Richiedi una consulenza in studio gratuita!

WELFARE AZIENDALE: ovvero come ottimizzare costi e fiscalità per imprese e lavoratori


Il D.Lgs252/2005 favorisce la fiscalità di aziende e dipendenti
WELFARE AZIENDALE: ovvero come ottimizzare costi e fiscalità per imprese e lavoratori

Sono ormai 13 anni che con l’emanazione del D.Lgs 252/2005 sui Fondi Pensione lo Stato ha inteso favorire quelle aziende e quei lavoratori che intendano avvalersi dei benefici ivi previsti ma è negli ultimi due anni che il fenomeno del Welfare Aziendale ha conosciuto un vero e proprio boom. Il perché è presto detto: le spese dell’azienda destinate a finalità di istruzione, ricreazione, assistenza sociale e sanitaria non concorrono alla formazione della base imponibile del dipendente; in particolare, lo strumento del fondo pensione, oltre alla normale contribuzione a fini pensionistici, può accogliere, a titolo di contribuzione da parte del datore di lavoro, anche i premi di produzione rendendoli però fiscalmente esenti fino ad un massimo di 5.164,57 euro per il lavoratore da un lato, deducibili dal reddito d’impresa per il datore di lavoro dall’altro; ulteriori vantaggi fiscali derivano poi all’impresa da misure compensative per i costi del lavoro e a livello di contribuzione INPS. Vediamo come funziona con un esempio: l’imprenditore decide di premiare il proprio dipendente e versa il premio di produzione nel fondo pensione di quest’ultimo invece che in busta paga: l’effetto immediato è di sottrarre il premio all’imponibile IRPEF del lavoratore e di ridurne il costo per l’azienda.

 

Premio aziendale € 2.500 in busta paga:

AZIENDA : € 2.500 + contrib previdenz INPS (30% circa) = € 3.250 costo totale azienda

DIPENDENTE: € 2.500 – contrib previdenz INPS (9,19%) = € 2.270 imponibile in buste paga

€ 2.270 – IRPEF (media 30%) = € 1.589 netto in busta paga

Premio aziendale € 2.500 in fondo pensione:

AZIENDA : € 2.500 + contrib previdenz INPS (10% circa) = € 2.750 costo totale azienda

DIPENDENTE: € 2.500 netto in fondo pensione

 

Dal punto di vista quantitativo, per l’imprenditore è prevista l’ulteriore deducibilità del 4% o 6% della quota TFR destinata a previdenza complementare, la riduzione del contributo al fondo di garanzia INPS e il taglio degli oneri impropri.

Dal punto di vista qualitativo, la diffusione del benessere in azienda contribuisce fra l’altro anche ad un aumento della produttività e può favorire eventuali politiche di nuove assunzioni; il lavoratore ha invece un’ulteriore possibilità di concorrere alla formazione del proprio montante previdenziale.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Curve dei rendimenti (settembre 2018)

Aggiornate le curve dei rendimenti a fine settembre

Continua

Curve dei rendimenti: inversione ad U?

Curve dei rendimenti a fine agosto

Continua

Ritorno alla lira? Niente paura

Come proteggere il proprio patrimonio dall'eventualità di un ritorno alla Lira

Continua

Curve dei rendimenti ottobre 2018

Fed e rischio Italia all'opera sulle curve dei rendimenti

Continua

Elezioni Mid Term Americane: quale l'effetto sulla borsa USA ? Un'analisi sugli ultimi 80 anni

L'influenza delle elezioni di Mid Term sul mercato azionario americano negli ultimi 80 anni

Continua

Curve dei rendimenti a fine novembre 2018

Curve dei rendimenti in stand-by questo mese

Continua

Curve dei rendimenti a fine dicembre 2018

I rendimenti dei titoli di stato USA tornano a scendere. La BCE rassicura sugli acquisti di bond.

Continua

CURVE DEI RENDIMENTI fine gennaio 2019

Aggiornate le curve dei rendimenti per scadenze a fine gennaio. La FED si fa più morbida, la BCE ric

Continua

Curve dei rendimenti febbraio 2019

Le curve dei rendimenti di titoli governativi a fine febbraio

Continua

Curve dei rendimenti a marzo 2019: tanto tuonò che piovve !

Curve dei rendimenti a fine marzo 2019. La curva USA si inverte?

Continua

Tanto tuonò che piovve: la curva dei tassi USA segnala recessione

La curva dei rendimenti americana mostra segnali di recessione

Continua

A maggio ancora un'altra inversione della curva dei rendimenti, si preannuncia una recessione?

Si ripete nuovamente il fenomeno dell’inversione della curva dei rendimenti, evento che, sui manuali di economia, è visto come premonitore di una prossima recessione

Continua

TESSLINE: ancora un'altra truffa online

Perchè ancora oggi molti risparmiatori diventano facili vittime di truffe finanziare abboccando al facile guadagno proposto?

Continua

Il private equity: generazione di valore

Ecco perchè il Private Equity sta acquisendo sempre maggiore importanza anche nel nostro Paese

Continua