Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Ebrezza ed ubriachezza non sono sinonimi nel nostro ordinamento


Se in una polizza assicurativa è prevista l'inoperataività in caso di sinistro causato in stato di ubriachezza, può essere ritenuta operativa in ipotesi di ebrezza
Ebrezza ed ubriachezza non sono sinonimi nel nostro ordinamento

 
Una compagnia di assicurazione ha rifiutato di risarcire il beneficiario di una polizza vita stipulata da una persona deceduta a seguito di un’uscita di strada mentre era alla guida della propria automobile, affermando l’inoperatività della polizza, come contrattualmente previsto, in caso di ubriachezza della vittima al momento dell’infortunio mortale.

Al soggetto deceduto era stata riscontrata un’alcolemia nel sangue pari a 0,55 g/l.

Il beneficiario della polizza ha convenuto in giudizio la compagnia assicuratrice, al fine di ottenere il risarcimento contrattualmente dovuto, sostenendo che il predetto tasso alcolemico non potesse integrare la fattispecie di uno stato di ubriachezza, ma bensì di ebrezza.

Il Tribunale di Verona, al fine di decidere la controversia, conclusasi con ordinanza in data 07.01.2019, ha tratteggiato con condivisibile precisione la distinzione tra ubriachezza ed ebrezza.

Il Tribunale afferma, innanzitutto, che nel nostro ordinamento giuridico i termini ebrezza ed ubriachezza non possono essere ritenuti sinonimi, in quanto considerati da norme distinte, che prevedono anche differenti trattamenti sanzionatori (da un lato l’art. 186 Codice della Strada e dall’altro l’art. 688 Codice Penale).

Il Giudice afferma, poi, che anche sotto il profilo medico l’ebrezza è ben distinta dall’ubriachezza, posto che quest’ultima è configurabile quando il tasso alcolemico supera l’1,5 g/l.

Il Tribunale, infine, afferma che un soggetto qualificato come una compagnia di assicurazione non può disconoscere il differente significato, sia sotto il profilo giuridico che medico, dei due termini, richiamando, peraltro, anche il criterio interpretativo di cui all’art. 1370 Codice Civile (“Le clausole inserite nelle condizioni generali di contratto o in moduli o formulari predisposti da uno dei contraenti s’interpretano, nel dubbio, a favore dell’altro”).

Ne deriva, quale logica ed inconfutabile conseguenza, che la polizza assicurativa, escludendo l’operatività in caso di ubriachezza, deve ritenersi pienamente operante in ipotesi di mera ebrezza.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Dimissioni del liquidatore di società di capitali

In caso di inerzia dell'assemblea della società, il liquidatore dimissionario è legittimato ad agire

Continua

Vendita di immobile da parte di ente pubblico

Offerta d'acquisto da parte di ente pubblico e sua accettazione costituiscono contratto preliminare

Continua

Responsabilità medica e misura del risarcimento

Cumulabilità o meno di risarcimento e indennizzo in ipotesi di fatto illecito commesso da un medico

Continua

Servitù di passo, costituzione e contenuto

La Cassazione pone principi interpretativi in merito alla costituzione di una servitù di passo

Continua

Piano casa della Regione Veneto in fascia di rispetto stradale

Il Piano Casa della Regione Veneto consente l'ampliamento di un fabbricato sito in fascia di rispetto stradale? La risposta sembra positiva.

Continua