Richiedi una consulenza in studio gratuita!

E’ reato la vendita di beni di proprietà in pendenza di una procedura esecutiva


Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la Sentenza n°40442 del 12/09/2018
E’ reato la vendita di beni di proprietà in pendenza di una procedura esecutiva

La cessione di immobili di proprietà da parte del contribuente in pendenza di una procedura di recupero coattivo da parte dell’Amministrazione finanziaria configura il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. E’ quanto ha precisato la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza n°40442 del 12 settembre 2018. I giudici di Palazzaccio hanno confermato la bontà del giudicato espresso dalla Corte di Appello dell’Aquila che in sede di gravame aveva affermato che la vendita di beni immobili di proprietà da parte del contribuente avvenuta volutamente a ridosso del ricevimento dell’ennesima cartella di pagamento a cui avrebbe fatto seguito l’azione di recupero coattivo da parte dell’Amministrazione finanziaria, configura inevitabilmente una condotta penalmente rilevante a carico del venditore. Se vogliamo, si tratta di una pronuncia che per certi versi si uniforma in senso logico- giuridico a quanto già espresso dagli Ermellini in concomitanza dell’Ordinanza n°8881 depositata il 11/04/2018 in cui i giudici di Palazzaccio hanno fatto salva la possibilità di intaccare a discapito del contribuente fondi patrimoniali realizzati ben prima dell’insorgere del debito. Per cui, anche la garanzia rinveniente dalla costituzione di un fondo patrimoniale ex ante non rappresenta più per il contribuente una forma di tutela finalizzata a salvaguardare il proprio patrimonio immobiliare da possibili eventuali procedure esecutive finalizzate al soddisfo di debiti tributari o patrimoniali sopravvenuti.

________________________________________________________

- Il parere espresso dalla Corte di Appello dell’Aquila: sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte

In sede di gravame la Corte di Appello dell’Aquila partendo da una attenta analisi dei fatti ha disposto che nel caso di specie la volontà del contribuente di dismettere una parte consistente del suo patrimonio immobiliare al solo fine di evitare l’esecuzione coattiva già in itinere da parte dell’Amministrazione finanziaria, rinviene dalla coesistenza di tre condizioni che nel caso di specie non potevano essere ignorate: 1) il fatto che il contribuente si era liberato volutamente di quasi tutti i beni di proprietà considerando che quelli rimasti intestati a lui erano di modestissimo valore; 2) dal fatto che era emersa la necessità della società acquirente i ridetti immobili di acquistare un capannone industriale nonché diversi terreni da destinare ad uso agricolo; 3) i tempi di realizzazione della vendita immobiliare erano evidentemente sintomatici della finalità illecita perseguita dal venditore.

Alla coesistenza delle condizioni sopra richiamate oggettivamente acclarate dal giudicante in sede di gravame si aggiunge il fatto che è stato accertato che nel caso di specie l’alienazione di gran parte del patrimonio immobiliare di proprietà del contribuente è stata concretizzata allorquando il debitore era già perfettamente consapevole della possibilità che fosse azionata a suo carico una procedura di recupero coattivo, avendo il medesimo già ricevuto ex ante richieste di pagamento previa notifica di cartelle di pagamento.

Pertanto, la condotta penalmente rilevante assunta dal venditore nella casistica in esame è stata concretizzata nella vigenza della fattispecie incriminatrice di cui all’art.11 del D.lgs.n°74/2000 poiché il fatto di reato si è perfezionato con il compimento di una condotta commissiva che consiste alternativamente nell’eseguire atti simulati di vendita oppure nel realizzare altri atti fraudolenti sia sui propri beni sia su quelli di proprietà altrui finalizzati unicamente a vanificare in tutto o in parte eventuali o meglio più che probabili procedure di riscossione coattiva intraprese dall’Amministrazione finanziaria. Pertanto, il momento di realizzazione del reato, una volta integrata la soglia di punibilità, coincide con la realizzazione degli atti di alienazione del proprio patrimonio dismessi con il preciso intento di rendere vana qualsiasi azione di recupero coattivo intrapresa dall’ente creditore. E’ stato questo, l’iter logico-giuridico espresso dalla Corte di Appello dell’Aquila in sede di gravame; orientamento giurisprudenziale avvallato in sede di legittimità dai Giudici di Palazzaccio.

 

- Il D.lgs.n°74/2000, art.11 e la condotta penalmente rilevante in caso di vendita immobiliare in pendenza di una procedura esecutiva:

Con riferimento alla casistica di cui ci si occupa, rileva segnalare che il reato previsto dal più volte richiamato art.11 del D.lgs. 10 marzo 2000, n°74 va definito come un reato di pericolo che in quanto tale richiede il compimento di atti simulati o fraudolenti finalizzati a occultare volutamente i propri beni o i beni di proprietà altrui, al solo fine di sottrarsi al pagamento dei debito tributario o patrimoniale.

In altre parole, deve trattarsi di atti concreti idonei in base ad un giudizio ex ante che valuti la sufficienza della consistenza del patrimonio del contribuente in stretto rapporto alla pretesa erariale finalizzata a rendere inefficace in tutto o in parte l’attività di recupero attivata dall’Amministrazione finanziaria, prescindendo dalla sussistenza di una esecuzione forzata esattoriale in atto.

Del resto, il reato disciplinato dall’art.11 del più volte richiamato D.lgs.n°74/2000 è caratterizzato dal dolo specifico configurabile in tutti i casi in cui l’alienazione simulata o il compimento di altri atti fraudolenti idonei a rendere inefficace la procedura di riscossione coattiva sono espressamente finalizzati alla sottrazione rispetto al pagamento delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto; ovvero, di interessi o sanzioni amministrative riferite alla ridette imposte.

-Considerazioni conclusive:

L’orientamento assunto dalla Corte di Appello dell’Aquila avvallato in sede di legittimità dagli Ermellini in concomitanza della sentenza N°40442 del 12 settembre 2018 deve  sicuramente indurre il contribuente- debitore alla cautela, allorquando, l’Amministrazione finanziaria ha  già intrapreso azioni di recupero coattivo finalizzate al soddisfo del credito tributario. In altre parole, è preclusa al contribuente su cui grava un debito di natura tributaria o anche patrimoniale concretizzare atti di alienazione di beni mobili o  immobili  di proprietà, al solo fine di sottrarli a possibili o imminenti azioni di recupero coattive intraprese dall’ente creditore.  Diversamente, sarà configurabile a carico del contribuente alienante il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, configurandosi nel caso di specie una condotta penalmente rilevante tale da legittimare l’applicazione dell’art.11 del D.lgs.n°74/2000.

Il principio giurisprudenziale espresso dalla Corte di Appello e avvallato dalla Corte di Cassazione nella pronuncia in esame  se vogliamo è in sintonia con un'altra pronuncia della stessa Corte di cassazione (Cass. Ord. n°8881 del 11/04/2018)  in concomitanza della quale i giudici di Palazzaccio hanno fatto salva la possibilità per l’Amministrazione finanziaria procedente di intaccare fondi patrimoniali costituiti dal contribuente ben prima dell’insorgere del debito tributario o patrimoniale.

Nel caso di specie, il  fondo patrimoniale ipotecato era stato costituito dal debitore  ben venti anni prima rispetto alla nascita del debito sopravvenuto. Per cui, le ragioni specifiche che hanno generato l’obbligazione tributaria a cui è strettamente subordinata la posizione debitoria, per i Giudici di legittimità prevalgono rispetto al tempus in cui il fondo patrimoniale risulta costituito.  Si tratta di una pronuncia  che non ha mancato di avere riflessi concreti ed immediati anche su quelle situazioni patrimoniali pregresse  considerate non più “tutelabili” o meglio da ritenere tutelate in caso di debiti  tributari o patrimoniali sopravvenuti.

In considerazione del principio espresso dalla Corte di Cassazione nell’Ordinanza sopra richiamata (Ord. n°8881 del 11/04/2018) figuriamoci, se possa passare inosservata l’alienazione di beni propri o altrui in pendenza di una procedura esecutiva o, comunque a ridosso della notifica di una o più cartelle di pagamento a cui di lì a poco dovrà necessariamente fare seguito l’inizio di un procedura di riscossione coattiva finalizzata al soddisfo del credito tributario o patrimoniale per cui si procede.

Nel caso di specie, come già segnalato è configurabile a carico del contribuente che effettua l’alienazione il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, ritenendosi configurabile l’elemento soggettivo del dolo finalizzato ad eludere nello specifico il tentativo dell’Amministrazione finanziaria di soddisfare il credito tributario attraverso la possibile vendita dei beni mobili e immobili  di proprietà del contribuente.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

Cartella di pagamento e prova della notifica

Spetta al concessionario della riscossione provare la regolare notifica della cartella di pagamento in caso di contestazione del contribuente

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

LE SPESE DI SPONSORIZZAZIONE SONO DEDUCIBILI

«Le spese di sponsorizzazione sono riconducibili alle spese di pubblicità e quindi deducibili. <br />In tal senso, C.T.P. Bari Sen. n°657 del 02/12/2015

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

ICI. La notifica degli accertamenti a mezzo posta

Il D.lgs.n°504/1992, art.11 nel testo applicabile ratione temporis prevede esclusivamente il ricorso al servizio postale con raccomandata a.r.

Continua

ICI/ IMU. Pertinenza esente solo se strumentale

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza N°29258 del 06 dicembre 2017

Continua

Pertinenza esente se strumentale all'abitazione

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di cassazione in concomitanza dell’Ordinanza N°29258 del 06 dicembre 2017

Continua

Ok per rateizzare se lo decide l'ente creditore

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione nella Sentenza n°440 del 11/01/2018

Continua

Ici. Aree edificabili e valore venale

La Cassazione nell’Ordinanza n°29192 del 06/12/2017 ha disposto che è area edificabile il terreno su cui vengono effettuati lavori di costruzione

Continua

Mediazione se la lite non supera 50 mila euro

La novità è contenuta nel D.L.n°50/2017 rappresentata dalla variazione in aumento del valore della lite a 50 mila euro per il reclamo-mediazione

Continua

Poste private senza licenza. Notifiche inesistenti

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione con l’Ordinanza n°234 del 08/01/2018

Continua

Sentenza di appello illegittima se non motivata

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione con l’Ordinanza N°3999 depositata il 19/02/2018

Continua

I.C.P. Valenza direzionale e non pubblicitaria

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Regionale della Puglia con la Sentenza N°3189 depositata il 06/11/2017

Continua

Niente TARSU se i rifiuti sono speciali

Lo ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza n°4412 del 23/02/2018

Continua

P.E.C., l`allegato in PDF. Parola alle Sezioni Unite

Notifica a mezzo P.E.C., spetta alle Sezioni Unite della Corte di Cassazione stabilire la legittimità dell’allegato in estensione PDF

Continua

Ipotecabile il fondo patrimoniale ex ante

Ipoteca ammissibile anche sui beni facenti parte di un fondo patrimoniale costituito venti anni prima rispetto al debito sopravvenuto.

Continua

La stima UTE non giustifica la pretesa erariale

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°8249 depositata il 04 /04/2018

Continua

Notifica via pec. Le sezioni unite hanno deciso

Le firme digitali cades e pades sono equivalenti. E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione nella sentenza 10266 del 27/04/2018

Continua

Atti esecutivi tributari. Art.57 del DPR 602/73

Illegittimità costituzionale dell’art.57 comma 1 lett. a) DPR 602/73 nella parte in cui non prevede l’opponibilità dell`atto esecutivo ex art.615 cpc

Continua

Cartella di pagamento nulla se non è motivata

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione con l’Ordinanza n°10481 del 03 maggio 2018

Continua

E' nullo l'accertamento Tari non motivato

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari nella Sentenza N°1424 depositata dai Giudici baresi in data 05/06/2018

Continua

La rateizzazione interrompe la prescrizione

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in occasione dell’Ordinanza N°16098 depositata il 18 giugno 2018.

Continua

Accertamenti catastali e stima diretta

E’ quanto ha disposto la Commissione tributaria provinciale di Bari in concomitanza della sentenza N°1775 depositata in Segreteria il 16/07/2018

Continua

L’istanza di rateizzazione equivale a riconoscimento del debito

Lo ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in occasione dell’Ordinanza N°16098 del 18/06/2018

Continua

L’incertezza normativa esclude le sanzioni tributarie

Corte di Cassazione Sezione Tributaria, Ordinanza n°26431 del 19/10/2018

Continua

Niente contributo consortile senza beneficio diretto

E’ quanto ha disposto la Corte Costituzionale con la Sentenza n°188 depositata il 18 ottobre 2018

Continua

La perizia di parte può disattendere l’accertamento analitico dell’ufficio

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°31274 del 04 dicembre

Continua

Per il TAR Campania sono illegittime le delibere TARI tardive

E’ quanto ha disposto il TAR Campania in concomitanza della Sentenza n°6535 del 09 novembre 2018 ritornando sulla illegittimità delle Tariffe TARI deliberate in ritardo

Continua

I poteri istruttori delle commissioni tributarie. Limiti e certezza

I poteri istruttori del giudice tributario possono avere una rilevanza non di poco conto nel chiarire nonché verificare la fondatezza dei motivi di doglianza eccepiti

Continua

Nulla la cartella che non indica il responsabile del procedimento

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione Sezione tributaria in concomitanza della Sentenza n° 33565 del 28/12/2018.

Continua

Rappresentanza e assistenza tecnica in giudizio. Quali criticità?

Ecco gli aspetti tecnici e procedurali più significativi da tenere presente nel dare impulso all'azione giudiziale in sede tributaria

Continua

TARSU: B&B e alberghi accomunati dalla stessa tariffa

Il Comune può determinare la tariffa della TARSU non prendendo in considerazione la sua destinazione d’uso bensì l’attività economica svolta nei locali

Continua

Imprese, le nuove misure disposte dal "Decreto Liquidità"

Accesso al credito, sostegno alla liquidità, all’esportazione, all’internazionalizzazione e agli investimenti

Continua