Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Due domande per aiutarti a proteggere il tuo lavoro


Temi peril tuo posto di lavoro? TI senti sotto pressione a causa di una riorganizzazione della tua azienda? Qualche consiglio su come comportarti
Due domande per aiutarti a proteggere il tuo lavoro

 

Spesso amici e clienti mi confessano la loro preoccupazione rispetto al proprio lavoro. Aziende in riorganizzazione, spostamenti di posizione di capi e colleghi, la crisi economica mondiale. Queste sono tra le principali cause di inquietudine rispetto al loro futuro lavorativo.

Questo è l’attuale trend del mondo delle imprese: quando le aziende non vedono una crescita dei ricavi pari a quella prevista, tendono a riorganizzarsi, a ridurre i costi e conseguentemente a tagliare posti di lavoro.

Il fatturato, e ancor più i ricavi, sono diventati la massima priorità del nostro modello economico attuale. Avere consapevolezza di questa realtà porta i dipendenti a non avere più sicurezza del loro posto di lavoro.

In queste circostanze, la prima domanda da porsi è: "Come posso aggiungere valore ai profitti dell'azienda?". Spesso, quando non ci si sente al sicuro, si rischia di manipolare i dati per dare una miglior impressione. Oppure si cerca di lavorare ancora di più, per dimostrare il proprio impegno. Purtroppo, nessuna di queste pratiche da i risultati sperati.

Un approccio migliore è capire al meglio la strategia dell’azienda e trovare modi di supportarla, utilizzando i propri punti di forza. È questo uno dei motivi per cui devi sviluppare consapevolezza dei tuoi punti di forza, ed assicurarti di sfruttarli.

Una seconda domanda da porsi è: "Di quali competenze ho bisogno per essere ancora appetibile per l'attuale mercato del lavoro?" Questa è una delle prime domande che ci si pone quando si perde il lavoro, ed è un tipico approccio reattivo e difensivo. Un approccio migliore, proattivo, consiste nello stare al passo con le tendenze del mercato. Conoscere quali sono le competenze più richieste può aiutarti a massimizzare il tuo valore.

Per molte persone questo può sembrare difficile, specie quando si è sotto pressione per un lavoro già di per se stressante.

Tuttavia, dedicare dai 15 ai 30 minuti al giorno a studiare il tuo campo non solo aumenterà le tue opzioni nel mercato del lavoro, ma aumenterà il tuo valore per la tua azienda attuale.

Un clima di insicurezza e incertezza non è un prerequisito ideale per contribuire a creare un clima positivo in azienda. Specialmente in questi periodi, in cui la crescita dei ricavi è difficile.

È compito di un leader sintonizzarsi sul morale di colleghi e collaboratori e utilizzare il rinforzo positivo per aumentare l’energia e creare risultati.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

11 cose da fare iniziando a cercare un nuovo lavoro

Progettare la ricerca del lavoro è altrettanto fondamentale quanto le attività di ricerca stessa. Di seguito alcuni consigli per affrontare questa fase preliminare

Continua

Come migliorare la tua vita e la tua carriera con il coaching

Il lavoro dovrebbe essere fonte di soddisfazione. Quale contributo può fornire un coach per migliorare la tua vita e riuscire ad esprimere tutto il tuo potenziale?

Continua

Stress: cos’è, come riconoscerlo, come gestirlo

Ti godi meno la vita? Le tue batterie durano meno del solito? Come riconoscere lo stress? Qualche suggerimento su cosa fare per ridurne gli effetti nocivi

Continua

Come rendere rilassante e produttivo il lavoro da casa

Vuoi rendere rilassante e produttivo il tuo lavoro da casa? Ecco qualche consiglio

Continua

Sì, puoi allenarti ad essere felice!

Ti senti triste? Tutto ti sembra negativo? Puoi allenarti ad essere felice. Un piccolo esercizio, di pochi minuti, può aiutarti

Continua

Otto suggerimenti per gestire l'ignoto in base al tuo tipo di pensiero

Come affronti l'ignoto? Qualche suggerimento su come gestirlo al meglio, a partire dal tuo stile di pensiero

Continua