Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Commissioni pagamenti POS: come recuperare il 100%


Per le commissioni addebitate agli esercenti in relazione ai pagamenti elettronici ricevuti dai privati spetta un credito d’imposta del 100%
Commissioni pagamenti POS: come recuperare il 100%

Il nostro paese è sempre stato affezionato al denaro contante. Purtroppo per i tradizionalisti, però, la digitalizzazione e le ultime iniziative del Governo (ad esempio il cashback o la lotteria degli scontrini) vedono nel prossimo futuro un uso sempre minore delle care vecchie banconote. Se da un lato l’uso meno frequente dei contanti potrebbe avere un riscontro positivo a livello sanitario, dall’altro obbliga gli esercenti ad organizzarsi per ricevere pagamenti digitali. Dal primo luglio 2020 infatti, avere il Pos è diventato un obbligo. Fino a qui tutto bene, se non fosse per le onerose commissioni sui pagamenti che gli stessi esercenti subiscono anche per le micro transazioni.

Insomma, tutto ruota intorno alle commissioni sui pagamenti. Tant’è vero che, come emerge da un’indagine di Confcommercio, il 67% delle imprese considera “non vantaggiosa” l’accettazione delle carte di credito e debito. Il motivo? Le onerose commissioni sui pagamenti.

COMMISSIONI PAGAMENTI POS: COME RECUPERE IL 100%

L’art. 1 comma 10 del DL 99/2021, prevede che per le commissioni addebitate agli esercenti in relazione ai pagamenti elettronici ricevuti dai privati spetti un credito d’imposta del 100%. Tale beneficio è riferito ad un arco temporale ben definito; comprende, infatti, le commissioni sui pagamenti maturate nel periodo 1/7/21 – 30/6/22. E’ chiara anche una seconda condizione: che nell’anno d’imposta precedente tali esercenti abbiano avuto ricavi e compensi di ammontare non superiore a 400.000 euro.
Ribadiamo il concetto. Nel caso in cui gli esercenti attività di impresa, arte o professioni, che effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizio nei confronti di consumatori finali e adottino strumenti di pagamento elettronico (vale a dire registratori telematici che consentono la trasmissione telematica dei corrispettivi) spetta la possibilità di “recuperare” le commissioni sostenute tramite un credito di imposta di uguale ammontare. Ma non finisce qui.

Lo stesso articolo sopracitato introduce un nuovo credito d’imposta per l’acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti che consentono forme di pagamento elettronico e per il collegamento con i registratori telematici. In particolare, ai soggetti sopramenzionati che acquistano, noleggiano o utilizzano tali strumenti spetta un credito di imposta parametrato al costo di acquisto o di noleggio.

Il credito d’imposta spetta nel limite massimo di spesa per soggetto di 160 euro, nelle seguenti misure:
– 70% per i soggetti i cui ricavi e compensi relativi al periodo d’imposta precedente siano di ammontare non superiore a 200.000 euro;
– 40% per i soggetti con i suddetti ricavi e compensi superiori a 200.000 euro e fino a 1 milione di euro;
– 10% per i soggetti con i suddetti ricavi e compensi superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro.

COMMISSIONI PAGAMENTO POS: POSSIBILE RECUPERARE ANCHE LE SPESE DI ACQUISTO DI REGISTRATORI TELEMATICI

Ai medesimi soggetti che, nel corso dell’anno 2022, acquistano, noleggiano o utilizzano strumenti evoluti di pagamento elettronico che consentono anche la memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi, spetta un credito d’imposta nel limite di 320 euro, nelle seguenti misure:
– 100% per i soggetti i cui ricavi e compensi relativi al periodo d’imposta precedente siano di ammontare non superiore a 200.000 euro;
– 70% per i soggetti con i suddetti ricavi e compensi superiori a 200.000 euro e fino a 1 milione di euro;
– 40% per i soggetti con i suddetti ricavi e compensi superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro.

I crediti d’imposta elencati sono utilizzabili esclusivamente in compensazione mediante il modello F24. Successivamente al sostenimento della spesa, devono essere indicati nelle relative dichiarazioni dei redditi. I crediti d’imposta non concorrono alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini IRAP.
Per qualsiasi chiarimento in merito all’argomento commissioni pagamenti Pos, oppure per una consulenza senza impegno, non esitate a visitare il nostro sito www.studiobrega.it.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua

Contributo a fondo perduto per imprese al femminile

Arriva il contributo a fondo perduto per incentivare la creazione di imprese a partecipazione giovanile o femminile

Continua

Bonus 110% con abusi edilizi, è possibile sfruttarlo?

In questo articolo analizziamo gli abusi edlizi in relazione al bonus 110%

Continua

Riscatto laurea: conviene veramente?

Un 30enne, che inizia a lavorare oggi nel settore privato, cosa deve aspettarsi in termini di trattamento pensionistico? Lo rivela uno studio di Moneyfarm

Continua

730, allarme pagamenti in contanti: quali sono le novità?

In questo articolo analizziamo le novità relative al modello 730

Continua

Mutuo prima casa giovani e Sostegni bis: le novità

Vediamo quali sono tutte le novità previste dal Decreto Sostegni Bis in cui rientrano anche gli aiuti per consentire ai giovani under 36 di acquistare la prima casa

Continua

Start up: ecco gli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto

Parliamo oggi degli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto dedicati al mondo delle start up

Continua

IRPEF, è possibile azzerarla? Sì, investendo in start up

Investendo in start up innovative è possibile ottenere una detrazione di imposta, oltre a realizzare una plusvalenza esente da tassazione

Continua

Detrazioni fiscali Start Up: come sfruttarle al massimo

E' opportuno che gli investitori valutino attentamente se ricorrere all’incentivo del 30% o all’incentivo del 50%

Continua

Agevolazioni prima casa under 36: quali sono le trappole?

Alcuni punti del bonus casa under 36 sono ancora da chiarire e potrebbero causare non poche perplessità

Continua

Agevolazioni start up: quando posso detrarre il 50% dell'investimento?

Ma come è possibile investire e sfruttare al massimo le agevolazioni previste per le start up? A quanto ammontano le agevolazioni?

Continua