Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Legittimazione dell'assicuratore nelle rivalse

Le problematiche connesse alla prova della surroga della compagnia assicurativa nei diritti del proprio assicurato in tema di rivalse

Legittimazione dell'assicuratore nelle rivalse - Le problematiche connesse alla prova della surroga della compagnia assicurativa nei diritti del proprio assicurato in tema di rivalse

Nel trasporto di merci per conto terzi il mittente della spedizione è solito stipulare un contratto di assicurazione a copertura dei danni che possono interessare le merci trasportate dal vettore.
Secondo tale meccanismo, quando si verifica un danno, il mittente richiede il risarcimento a termini di polizza alla sua compagnia assicuratrice che, dopo aver appurato se il sinistro è effettivamente indennizzabile, provvede a liquidare quanto dovuto.
A fronte di tale pagamento la compagnia assicuratrice si surroga nei diritti dell’assicurato ai sensi dell’art. 1916 c.c.
A tal proposito, secondo l’unanime giurisprudenza, l’efficacia della surroga dell’assicuratore nei diritti dell’assicurato è subordinata alla sussistenza di tre presupposti ossia l’esistenza del rapporto assicurativo, il pagamento da parte della compagnia assicurativa dell’indennità a favore di chi abbia effettivamente subìto il pregiudizio (e non dalla prova di esso) e la comunicazione da parte dell’assicuratore della volontà di surrogarsi.
Secondo la Suprema Corte con il perfezionamento della surroga si verifica, “ipso iure”, una successione a titolo particolare dell’assicuratore nei diritti dell’assicurato e, ove si tratti di assicurazione contro i danni relativi a cose oggetto di trasporto, nei diritti nascenti dal contratto di trasporto nei confronti del vettore.
Tale successione comporta la legittimazione dell’assicuratore ad agire nei riguardi del terzo responsabile, e quindi, anche contro il vettore per il risarcimento del danno dipendente da sottrazione del carico o da altra causa nei limiti dell’indennità corrisposta.
Ai fini della surroga l’assicuratore può adempiere a tale onere producendo in giudizio la quietanza, se quest’ultima contiene la prova del contratto di assicurazione e l’individuazione del danno risarcito, non essendo necessario depositare anche la polizza di assicurazione.
Proprio in tema di legittimazione attiva della compagnia assicuratrice del mittente danneggiato, segnaliamo un interessante caso attualmente sottoposto al vaglio della Corte di Cassazione.
La controversia prendeva le mosse da un sinistro occorso alle merci durante un trasporto; il mittente/proprietario di quest’ultime (ossia il soggetto danneggiato) veniva indennizzato dalla propria compagnia assicuratrice la quale, essendosi surrogata ex art. 1916 c.c., agiva contro lo spedizioniere ed il vettore ritenuti responsabili di quanto avvenuto.
Se, da un lato, il Tribunale di Venezia aveva correttamente ritenuto l’assicurazione del mittente legittimata ad agire in giudizio nei confronti dei responsabili del sinistro, dall’altro la Corte d’Appello (Sent n. 2177/2016) ribaltava quanto statuito dal Giudice di Prime Cure asserendo che la compagnia attrice non avrebbe provato la sussistenza dei requisiti richiesti ai fini dell’utile esercizio dell’azione di surroga ex art. 1916 c.c. poiché non aveva esibito la polizza integrale ma solo uno stralcio e non avrebbe così sufficientemente dimostrato il contenuto del contratto di assicurazione tra la compagnia medesima e l’assicurato.
E’ fondamentale chiarire che è onere dell’assicuratore esibire la polizza o provare in altra forma documentale il contenuto del contratto assicurativo, non essendo sufficiente il solo richiamo al numero di polizza contenuta nella quietanza rilasciata dal terzo danneggiato, solo quando il terzo responsabile eccepisce la nullità del contratto, inclusa quella per inesistenza del rischio o per carenza di interesse oppure per l’avvenuto pagamento dell’indennizzo a persona diversa dal titolare del relativo diritto.
La giurisprudenza invocata dalla Corte d’Appello di Venezia, in ossequio alla quale l’assicuratore avrebbe dovuto dimostrare il contenuto del contratto, riguarda il diverso caso in cui il terzo responsabile contrasti, in via di eccezione, i presupposti della surrogazione opponendo la nullità o l’inesistenza del contratto di assicurazione (Cass. Civ.,12.9.2013, n. 20901).
Come correttamente osservato dal Tribunale di Venezia, nel caso di specie, le convenute nulla avevano opposto al riguardo e, dunque, la quietanza di pagamento era sufficiente ai fini della prova del rapporto assicurativo.
Nel caso di nostro interesse, dunque, la produzione da parte dell’assicuratore della quietanza e dello stralcio di polizza valeva certamente a dimostrare l’esistenza dei requisiti ex art. 1916 c.c. In particolare la quietanza conteneva una serie di elementi rilevanti circa il rapporto assicurativo tra la compagnia e l’assicurata tra cui il numero di polizza, il tipo di assicurazione, il riferimento al “mezzo di trasporto”, il nominativo del contraente/assicurato ed infine i dati relativi al tipo di sinistro occorso.
Fermo restando che l’onere, gravante sull’assicuratore, di esibire la polizza o provare in altra forma documentale il contenuto del contratto assicurativo sussiste solo ed unicamente nella fattispecie sopra richiamata e pertanto totalmente differente rispetto al caso sottoposto al vaglio della Cassazione si evidenzia che l’assicurazione attrice non si era comunque limitata a produrre la quietanza ma, anzi, aveva offerto al Giudice un nutrito compendio probatorio quale ulteriore dimostrazione dell’esistenza dei presupposti richiesti ex art. 1916 c.c. (perizia, stralcio della polizza,relazione peritale, prova del pagamento).
Ed infatti il Tribunale di Venezia aveva sancito che alla luce della documentazione attorea prodotta risultava pienamente dimostrata l’effettività della surrogazione ex art 1916 c.c.
Ora non ci resta che attendere il responso della Suprema Corte.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Studio Caprile & Associati - Genova (GE)

Studio Caprile & Associati

Avvocati / Civile

Via Corsica 21

16128 - Genova (GE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Smarrimento della merce: è colpa grave del vettore

Recentemente lo studio Caprile & Associati ha ottenuto una sentenza favorevole, con la quale è stato ribadito che lo smarrimento della merce da parte

Continua

La rapina quale esimente ex art. 1693 c.c.?

L'evento rapina nell'autotrasporto per conto terzi può integrare il caso fortuito idoneo ad esimere la responsabilità vettoriale?

Continua

Il registro elettronico nazionale

Ecco cosa si deve sapere su iscrizione, sospensione e cancellazione dal registro elettronico nazionale

Continua

Clausole di giurisdizione nelle polizze di carico

Qual è la validità delle clausole di giurisdizione nelle polizze di carico

Continua

Colpa grave in caso di perdita parziale di carico

Caprile e Associati ottiene ragione dal Tribunale di Milano sulla configurazione della colpa grave anche in caso di perdita parziale di carico

Continua

L’Italia ai primi posti in Europa nel trasporto marittimo

Il segretario nazionale dei commercialisti, Achille Coppola, rende noti i dati nel corso del forum alla Camera di Commercio

Continua

Compagnie di assicurazioni: surroga

La Cassazione sull’onere della prova del diritto di surroga per le Compagnie Assicurative

Continua

Sea waybill elettronico e deroga alla Giurisdizione

La clausola derogativa della giurisdizione italiana apposta sul retro di un sea waybill elettronico è opponibile ai terzi?

Continua