Concorso della vittima nella causazione del danno


Perché il legislatore riduce il risarcimento del danno in caso di concorso della vittima nella sua causazione
Concorso della vittima nella causazione del danno
Terza noterella - Rossi mentre guidava a velocità eccessiva investe il pedone Bianchi mentre questi imprudentemente attraversava la strada. Bianchi subisce danni, pari, metti, a cento.

Come nel caso studiato nella precedente "noterella" anche qui vi é un concorso di colpa nella causazione del danno. La particolarità é che uno dei concorrenti nella causazione del danno é quello che l'ha subito: in altre parole, Bianchi si é autodanneggiato.

Nel caso, il legislatore mette a carico anche di Bianchi una parte del risarcimento (cosa che in pratica ottiene riducendo l'obbligo risarcitorio di Rossi). Infatti il primo comma dell'art. 1227 recita: "Se il fatto colposo del creditore (nell'esempio, Bianchi) ha concorso a cagionare il danno, il risarcimento é diminuito secondo la gravità della colpa e l'entità delle conseguenze che ne sono derivate.".

E' chiara la logica della disposizione legislativa: il cittadino che comportandosi imprudentemente o negligentemente danneggia la sua persona o i suoi beni danneggia, sì, se stesso, ma anche la società tutta. Quindi il legislatore carica su Bianchi parte del risarcimento per dire a tutti i cittadini "Attenti, non pensate di esporvi con leggerezza al rischio di subire i danni causati dalla colpa contando che, intanto, pagherà il il terzo che vi ha danneggiato: non sarà così: certo parte del danno io lo accollerò a chi vi ha danneggiato, ma parte la accollerò a voi".

A questo punto ci si domanderà : se il legislatore ritiene giusto sanzionare la colpa di chi danneggia le cose proprie concorrendo con la colpa altrui; perché non sanziona la colpa di chi distrugge le cose proprie a prescindere del concorso di una colpa altrui ( perché non sanziona la condotta di Caio che con la sua imprudenza ha portato la sua auto a sfracellarsi contro un muro?). Se vi fosse una logica nelle leggi umane , l'unica risposta che si potrebbe dare a tale domanda non potrebbe essere che questa:il legislatore non sanziona la colpa di chi si autolede o lede le sue cose, per la difficoltà che incontrerebbe ad accertare tale colpa mancando chi avesse ( essendone danneggiato ) interesse a denunciarla.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'Accettazione dell'eredità

Si diventa eredi automaticamente? Cosa succede se si rinuncia all'eredità? E quando è possibile farlo? Ecco ciò che si deve sapere sull'argomento

Continua

Quali forme deve assumere l’accettazione dell'eredità

Una volta accettata l’eredità, ecco cosa sapere sulla forma dell’accettazione

Continua

L'accettazione tacita dell'eredità

Vi é accettazione tacita tutte le volte che il chiamato all'eredità compie un atto che potrebbe compiere solo nella qualità di erede (terza intervista)

Continua

Risarcimento del danno da fatto illecito

Quali sono i criteri con cui il legislatore attribuisce l'obbligo del risarcimento?

Continua

Concorso di più persone nella causazione del danno

A chi attribuisce il legislatore l'obbligo del risarcimento nel caso che più persone abbiano causato il danno?

Continua

Calcolo del risarcimento

I vari tipi di danno che subisce la parte lesa

Continua

Necessità del nesso di causalità

Obbligo al risarcimento: solo se vi è un nesso di causalità tra comportamento colposo e danno

Continua

Critiche al nesso di acusalità naturale

Critiche mosse al far dipendere solo da un nesso di causalità tra evento e danno il risarcimento. Dimostrazione della infondatezza di tali critiche

Continua

Cusazione indiretta del danno

Obbligo risarcimento del danno. Casi di esclusione dell'obbligo quando la causazione del danno è solo indiretta

Continua