Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Vincolo di destinazione: mettere i beni al sicuro


Il “Vincolo di destinazione” prevede un’ulteriore eccezione al principio in base al quale il debitore risponde alle obblgazioni con beni propri
Vincolo di destinazione: mettere i beni al sicuro
Il "Vincolo di destinazione" è stato introdotto in tempi relativamente recenti (2006, art. 2645 ter c.c.) e prevede un’ulteriore eccezione al principio di responsabilità patrimoniale generica (in base alla quale, di norma, il debitore risponde dell’adempimento delle obbligazioni con tutti i propri beni, presenti e futuri).
E’ in tal modo possibile destinare determinati asset (per un periodo massimo di novant’anni o per la durata della vita della persona fisica beneficiaria) alla realizzazione di specifici scopi, gravando gli stessi con apposito vincolo, cui dare apposita pubblicità.
E’ il caso di affermare con sicurezza che in tal modo si attua un pieno effetto segregativo su tali beni (e sui loro frutti), che divengono così pignorabili solamente per debiti contratti per il fine di destinazione.
Il regime di impignorabilità accomuna l’istituto a quello del fondo patrimoniale, dal quale però il vincolo di destinazione differisce per la sua maggiore "ampiezza", sia sotto il profilo degli scopi perseguibili, che sotto quello del novero dei beneficiari; che, ancora, in relazione all’oggetto (ovverosia alla tipologia di beni conferibili).
Qui gli scopi possono essere i più vari, purchè "meritevoli di tutela" (cioè riferibili a beni giuridici già provvisti di una qualche forma di protezione da parte dell’ordinamento) e non esclusivamente riferibili al disponente.
Si evince dunque che il Beneficiario potrà essere qualsivoglia persona fisica od ente: sarà così possibile tutelare, ad esempio, il partner non coniugato, la c.d. "famiglia di fatto", associazioni e fondazioni che svolgano attività di beneficenza, ed altro.
Lo scopo perseguito, per essere "meritevole", dovrà essere prevalente rispetto agli interessi sacrificati dei creditori del disponente estranei al vincolo (astrattamente pregiudicati dalla diminuzione della propria garanzia patrimoniale).
Fondamentale diventa dunque il seguente concetto: diversamente dal fondo patrimoniale, nel quale possono essere conferiti solo beni immobili o mobili registrati, qui possono essere conferiti anche beni mobili non registrati, purchè sia possibile darne apposita pubblicità (e quindi, tra di essi, il denaro, i crediti, le azioni e, secondo la dottrina maggioritaria, anche le quote di S.r.l.).
La segregazione patrimoniale
La segregazione patrimoniale si perfeziona con l’apposizione del vincolo; al fine, tuttavia, di provvedere alla tutela concreta degli interessi dei beneficiari e’ opportuno prevedere, tramite appositi negozi fiduciari, la figura di un terzo il quale dia (quantomeno successivamente alla morte del disponente) attuazione allo scopo e disponga dei beni quando il vincolo sarà cessato.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il Fondo Patrimoniale

Il Codice Civile consente di destinare alcuni beni al soddisfacimento di “bisogni familiari”, così rendendoli insensibili a vicende debitorie

Continua

In banca o in posta: cosa è più sicuro?

Domanda che spesso mi viene fatta: i risparmi sono più al sicuro alla Posta o in Banca?”.

Continua

“…E adesso come investo i miei soldi?”

Bassa inflazione e bassa crescita economica han portato i tassi dei titoli di Stato in negativo. Non parliamo poi dei rendimenti…

Continua

Il “passaggio generazionale” in azienda

In Italia la successione aziendale viene vista come una vera e propria “tragedia” dal Proprietario e/o dal Fondatore, ecco gli errori più frequenti

Continua

Donazioni: alcuni chiarimenti (parte prima)

"Ma se mando un bonifico a mio figlio, mia moglie, fratello/sorella o altro parente, devo pagare l’imposta sulle donazioni?" Alcuni chiarimenti (1):

Continua

Donazioni: alcuni chiarimenti (parte seconda)

"Ma se mando un bonifico a mio figlio, mia moglie, fratello/sorella o altro parente, devo pagare l’imposta sulle donazioni?" Alcuni chiarimenti (2):

Continua

Quale pensione?

Ormai è chiaro per tutti che al giorno d’oggi non è più sufficiente versare i contributi all’Inps per sperare di avere una vecchiaia serena...

Continua

5 temi per la fine di questo 2017

Sta per iniziare l’ultimo quadrimestre del 2017: delineiamo i temi chiave da affrontare, e con loro i rischi e le opportunità per i prossimi mesi

Continua

La pressione fiscale in ambito finanziario

Riepiloghiamo le voci che costituiscono la pressione fiscale sugli strumenti finanziari utilizzati da investitori e risparmiatori italiani

Continua

Le Minusvalenze

"Minusvalenze plusvalenze…” paroline dal grande effetto per i risparmiatori, ma dall’oscuro significato… Cosa sono? Come si realizzano?

Continua

Come proteggersi dall’inflazione?

Cos’è l’inflazione? E` l’aumento generalizzato e prolungato dei prezzi, con diminuzione del potere d’acquisto della moneta e dei capitali

Continua

Post referendum in Catalogna: quali scenari?

La crisi in Catalogna, può impattare - e come - sullo scenario macroeconomico dell'Eurozona? E sui tuoi investimenti? Una mia riflessione

Continua

Mercati finanziari: uno sguardo sul 2018

Nel 2018 il progressivo, auspicato ampliamento della ripresa economica globale dovrebbe continuare a sostenere i mercati finanziari

Continua