Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Vincolo paesaggistico e autorizzazione della Soprintendenza


L'avvenuta edificazione di un’area o il suo degrado non costituiscono ragione sufficiente per escludere l’imposizione di un vincolo paesaggistico
Vincolo paesaggistico e autorizzazione della Soprintendenza

Con sentenza n. 2547 del 6 aprile 2022, la sesta sezione del Consiglio di Stato ha ribadito alcuni fondamentali principi in tema di autorizzazione paesaggistica rilasciata dalla Soprintendenza.

In termini generali, vale anzitutto il principio per cui l’avvenuta edificazione di un’area o il suo degrado non costituiscono ragione sufficiente per escludere l’imposizione di un vincolo e, a maggiore ragione, il giudizio di incompatibilità di un intervento con il vincolo esistente, che in sintesi va a limitare i danni ulteriori e a proteggere quanto rimasto dell’originario valore paesaggistico (Cons. Stato, sez. VI, 11 giugno 2012, n. 3401; Cons. Stato, sez. VI, 15 giugno 2011, n. 3644).

Del resto, più volte i giudizi amministrativi hanno ritenuto che gli organi preposti alla tutela dei vincoli paesaggistici o archeologici debbano valutare come “salvare il salvabile” (Cons. Stato, sez. IV, 22 novembre 2018, n. 6600; Cons. Stato, sez. VI, 19 giugno 2018, n. 3773; Cons. Stato, sez. VI, 26 giugno 2017, n. 3118), trattandosi incontestabilmente di un bene di incommensurabile valore (Cons. Stato, sez. IV, 14 aprile 2021, n. 3067).

Il titolare di un interesse “pretensivo” deve fornire elementi di giudizio tali che, per l’effetto conformativo della sentenza, il rinnovo del procedimento lasci sperare ragionevolmente in un esito favorevole del medesimo (Cons. Stato, sez. VI, 21 settembre 2021, n. 6416; Cons. Stato, sez. VI,  30 giugno 2021, n. 4939).

Il parere della Soprintendenza, previsto dal sistema autorizzatorio paesaggistico, si configura nell’attuale assetto normativo come un atto a contenuto decisorio, attraverso il quale il Soprintendente deve esprimere un giudizio di natura tecnico discrezionale sulla conformità dell’intervento con le previsioni del piano paesaggistico; inoltre, richiedendo l’applicazione di cognizioni tecniche specialistiche proprie di settori specifici, come quelli della storia, dell’arte e dell’architettura, la stessa valutazione si connota in termini di ampia discrezionalità (Cons. Stato, sez. IV, 5 maggio 2020, n. 2847).

L’autorizzazione paesaggistica rilasciata dalla Soprintendenza, hanno concluso i giudici amministrativi, è espressione di una valutazione che attiene al merito amministrativo, mentre i poteri sindacatori attribuiti al giudice amministrativo permangono di mera legittimità, con la conseguenza che il parere della soprintendenza può essere censurato soltanto nel caso in cui la decisione amministrativa sia stata incoerente, irragionevole o frutto di errore tecnico, incoerenza e irragionevolezza (Cons. Stato, sez. VI, 15 maggio 2017, n. 2262).

A cura di Avv. Andrea de Bonis - Studio Legale de Bonis - Partner 24 Ore Avvocati - www.studiolegaledirittoamministrativo.com

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Violazione delle distanze tra costruzioni e tutela del terzo

L'Adunanza Plenaria esamina la questione della tutela del terzo a fronte di atti, nel caso di specie una concessione edilizia, ampliativi della sfera di altri soggetti

Continua

Diritto di accesso ai documenti detenuti dall'Agenzia delle entrate

È consentito ottenere copia della documentazione economica e finanziaria di terzi, detenuta dall’Agenzia delle entrate, per dimostrare la simulazione di un contratto

Continua

Contratto di avvalimento e documentazione di gara

La dichiarazione di impegno della ausiliaria va presentata, in sede di partecipazione alla gara pubblica, come atto distinto e separato dal contratto di avvalimento.

Continua

Appalto: segreti industriali e commerciali e diritto di accesso

Il diritto di accesso all’offerta tecnica e ai documenti contenenti segreti industriali o commerciali, esibiti dall'aggiudicatario nella gara di appalto

Continua

Abusi edilizi: la responsabilità del proprietario dell'immobile

La demolizione delle opere abusive può essere disposta a prescindere dalla responsabilità del proprietario o dell'occupante dell'immobile

Continua

Tutela dei beni paesaggistici: la regola della non sanabilità postuma

L’esame di compatibilità paesaggistica deve sempre precedere la realizzazione dell'opera

Continua

Gara pubblica: differenza tra contratto di avvalimento e subappalto

Il confine tra contratto di avvalimento e il subappalto

Continua

La titolarità delle opere realizzate sulla superficie demaniale

Le opere realizzate dai concessionari sulla superficie demaniale sono d’esclusiva proprietà privata c.d. superficiaria fino al momento della scadenza della concessione

Continua

Soccorso istruttorio e integrazione documentale

E' possibile rettificare la dichiarazione relativa al possesso del fatturato in proprio e produrre i bilanci in sede di soccorso istruttorio

Continua

Abuso edilizio: ordine di demolizione e sanzioni sostitutive

La sanzione pecuniaria - sostitutiva della demolizione - può essere adottata quando la demolizione presenta difficoltà tecniche

Continua

Abusi edilizi: i presupposti per il permesso in sanatoria

Il permesso in sanatoria può essere rilasciato, a seguito di accertamento di conformità, laddove sussista la cd. "doppia conformità" dell'opera realizzata

Continua

I tipi di lottizzazione abusiva

La lottizzazione abusiva materiale, formale e mista

Continua

La cessione di cubatura: natura giuridica e presupposti

La capacità edificatoria e il trasferimento dei diritti edificatori provenienti da un altro terreno

Continua

Abuso edilizio e irrilevanza del tempo trascorso dalla realizzazione

Il passaggio del tempo tra l’ordine di demolizione e il provvedimento di acquisizione non genera un affidamento tutelabile in capo all’autore dell’abuso edilizio

Continua

Gara pubblica e prezzi offerti dalla PA non remunerativi per l'impresa

Cosa fare se l'importo a base d'asta della gara ad evidenza pubblica è insufficiente a coprire i costi?

Continua

Domanda di riconoscimento del titolo estero docente

Cosa fare se il Ministero dell'istruzione non adotta il provvedimento di riconoscimento del titolo estero?

Continua

Bando immediatamente escludente e domanda di partecipazione alla gara

Se il bando di gara non consente la partecipazione dell'operatore economico alla gara è comunque necessario presentare la domanda di partecipazione alla procedura?

Continua