Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Covid-19 e locazione commerciale: riconosciuta la riduzione del canone


Riconosciuta anche dal Giudice la opportunità di rinegoziare i canoni di locazione relativi a immobili non utilizzabili in ragione delle misure limitative per Covid-19
Covid-19 e locazione commerciale: riconosciuta la riduzione del canone

Facciamo seguito ai nostri precedenti articoli intitolati “Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati”, pubblicato in data 18.03.2020, e “Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione”, pubblicato in data 01.04.2020, nei quali, in piena emergenza sanitaria, avevamo immediatamente rilevato la necessità di applicare la disciplina sulla sopravvenuta impossibilità della prestazione contrattuale, a seguito delle disposizioni restrittive adottate dal Governo italiano per limitare la diffusione del virus Covid-19.

Ribadiamo oggi il principio espresso sin da allora, avvalendoci anche della conferma giurisprudenziale di una sentenza emessa dal Tribunale di Roma lo scorso 27 agosto. Il provvedimento, infatti, conferma la nostra interpretazione, ossia legittima la sospensione dei canoni di locazione, in ragione della opportunità di rimodulare le condizioni del contratto di locazione a seguito della sopravvenuta pandemia da Covid-19 e delle relative limitazioni di apertura di esercizi commerciali, nello specifico di esercizi di ristorazione.

Nella fattispecie, infatti, il ricorrente aveva richiesto al Giudice di disporre, con un provvedimento di urgenza ai sensi dell’art. 700 c.p.c., la riduzione del canone di locazione mensile relativo ad un contratto di locazione ad uso commerciale per attività di ristorazione a decorrere dal mese di aprile 2020, ovvero disporne la sospensione in ragione delle limitazioni imposte dal Governo per l’emergenza sanitaria che, come ben sappiamo, aveva disposto la chiusura degli esercizi di ristorazione aperti al pubblico.

La motivazione addotta dal ricorrente, ovviamente, è il pregiudizio subito dal conduttore in conseguenza della chiusura del proprio esercizio e la incolpevole difficoltà di pagare un canone per le mensilità in cui non avrebbe avuto alcun guadagno dall’esercizio stesso.

Secondo i principi generali di correttezza e buona fede (ex art. 1375 c.c.), infatti, i contraenti dovrebbero ricontrattare le obbligazioni così come stabilite originariamente, a seguito della modifica sostanziale delle condizioni ad esse premesse.

Nessuno potrà negare che la emergenza sanitaria abbia modificato sostanzialmente i rapporti oggetto del contratto di locazione ad uso commerciale di un immobile che, per mesi, non ha potuto essere utilizzato allo scopo oggetto del contratto stesso.

È pacifico, infatti, che i contraenti abbiano dato per presupposto, in origine, l’esercizio dell’attività di ristorazione nell’immobile locato e che il canone sia stato quantificato tenendo conto dei guadagni dell’attività stessa.

Logicamente, perciò, le condizioni del contratto devono poter essere rinegoziate a seguito della imprevedibile sopravvenienza di limitazioni sostanziali all’esercizio dell’attività di ristorazione, come quelle determinate dalle misure restrittive anti Covid.

Il Tribunale di Roma ha innanzitutto rilevato che, a seguito dell’eccessiva onerosità sopravvenuta della prestazione posta a carico del conduttore, quest’ultimo avrebbe avuto il pieno diritto di richiedere la risoluzione del contratto stesso ma, nella fattispecie, tale soluzione non sarebbe stata nell’interesse di nessuna delle parti in causa, determinando, per il conduttore, la perdita dell’avviamento per l’attività economica e, per il locatore, la impossibilità di concludere un nuovo contratto.

Ai sensi dell’art. 1467, ultimo capoverso, c.c., “la parte contro la quale è domandata la risoluzione può evitarla offrendo di modificare equamente le condizioni del contratto”.

Il Tribunale ha anche rilevato la scarsa efficacia delle misure previste con il Decreto Legge n. 18/2020, con la previsione di un credito di imposta del 60% sui canoni di locazione pagati nel mese di marzo 2020, considerata l’ingente perdita nei ricavi dell’esercizio nei mesi di lockdown, rispetto alle medesime mensilità dell’anno precedente.

Di conseguenza, al fine di ristabilire l’equilibrio nel rapporto così squilibrato a seguito delle misure limitative imposte dal Governo e considerando che, anche dopo la riapertura dell’esercizio commerciale, l’accesso delle clientela sarebbe stato limitato in ragione delle misure di sicurezza sanitaria (ingressi contingentati), il Giudice ha disposto la riduzione del canone di locazione del 40% per le mensilità di aprile e maggio 2020 e del 20% per le mensilità da giugno 2020 a marzo 2021.

Nel provvedimento citato, peraltro, il Tribunale di Roma ha altresì osservato come si dovrebbe giungere alle medesime conclusioni anche considerando la fattispecie dal punto di vista del locatore. Quest’ultimo, infatti, ai sensi dell’art. 1575 c.c., deve garantire al conduttore la utilizzabilità dell’immobile secondo gli usi indicati nel contratto, ossia l’attività di ristorazione. Stante la sostanziale impossibilità di tale prestazione, le premesse del contratto stipulato tra le parti sarebbero ugualmente mutate, con la conseguenza di dover applicare gli artt. 1256 e 1464 c.c.. (effettuando una riduzione dei canoni, in caso di impossibilità parziale).

Nello specifico, infatti, si precisa che, nel contratto di locazione, solamente in caso di impossibilità integrale di utilizzo dell’immobile il canone può non essere corrisposto, mentre per impossibilità definitiva, ma parziale o per impossibilità totale ma temporanea il canone sarebbe comunque dovuto (cfr. Cassazione civile sez. II, 24/04/2009, n. 9816).

Nella nostra ipotesi, dunque, il canone tornerà nella misura originariamente pattuita non appena la situazione di crisi sanitaria ed economica cessi e le prestazioni contrattuali originarie saranno nuovamente eseguibili dalle parti, senza dover operare alcuna risoluzione contrattuale.


Lo studio DM è disponibile a fornire una consulenza professionale in materia e a valutare l’opportunità di operare una rinegoziazione dei canoni per tutti i contraenti che si siano trovati o si trovino attualmente in questa situazione, fornendo una interpretazione personalizzata per ogni fattispecie e accompagnandovi nelle trattative necessarie ad attuare un accordo tra le parti.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua

Coronavirus: mantenimento dei figli nelle separazioni e nei divorzi

La crisi economica da Coronavirus ha inevitabilmente effetti nelle famiglie di genitori separati e divorziati con riguardo al quantum del mantenimento pro figli

Continua

Family Act in arrivo: ecco cosa prevede

Il Family Act prevede una serie di misure per il sostegno economico delle famiglie con figli a carico. Illustriamone il contenuto

Continua

L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo

L'amministrazione di sostegno è quell'istituto flessibile che ha il nobile obiettivo di valorizzare l'autodeterminazione del singolo, affiancandolo nel quotidiano

Continua

Bigenitorialità e tutela del minore

Perché è importante per il minore mantenere il rapporto con entrambi i genitori anche in fase di separazione e divorzio. Il pernottamento presso il padre

Continua

I diritti relazionali nell'infanzia e il ruolo dei nonni

Quanto i nonni e i parenti sono importanti per la crescita dei minori. Vivere in armonia è possibile se tutti si danno da fare!

Continua