Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Conduttore: limiti alla sospensione del pagamento del canone


Clausola limitativa della proponibilità delle eccezioni: quando il conduttore deve pagare e poi, se mai, chiedere in restituzione
Conduttore: limiti alla sospensione del pagamento del canone

Assai frequentemente nei contratti di locazione è contenuta una clausola detta del solve et repete. Letteralmente significa: prima paga (solve) e poi richiedi in restituzione (repete).

L’effetto è quello di imporre al debitore di adempiere la propria obbligazione limitando le eccezioni opponibili al creditore e finalizzate a ritardare o evitare il pagamento.

 

La clausola solve et repete resiste al Covid-19

Questo articolo trae spunto dall’ordinanza del Tribunale di Rimini datata 28 giugno 2020.

In un procedimento cautelare promosso ex art. 700 cpc dal conduttore di un immobile facente parte di un’azienda alberghiera oggetto di affitto, per ottenere l’inibitoria nei confronti della proprietà all’escussione della fideiussione rilasciatale a garanzia delle obbligazioni discendenti dal contratto, il Giudice ha avuto modo di stabilire che la clausola solve et repete impone all’affittuaria di far valere qualunque rimedio solo dopo aver adempiuto all’obbligazione di pagamento del corrispettivo dell’affitto.

Solo la prova dell’insussistenza dell’obbligazione principale (eccepita quale conseguenza della impossibilità sopravvenuta della prestazione per effetto del lockdown), peraltro non fornita nel caso di specie, avrebbe potuto revocare in dubbio l’operatività della clausola in parola.

L’ordinanza coglie l’occasione per esplicitare più di un principio puntualizzando diversi profili utili per orientare locatori e conduttori nel mare magno dei rimedi contrattuali ai tempi del coronavirus.

Qui interessa approfondire solo i confini dell’applicazione della clausola limitativa della proponibilità delle eccezioni astraendo dal caso concreto sottoposto all’esame del Tribunale di Rimini e avendo come riferimento in generale le ricadute del lockdown sulla contrattualistica ad uso diverso.

 

L’art. 1462 del codice civile

La normativa codicistica dispone che la clausola di cui si sta discorrendo opera a tutela del creditore della prestazione neutralizzando l’effetto di qualsiasi tipo di eccezione fatte salve quelle di nullità, annullabilità e rescissione del contratto.

Queste eccezioni, invero, attengono alla esistenza stessa del contratto e pertanto la loro fondatezza lo travolgerebbe per intero e, con esso, anche la clausola che si invoca per paralizzarne l’effetto.

A ben vedere, tuttavia, l’elenco contenuto nell’articolo del codice non appare esaustivo.

Gli interpreti vi ricomprendono anche tutte quelle eccezioni che si possono definire estintive quali quelle di pagamento, novazione, compensazione, remissione e confusione dell’obbligazione.

L’eccezione di impossibilità sopravvenuta dell’adempimento della prestazione da parte del debitore rientrerebbe in astratto nel gruppo di queste ultime. In astratto, non sempre, però, in concreto.

Ferma la reiezione della eccezione di estinzione dell’obbligazione per sopravvenuta impossibilità da parte del Tribunale di Rimini che sul punto ha sottolineato la mancanza di prova, resta il fatto che nella parte motiva della sua ordinanza il Giudice estensore ha valorizzato il ridimensionamento delle misure finalizzate al distanziamento sociale e le potenzialità di ripresa del settore del turismo una volta esaurita l’emergenza sanitaria.

Pertanto, è parere di chi scrive che laddove anche di impossibilità sopravvenuta si fosse potuto parlare, in costanza di lockdown essa non avrebbe avuto i caratteri di assolutezza e definitività che il codice civile impone a questo fenomeno giuridico per farne discendere l’estinzione dell’obbligazione. In definitiva: si può ragionevolmente sostenere che l’impossibilità sopravvenuta in tanto in quanto minorata dalla parzialità e dalla temporaneità non potrebbe essere considerata un’eccezione in grado di frustrare l’operatività della clausola solve et repete.

 

La forma

In un contratto dove è garantita la libera negoziazione delle parti e dove le singole disposizioni sono oggetto di negoziazione, la clausola in parola non soffre formalità particolari.

La sua natura, tuttavia, è quella di clausola vessatoria, peraltro esplicitamente citata nell’art. 1341 cc.

Ne discende che se la locazione o l’affitto di ramo d’azienda è stato concluso sulla scorta di condizioni generali di contratto predisposte da uno solo dei contraenti ovvero mediante la sottoscrizione di moduli o formulari predisposti per disciplinare in maniera uniforme determinati rapporti contrattuali, la clausola del solve et repete per essere efficace nei confronti dell’obbligato deve essere da questo conosciuta o conoscibile usando l’ordinaria diligenza e, in ogni caso, deve essere specificatamente approvata per iscritto.

 

Conclusioni

La clausola limitativa della proponibilità delle eccezioni inserita in un contratto di locazione commerciale o di affitto di azienda o di un suo ramo, se formalmente valida ed efficace, potrebbe impedire al conduttore di opporre la sopravvenuta impossibilità della prestazione a causa del lockdown essendo essa carente dei requisiti della assolutezza e della definitività, indispensabili per determinare l’estinzione dell’obbligazione. Il conduttore dovrà quindi pagare il canone e, solo in un successivo momento, far valere le proprie ragioni nei confronti del locatore.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La procura generale può essere resa inefficace dall'amministratore di sostegno

In caso di sopravvenuta incapacità di intendere e volere, la procura generale conferita è resa invalida dalla successiva nomina di un amministratore di sostegno

Continua

Quando la mancata concessione del mutuo non inficia la validità del contratto di compravendita

Compravendita immobiliare, come evitare che l'acquirente sfrutti la clausola condizionale della concessione del mutuo per evitare l'acquisto dell'immobile

Continua

Abitazione del coniuge e spese di ristrutturazione

Nel caso di restituzione della casa coniugale in comodato, il comodatario non ha diritto ad alcuna forma di rimborso per spese che abbiano migliorato l'immobile

Continua

Immobili in costruzione, come tutelarsi se il costruttore non restituisce gli acconti

Il costruttore/venditore ha l'obbligo di rilasciare una garanzia fideiussoria in favore dell'acquirente per assicurare la restituzione degli acconti già versati

Continua

Trasferimento di immobili in danno dei creditori

Quale tutela per il creditore nel caso di sottrazione fraudolenta dei beni costituenti la garanzia patrimoniale del debitore?

Continua

Compravendita immobiliare, la tutela del venditore leso

Quando è possibile la rescissione del contratto di compravendita per lesione del venditore se l'acquirente ha approfittato del bisogno finanziario del venditore

Continua

Case in affitto, manutenzione straordinaria e tutela dell'inquilino

Ecco quali sono le tutele dell'inquilino nel caso di necessità di interventi di manutenzione straordinaria nella casa locata

Continua

Locazione ad uso diverso e tassazione canoni non percepiti

Quali clausole inserire nei contratti di locazione ad uso diverso per contenere la tassazione sui canoni non percepiti per morosità del conduttore?

Continua

Il recesso del conduttore dell'immobile a uso commerciale

Consigli al conduttore di immobile commerciale circa l'inserimento di clausole a tutela del suo diritto di recesso

Continua

Spese condominiali straordinarie: insidie e rischi in caso di vendita

Ecco come venditore e acquirente possono tutelarsi in caso di spese straordinarie condominiali deliberate prima della vendita

Continua

Coronavirus e sospensione del pagamento del canone di locazione

Legittima sospensione del pagamento del canone di locazione a fronte di sospensione dell'attività per disposizione dell'autorità

Continua

Coronavirus, emergenza affitti: le possibili soluzioni

L'emergenza Coronavirus ha messo in difficoltà molti affittuari. Ecco le possibili soluzioni per sospendere, interrompere o rinegoziare il canone di locazione

Continua

Causa di forza maggiore ed inadempimento del conduttore

Inadempimento del conduttore per causa di forza maggiore e rispetto delle norme autoritative

Continua

Obbligo giuridico di buonafede e disponibilità a rinegoziare

Rinegoziazione dei contratti di locazione e obbligo giuridico di comportarsi secondo buona fede. L'abuso del diritto alla prestazione da parte del creditore

Continua

Locazione commerciale: parliamo delle clausole Coronavirus

Attraverso la clausola "coronavirus" i contraenti possono disciplinare le ripercussioni negative che potrebbero abbattersi sul contratto in caso di nuove restrizioni

Continua

Rinegoziazione delle locazioni commerciali: cos'è e come farla

Locazioni commerciali: opportunità di rinegoziare per (ri)bilanciare gli equilibri contrattuali distorti dalla pandemia ed evitare la risoluzione

Continua

Contratto preliminare e clausola mac

L'inserimento nei contratti preliminari di clausole di salvaguardia consente di gestire l'incertezza circa la redditività dell'attività da esercitarsi nell'immobile

Continua

Condominio: voto all'unanimità ed esonero dal contributo alle spese

Occorre il voto unanime per trasferire la titolarità dei diritti sulle cose comuni in favore di solo alcuni condomini

Continua

Diritto alla provvigione e mediazione svolta in forma societaria

Compravendita immobiliare: chiarimenti sul diritto alla provvigione quando l'attività di mediazione è svolta in forma societaria

Continua

Immobile in comproprietà e godimento esclusivo

Quando il godimento di un immobile da parte di un comproprietario diventa esclusivo e quali tutele possono invocare gli altri proprietari estromessi dal godimento

Continua

Comunione, condominio minimo e indivisibilità delle parti comuni

Differenze tra comunione e condominio minimo. Presunzione di condominialità dei beni comuni e patti diversi

Continua

Diritto di abitazione e casa coniugale: quale tutela per il coniuge superstite?

Il diritto di abitazione della casa coniugale in favore del coniuge superstite non sempre realizza la tutela voluta dalle parti. Anzi, delle volte nemmeno spetta

Continua