subisce molestie nel possesso di un immobile può agire con l`azione di manutenzione entro un anno dalla turbativa

Continua

Minore straniero e permesso di soggiorno

Art. 31 d.lg. 286/98; minore straniero e permesso di soggiorno dei genitori; procedura

Continua

Il valore probatorio del modulo C.A.I.

Le dichiarazioni contenute nel modulo C.A.I. non assurgono a piena prova, ma sono idonee a fondare una presunzione semplice

Continua

Riduzione di ipoteca

Ipoteca iscritta per una somma eccedente o quantità eccessiva di beni; art. 2872 c.c. e ss

Continua

Estinzione anticipata del finanziamento. Rimborsi

Finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e/o con delegazione irrevocabile di pagamento; rimborso commissioni, oneri e premio assicurativo

Continua

ABF: risoluzione alternativa delle controversie

L'ABF: sistema di risoluzione alternativa delle controversie; procedura; termini e condizioni

Continua

Fondo di garanzia dell'inps

Intervento dell'inps quale fondo di garanzia nel caso di fallimento; art. 102 legge fallimentare; previsione di insufficiente realizzo

Continua

Disconoscimento della paternità

Presupposti, termini di prescrizione e legittimati

Continua

Volo cancellato, in ritardo? Diritto a risarcimento

Regolamento comunitario; diritto alla compensazione pecuniaria in caso di voli in ritardo, cancellati o overbooking

Continua

Separazione e assegni familiari

In caso di separazione e divorzio gli assegni familiari spettano al genitore cui sono affidati i figli

Continua

Indennità disoccupazione, Naspi: posso lavorare?

Naspi e lavoro nero; naspi e lavoro autonomo o parasubordinato; naspi e lavoro occasionale; naspi e professionisti

Continua

Lavoro nero: quali sono le conseguenze?

Lavoro nero, conseguenze per il datore di lavoro e conseguenze per il lavoratore

Continua

Diritto dell'erede alla richiesta di documenti presso Banche o Poste

Diritto di accesso art. 119, comma 4 TUB; D.Lgs. 196/2003, art 7

Continua