Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Quando la mancata concessione del mutuo non inficia la validità del contratto di compravendita


Compravendita immobiliare, come evitare che l'acquirente sfrutti la clausola condizionale della concessione del mutuo per evitare l'acquisto dell'immobile
Quando la mancata concessione del mutuo non inficia la validità del contratto di compravendita

Le proposte di acquisto di beni immobili raccolte dai mediatori, da qualche anno a questa parte sono spesso sospensivamente condizionate sic et simpliciter alla concessione del mutuo all’acquirente.

In questi casi succede altrettanto frequentemente che il promissario acquirente, abusando della posizione di favore che tale clausola di fatto gli assicura, si permetta con il proprio comportamento di manovrarne l’avveramento riservandosi così sino all’ultimo l’arbitrio di scegliere se acquistare oppure no.

Con buona pace dei diritti del promittente venditore, ma anche del mediatore.   
La Corte di Cassazione, Sez. II Civile, nella sentenza dell’11 settembre 2018 n. 22046, ha trattato l’istituto della condizione potestativa e mista statuendo principi che ispirano suggerimenti pratici per un più accorto, consapevole e prudente lavoro di mediazione a tutela dell’agente immobiliare e del venditore.

Orbene, da un punto di vista di pura teoria del diritto, la clausola condizionale è quella con cui le parti manifestano la loro volontà di subordinare l’efficacia (condizione sospensiva) o la risoluzione (condizione risolutiva) del contratto o di un singolo patto ad un avvenimento futuro ed incerto.

Tradizionalmente sono state distinte le tre categorie delle condizioni casuali, potestative e miste. È casuale la condizione il cui avveramento dipenda da un avvenimento futuro che non è in potere di alcuno dei soggetti del negozio. È potestativa quella il cui avveramento dipende dalla volontà di uno dei contraenti. Infine, mista quella in cui si riscontrano insieme elementi delle due specie precedenti in quanto l’evento dipende ad un tempo dalla volontà di una delle parti contraenti e dalla volontà di un terzo o, il che è lo stesso, dal caso.

La condizione potestativa si dice meramente potestativa laddove il suo avveramento sia rimesso alla sola volontà di uno dei soggetti ovvero ad un atto puramente arbitrario dello stesso. Essa provoca la nullità del negozio quando sia a parte debitoris ovvero quando dall’avveramento della condizione sorge un obbligo (art. 1355 cc).

Con la pronuncia succitata, la S.C. ha sancito l’efficacia della clausola che subordina gli effetti della vendita alla concessione del mutuo in favore dell’acquirente, in quanto non si tratterebbe di una condizione meramente potestativa. Dovrebbe diversamente qualificarsi come condizione mista – sostiene la Cassazione – poiché la concessione del mutuo dipende anche dal comportamento del promissario acquirente nell’approntare la relativa pratica.

Tuttavia, poiché risulta irrilevante un comportamento omissivo del promissario acquirente, la mancata concessione del mutuo non inficia la validità del contratto.

Ciò, sia perché in diritto la nullità della condizione non si verifica quando la parte tenuta condizionatamente ad una determinata prestazione abbia anch’essa interesse all’avveramento della condizione, sia perché l’omissione di un’attività intanto può ritenersi contraria a buona fede e costituire fonte di responsabilità, in quanto l’attività omessa costituisce oggetto di un obbligo giuridico.

Ecco, quindi, alcuni suggerimenti pratici.
Onde evitare che il promissario acquirente, approfittando della validità della condizione sospensiva potestativa di carattere misto, in qualche modo interferisca con il proprio comportamento sull’avveramento o meno della condizione pilotando a proprio favore gli effetti della clausola condizionale, si suggerisce ai mediatori di formulare la clausola contenente la volontà delle parti contraenti di subordinare sospensivamente gli effetti del contratto alla concessione del mutuo, in maniera molto puntuale indicando specificatamente quali sono gli obblighi del promissario acquirente, i tempi entro i quali essi vanno adempiuti, le modalità ed  i termini di comunicazione al mediatore ed all’altro contraente dell’attività posta in essere per addivenire alla istruttoria del mutuo ed alla delibera dell’istituto di credito sulla sua concessione.

In estrema sintesi: il comportamento di chi deve assumersi l’obbligazione sospensivamente condizionata alla concessione del mutuo, deve conformarsi a precisi obblighi giuridici, determinati nel contenuto, nei tempi e nei modi cosicché l’omissione sia individuabile e contestabile e, quindi, fonte di responsabilità.

Ciò deve fare il mediatore a tutela non solo del venditore, che altrimenti sarebbe in balia degli umori del promissario acquirente, ma anche a tutela del proprio diritto alla provvigione.

Si suggerisce di rivedere le clausole contenute nei moduli prestampati delle proposte di acquisto spesso formulate in maniera troppo generica e di precisarne il contenuto a costo di riscriverle caso per caso con scrupolosa attenzione all’atteggiarsi del concreto svolgersi degli eventi.


Lo Studio Legale dell'Avv. Poggi è a disposizione per consulenze e assistenza sull'argomento.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La procura generale può essere resa inefficace dall'amministratore di sostegno

In caso di sopravvenuta incapacità di intendere e volere, la procura generale conferita è resa invalida dalla successiva nomina di un amministratore di sostegno

Continua

Abitazione del coniuge e spese di ristrutturazione

Nel caso di restituzione della casa coniugale in comodato, il comodatario non ha diritto ad alcuna forma di rimborso per spese che abbiano migliorato l'immobile

Continua

Immobili in costruzione, come tutelarsi se il costruttore non restituisce gli acconti

Il costruttore/venditore ha l'obbligo di rilasciare una garanzia fideiussoria in favore dell'acquirente per assicurare la restituzione degli acconti già versati

Continua

Trasferimento di immobili in danno dei creditori

Quale tutela per il creditore nel caso di sottrazione fraudolenta dei beni costituenti la garanzia patrimoniale del debitore?

Continua

Compravendita immobiliare, la tutela del venditore leso

Quando è possibile la rescissione del contratto di compravendita per lesione del venditore se l'acquirente ha approfittato del bisogno finanziario del venditore

Continua

Case in affitto, manutenzione straordinaria e tutela dell'inquilino

Ecco quali sono le tutele dell'inquilino nel caso di necessità di interventi di manutenzione straordinaria nella casa locata

Continua

Locazione ad uso diverso e tassazione canoni non percepiti

Quali clausole inserire nei contratti di locazione ad uso diverso per contenere la tassazione sui canoni non percepiti per morosità del conduttore?

Continua

Il recesso del conduttore dell'immobile a uso commerciale

Consigli al conduttore di immobile commerciale circa l'inserimento di clausole a tutela del suo diritto di recesso

Continua

Spese condominiali straordinarie: insidie e rischi in caso di vendita

Ecco come venditore e acquirente possono tutelarsi in caso di spese straordinarie condominiali deliberate prima della vendita

Continua

Coronavirus e sospensione del pagamento del canone di locazione

Legittima sospensione del pagamento del canone di locazione a fronte di sospensione dell'attività per disposizione dell'autorità

Continua

Coronavirus, emergenza affitti: le possibili soluzioni

L'emergenza Coronavirus ha messo in difficoltà molti affittuari. Ecco le possibili soluzioni per sospendere, interrompere o rinegoziare il canone di locazione

Continua

Causa di forza maggiore ed inadempimento del conduttore

Inadempimento del conduttore per causa di forza maggiore e rispetto delle norme autoritative

Continua

Obbligo giuridico di buonafede e disponibilità a rinegoziare

Rinegoziazione dei contratti di locazione e obbligo giuridico di comportarsi secondo buona fede. L'abuso del diritto alla prestazione da parte del creditore

Continua

Locazione commerciale: parliamo delle clausole Coronavirus

Attraverso la clausola "coronavirus" i contraenti possono disciplinare le ripercussioni negative che potrebbero abbattersi sul contratto in caso di nuove restrizioni

Continua

Rinegoziazione delle locazioni commerciali: cos'è e come farla

Locazioni commerciali: opportunità di rinegoziare per (ri)bilanciare gli equilibri contrattuali distorti dalla pandemia ed evitare la risoluzione

Continua

Contratto preliminare e clausola mac

L'inserimento nei contratti preliminari di clausole di salvaguardia consente di gestire l'incertezza circa la redditività dell'attività da esercitarsi nell'immobile

Continua

Condominio: voto all'unanimità ed esonero dal contributo alle spese

Occorre il voto unanime per trasferire la titolarità dei diritti sulle cose comuni in favore di solo alcuni condomini

Continua

Diritto alla provvigione e mediazione svolta in forma societaria

Compravendita immobiliare: chiarimenti sul diritto alla provvigione quando l'attività di mediazione è svolta in forma societaria

Continua

Conduttore: limiti alla sospensione del pagamento del canone

Clausola limitativa della proponibilità delle eccezioni: quando il conduttore deve pagare e poi, se mai, chiedere in restituzione

Continua

Immobile in comproprietà e godimento esclusivo

Quando il godimento di un immobile da parte di un comproprietario diventa esclusivo e quali tutele possono invocare gli altri proprietari estromessi dal godimento

Continua

Comunione, condominio minimo e indivisibilità delle parti comuni

Differenze tra comunione e condominio minimo. Presunzione di condominialità dei beni comuni e patti diversi

Continua

Diritto di abitazione e casa coniugale: quale tutela per il coniuge superstite?

Il diritto di abitazione della casa coniugale in favore del coniuge superstite non sempre realizza la tutela voluta dalle parti. Anzi, delle volte nemmeno spetta

Continua

Condominio e spese legali: chi deve pagare, cosa e quanto

Ecco quali sono i criteri per il riparto tra i condomini delle spese legali

Continua

Casa di abitazione: casi di impignorabilità assoluta e temporanea

Si sente spesso parlare di impignorabilità dell'abitazione. Ma quando e a quali condizioni opera? E' bene avere consapevolezza dei limiti di questa tutela

Continua

Sospensione procedura esecutiva per Covid: come funziona (parte 2)

Come opera in concreto la sospensione della procedura esecutiva ex art. 54-ter: soggetti coinvolti, iter, durata, atti consentiti e atti invalidi

Continua