Voucher Baby Sitting – Asili nido versione 2015


L'INPS rende noto che le strutture eroganti servizi per l’infanzia possono effettuare l’iscrizione nell’elenco appositamente istituito
Voucher Baby Sitting – Asili nido versione 2015
L'INPS, con il messaggio n. 9524 del 10/12/2014, rende noto che le strutture eroganti servizi per l’infanzia appartenenti alla rete pubblica o privata accreditata possono effettuare l’iscrizione nell’elenco appositamente istituito al fine di consentire alle madri lavoratrici l’erogazione del beneficio di cui in oggetto nel biennio 2014-2015.

La domanda deve essere presentata all’INPS esclusivamente per via telematica, utilizzando i servizi del portale dell’Istituto, accessibili tramite PIN direttamente attraverso il seguente percorso: www.inps.it home> servizi on line> per tipologia di utente> aziende, consulenti e professionisti> Elenco strutture eroganti servizi per l’infanzia ISCRIZIONE.

Le strutture già presenti nell’elenco relativo all’anno 2013, che intendano iscriversi anche per il biennio 2014-2015, dovranno accedere alla procedura solo per confermare la permanenza dei requisiti già dichiarati in occasione della domanda presentata per il primo anno di sperimentazione.

L’iscrizione nell’elenco sarà consentita fino al 31 dicembre 2015.

COS'E' IL VOUCHER BABY SITTING - ASILI NIDO
La madre lavoratrice ha diritto, al termine del periodo di congedo di maternità, per gli undici mesi successivi e in alternativa al congedo parentale alla corresponsione di voucher per l'acquisto di servizi di baby-sitting. La scelta della madre di utilizzare questi servizi comporterà la riduzione di un mese del periodo di congedo parentale a lei spettante per ogni quota di contributo mensile richiesto.

A CHI SPETTA
1. le lavoratrici dipendenti;
2. le lavoratrici iscritte alla gestione separata (ivi comprese le libere professioniste, che non risultino iscritte ad altra forma previdenziale obbligatoria e non siano pensionate, pertanto tenute al versamento della contribuzione in misura piena), che si trovino in una delle seguenti condizioni:
2a) le lavoratrici madri che, al momento della domanda, siano ancora negli 11 mesi successivi alla conclusione del periodo di congedo obbligatorio di maternità, e non abbiano fruito ancora di tutto o parte del periodo di congedo parentale;
2b) le gestanti, la cui data presunta del parto è fissata entro i quattro mesi successivi alla scadenza del bando per la presentazione della domanda.

Le lavoratrici madri possono accedere al beneficio anche per più figli, presentando una domanda per ogni figlio/nascituro (in caso di gravidanza plurima) purché ricorrano per ciascun figlio i requisiti sopra richiamati.

COSA SPETTA
Il beneficio consiste nelle seguenti forme di contributo, alternative tra loro:

1. contributo per far fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati;
2. voucher per l’acquisto di servizi di baby-sitting;

L’importo del contributo è di 300,00 euro mensili ed è erogato per un periodo massimo di sei mesi (tre mesi per le lavoratrici iscritte alla gestione separata), divisibile solo per frazioni mensili intere, in alternativa alla fruizione del congedo parentale, comportando conseguentemente la rinuncia dello stesso da parte della lavoratrice.

Le lavoratrici part-time potranno fruire del contributo in misura riproporzionata in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa.

Sono escluse dal contributo per l'acquisto dei servizi per l'infanzia le madri che sono esentate totalmente dal pagamento della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati convenzionati e coloro che usufruiscono dei benefici di cui al Fondo per le politiche relative ai diritti ed alle pari opportunità (art. 19, co. 3, D. L. 223/2006).

LA DOMANDA
Al fine di consentire l’accesso a detti benefici, l’Istituto pubblica, sul proprio sito WEB, un bando nel quale sono stabiliti i tempi e le modalità di presentazione della domanda da parte delle lavoratrici madri, nonché tutte le informazioni relative alla procedura concorsuale e gli adempimenti conseguenti alla formazione della graduatoria.

Va presentata all’INPS in modo esclusivo attraverso il canale WEB - servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto (www.inps.it) attraverso il seguente percorso: Al servizio del cittadino - Autenticazione con PIN - Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito - Voucher o contributo per l’acquisto dei servizi per l’infanzia.

Articolo del:


di Vincenzo Coluccio

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse