Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Gli accordi con rinuncia a diritti futuri hanno valore?


Gli accordi con rinuncia a diritti che ora non si hanno, ma che avremo forse in futuro, sono validi? Due sono gli orientamenti
Gli accordi con rinuncia a diritti futuri hanno valore?

Si può rinunciare a diritti futuri, a diritti che non abbiamo adesso, ma che avremo forse domani?

Accade di aver bisogno di venire ad un accordo con un avversario, per esempio un padrone di casa che ci sfratta e a cui chiediamo una dilazione, o con il nostro datore di lavoro per una transazione che ci eviti il rischio di una condanna, o con un cliente importante che ci può concedere un appalto se però in cambio…

In alcuni casi (pochi) la legge espressamente vieta patti di questo genere: il padrone di casa ci dà un po’ di respiro, ma in cambio ci chiede la rinuncia preventiva alla prescrizione e noi, con l’acqua alla gola, firmiamo. Ebbene, quella rinuncia è nulla, ex art. 2937 c.c. (“Non può rinunziare alla prescrizione chi non dispone validamente del diritto.

Si può rinunziare alla prescrizione solo quando questa è compiuta. La rinunzia può risultare da un fatto incompatibile con la volontà di valersi della prescrizione.”) e neppure si possono abbreviare o allungare i tempi della prescrizione (art. 2936 c.c.).

Ma negli altri casi, non espressamente previsti dalla legge?
A fil di logica la rinuncia a diritti futuri pare sfornita di validità perché si rinuncia a qualcosa che non si ha e che forse non si avrà mai, ma le cose future possono essere oggetto di prestazione e, per quanto riguarda l’affidamento al verificarsi di eventi imponderabili, è appena il caso di ricordare i contratti aleatori.

Cosa dice il giudice del lavoro

Nell’ambito del diritto del lavoro, dove gli accordi transattivi sono incoraggiati dalla legge e dalla durata dei tempi della giustizia, la richiesta padronale di rinuncia a diritti futuri è frequente. Tuttavia la giurisprudenza attuale scoraggia questo genere di accordi.

Cass., sent. 11 ottobre 2018, n. 25315 ha negato validità ad un accordo transattivo, relativo a causa d’appello, in materia di interposizione illecita di mano d’opera. I lavoratori, per conservare il loro posto di lavoro, avevano rinunciato agli scatti di anzianità e avevano tratto vantaggio da quest’accordo, salvo poi ripensarci. Lo avevano perciò impugnato, pretendendo il diritto, cui avevano rinunciato.

Sono andati in causa e hanno perso in primo grado e in secondo grado, ma hanno vinto in Cassazione.

La Corte d’appello, nel dar torto ai lavoratori, aveva rilevato che essi “avevano accettato, di dare vita ad un nuovo rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato; non poteva, d’altra parte, sostenersi che i lavoratori avessero abdicato a diritti futuri perché la rinuncia contenuta nel verbale di conciliazione aveva avuto ad oggetto diritti che erano già maturati ed il cui accertamento, unitamente all’esistenza del rapporto con R.F.I. (il datore di lavoro), da cui dipendevano, era ancora sub iudice”.

La Cassazione, invece, ha ritenuto che “il regime di eventuale mera annullabilità degli atti contenenti rinunce del lavoratore a diritti garantiti da norme inderogabili di legge o di contratto collettivo, previsto dall’art. 2113 cod. civ., riguarda soltanto le ipotesi di rinuncia a un diritto già acquisito.

La Cassazione dice che il diritto agli scatti di anzianità è inderogabile e quindi non può essere oggetto di rinuncia, neppure per accordo sindacale, ma – attenzione – se un accordo del genere vien comunque fatto non è nullo, ma soltanto annullabile ex art. 2113, che fissa un termine di decadenza al comma 2: “L'impugnazione deve essere proposta, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto o dalla data della rinunzia o della transazione, se queste sono intervenute dopo la cessazione medesima”.

Se non si impugna, entro quel termine, l’accordo, questo, ancorché in deroga a norma che non si poteva derogare, è valido.

La norma può lasciar sconcertato il lettore, digiuno di legge, ma tale è. La Cassazione, tuttavia, aggiunge: questa possibilità, offerta dall’art. 2113, di fare accordi in barba alla proibizione di legge e poi di sanarli, vale solo per gli scatti di anzianità già intervenuti, non per quelli che verranno: posso rinunciare a diritti che avevo già a mia disposizione, non per quelli futuri.

Questo perché la legge mi offre una scappatoia per il passato, facendo un’eccezione che, però, tale deve restare. Se si consente, mediante accordi, di derogar sempre a norme inderogabili di legge ed ai CCL, la legge e i contratti collettivi si trovano ad esser integralmente snaturati.

La Cassazione individua le norme che impediscono tale snaturamento stabilendo non l’annullabilità degli accordi, ma una sanzione più grave: la nullità o l’invalidità e l’inefficacia.

Queste norme, indicate nella sentenza in esame, sono gli articoli 1418 e 2077 c.c..
Per l’art. 1418: “Il contratto è nullo quando è contrario a norme imperative, salvo che la legge disponga diversamente. Producono nullità del contratto la mancanza di uno dei requisiti indicati dall'articolo 1325, l'illiceità della causa, l'illiceità dei motivi nel caso indicato dall'articolo 1345 e la mancanza nell'oggetto dei requisiti stabiliti dall'articolo 1346. Il contratto è altresì nullo negli altri casi stabiliti dalla legge”.

Per l’art. 2077: “I contratti individuali di lavoro tra gli appartenenti alle categorie alle quali si riferisce il contratto collettivo devono uniformarsi alle disposizioni di questo.
Le clausole difformi dei contratti individuali, preesistenti o successivi al contratto collettivo, sono sostituite di diritto da quelle del contratto collettivo, salvo che contengano speciali condizioni più̀ favorevoli ai prestatori di lavoro”.

Tale principio vale solo per le norme inderogabili?

Tale principio vale solo per le norme inderogabili? No, secondo l’opinione prevalente nell’ambito del diritto del lavoro: nessun diritto futuro (e quindi anche quello derogabile) può esser rinunciato. Lo ha stabilito Cass. n. 23087/2015 sempre in base agli articoli 1418 e 1325: non essendo entrato il diritto futuro nel patrimonio del lavoratore, manca l’oggetto del contratto e, pertanto, la rinuncia è radicalmente nulla.

Nel caso della rinuncia all’impugnazione di licenziamento non si verte in materia di diritto indisponibile giacché il lavoratore può senz’altro disporre di tale diritto, ma purché questo faccia già parte del suo patrimonio e cioè ne sussistano le condizioni e cioè il licenziamento sia avvenuto e comunque si siano verificate le condizioni che lo giustifichino.

Va detto che questa posizione, non contraddetta da successive pronunce della Corte Suprema, non è sempre condivisa dai giudici di merito e da altre sezioni della stessa Cassazione che, invece, si basano su un altro principio: quello della determinabilità del diritto futuro.

E’ il caso di Cass., sez. I, 17 luglio 2014, n. 16365. Qui non si verte in materia di lavoro, ma di appalto di diritto privato. Un appaltatore rinuncia al risarcimento dei danni futuri per eventuali sospensioni di lavori per fatti imputabili all'amministrazione o indennizzi derivanti da imprevisto geologico.

La Corte in questa sentenza dà atto che anche in settori diversi dal lavoro subordinato esistano orientamenti particolarmente severi che escludono rinunce a diritti futuri non ancora entrati nel patrimonio del soggetto (si veda: Cass. civ., sez. I, 8 febbraio 2013, n. 3064, sentenza emessa dalla medesima sezione), ma opta per un indirizzo meno rigoroso.

Se la clausola si riduce a rinuncia a diritti futuri sic et simpliciter è nulla senz’altro.
Se, invece, la clausola indica un termine predeterminato di sospensione, l’accordo è valido.

Al di là del merito, il principio è questo: se l’oggetto del contratto è determinato o facilmente determinabile, l’accordo è valido, perché non si può ritenere che ci sia carenza di oggetto.

Questo secondo orientamento in materia di rinuncia dell’appaltatore a diritto al risarcimento per danni futuri, afferma la validità della rinuncia solo se dal testo della transazione si ricavino gli elementi oggettivi ben chiari al momento della rinuncia in modo tale che il soggetto, qualora la rinuncia pretesa da controparte indicasse condizioni non sopportabili, abbia titolo per rifiutarne la sottoscrizione e perciò l'accettazione.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il valore giudiziale del CAI o CID

Il contenuto del CAI vale solo tra i sottoscrittori. Il giudice lo apprezza liberamente, ma deve tenerne conto in mancanza di contrari indizi o prove.

Continua

Valenza probatoria del modello CAI o CID

Libera interpretazione da parte del giudice, ma divieto di ignorare il CAI nei confronti del confitente in mancanza di indizi e prove contrarie

Continua

La responsabilità dell'avvocato: il danno

L'inadempimento deve esser causa esclusiva dell'esito negativo della causa. La prova è a carico del cliente, l'avvocato deve provare la sua diligenza

Continua

La responsabilità dell'avvocato (parte II)

Diligenza oltre mandato, quantificazione danno ed esame ex officio del giudice

Continua

L'insegnante di scuola privata

Quando l'insegnante di scuola privata può esser considerato lavoratore autonomo e quando lavoratore subordinato?

Continua

Protesta e diffamazione di Pubblico Ufficiale

Fino a che punto è lecito nella protesta eccedere senza incorrere nel reato di diffamazione o calunnia di pubblico ufficiale?

Continua

Cessione ramo d'azienda e opposizione dipendenti

Se la cessione di ramo d'azienda è illegittima i lavoratori non reintegrati hanno diritto alla retribuzione? No

Continua

Domanda e potere del Giudice

Domanda relativa ad un titolo accolta in ragione di titolo diverso

Continua

Eccezioni di prescrizione e di interruzione

La prescrizione è un'eccezione in senso stretto e non può esser rilevata d'ufficio. Non così l'eccezione di interruzione della prescrizione

Continua

Riproposizione delle eccezioni in appello

Pronuncia del giudice di primo grado su eccezione in senso lato o stretto; appello incidentale o riproposizione? Mancata pronuncia del primo giudice

Continua

Il Modello C.A.I.

Oscillazione della giurisprudenza - confessione - assicuratore - proprietario che non l'ha sottoscritto - prova contraria - libero apprezzamento

Continua

Salute e idoneità alle mansioni di lavoro

Il Testo Unico su Sicurezza e Salute nel Lavoro. Doveri del Datore di Lavoro. Il Medico Competente. Inidoneità. Licenziamento o Repéchage

Continua

Concorso e lavoro privato

Concorso come offerta pubblica, concorso e requisiti psico-fisici, discriminazione tra uomini e donne, il problema della statura

Continua

Concorso interno e smarrimento della cartella sanitaria

L`onere della prova e il criterio della vicinanza alla prova

Continua

Intervento medico e danni causati dal paziente

Paziente lede la mano dell'infermiera durante un intervento odontoiatrico, sentenza cassata per carenza di prova della colpa

Continua

La Vicinanza della Prova

Criterio generale ex art. 2697 c.c. Prova esageratamente difficile per l'attore. Principio di vicinanza. Limiti

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 1)

Decreto legislativo n.109/2006; principio di salvaguardia del prestigio della magistratura; tipizzazione degli illeciti; la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 2)

Decreto legislativo n.109/2006: principio di salvaguardia del prestigio della magistratura, tipizzazione degli illeciti e la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 3)

Mancata lettura del dispositivo in causa di lavoro e mancata astensione di un pubblico ministero

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 4)

Rapporti personali col giudice, compensi eccessivi, provvedimenti abnormi e ritardo nel provvedere

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 5)

Termini carcerazione, qualificazione fatti e rapporto di specialità tra fattispecie illeciti disciplinari

Continua

Anomalia e abnormità nel processo civile

Provvedimento anomalo e provvedimento abnorme. Provvedimento anomalo profili funzionali. Provvedimento abnorme e i rimedi secondo la Cassazione

Continua

L'accoglienza ai migranti: il caso della Can Ap

La nave tedesca Can Ap appartenente ad una Ong salva 37 migranti, ma viene poi sequestrata in Italia ed il comandante processato. Perché?

Continua

Sicurezza e soccorso in mare

Convenzioni internazionali sulla sicurezza, loro aggiornamenti, obblighi dei Comandanti; poteri dei governi nazionali per quanto riguarda l'ingresso

Continua

La Disputa Italia-Malta sulle zone SAR

La normativa sul soccorso in mare ha criteri non coordinati e la zona di competenza di Malta è troppo ampia

Continua

Part Time Full Time e TFH

Il TFH, full time dei turnisti quando prevede orari differenziati fa sorgere questioni diversamente risolte dalle Corti di Appello e dalla Cassazione

Continua

La Cassazione Giudice dei CCNL

Dal 2006 è possibile subito il ricorso in Cassazione anche per violazioni al CCNL

Continua

CCNL e comportamenti concludenti

CCL: forma libera scritta e/o fatti concludenti; diverso regime processuale delle due componenti

Continua

CCNL e Comportamenti Concludenti

Cass. SS.UU. 21691/2016 che rimette al merito i comportamenti concludenti non è esaustiva

Continua

Cassazione ed esame diretto dei CCNL

La sentenza Cass. 5533/2016 ha segnato una svolta nella giurisprudenza del diritto del lavoro

Continua

Cassazione e Violazione di Legge

Non è consentito l'esame diretto del ricorso per violazione di legge, previsto invece per i CCNL

Continua

Condebitori: alcuni limiti alla solidarietà

I condebitori sono obbligati in solido, ma non sempre e non sempre nello stesso modo e misura

Continua

Responsabilità solidale da fatto illecito

Trattasi di responsabilità relativa diversamente regolata in sede civile ed amministrativa

Continua

Nullità (o annullabilità) del licenziamento e prescrizione

Chiamati in causa molti anni dopo i fatti anche se tutto pare prescritto? Quando e perché

Continua

Le Azioni Revocatorie: tipologie e prescrizione

Esistono due tipi di revocatoria: quella ordinaria e quella fallimentare. Analogie e differenze

Continua

Le azioni revocatorie tra decadenza e prescrizione

Il contrasto giurisprudenziale generato dal doppio termine inserito nell'art.69 bis della l.f.

Continua

Atti illeciti del Capo dello Stato, procedibilità e improcedibilità

La pratica impossibilità di procedere per attentato alla Costituzione e per alto tradimento

Continua

La Messa in Stato d'Accusa del Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica può esser messo in stato d'accusa secondo le norme contenute in apposito regolamento parlamentare

Continua

Il Presidente ed il CsM, aspetti di un conflitto irrisolto

Il CsM è del tutto autonomo rispetto al Capo dello Stato, suo presidente? La vicenda Cossiga è un esempio che consente di capire la sostanza del problema

Continua

Il Comitato Parlamentare per Procedimenti d'Accusa al Capo dello Stato

L'esame delle accuse al Capo dello Stato è rimesso a un particolare Comitato che opera con metodo politico e paragiudiziario con indirizzi spesso conflittuali

Continua

Illeciti pubblici e privati del Presidente della Repubblica

Gli illeciti del Capo dello Stato, come di qualsiasi altro pubblico ufficiale, godono di immunità soltanto se collegati direttamente o indirettamente alla sua funzione

Continua

Conflitto di attribuzione: il Presidente e la Magistratura Ordinaria

L’art. 134 della Costituzione prevede che i conflitti di attribuzione dei poteri dello Stato siano risolti dalla Corte Costituzionale

Continua

I riti camerali della Cassazione

Il rito camerale senza la pubblica udienza e il confronto orale fra le parti è ormai la regola nel processo in Cassazione

Continua

La durata del comporto nel lavoro part time

Il comporto nel lavoro part time è proporzionalmente inferiore a quello full time. Il calcolo effettivo della sua durata crea problemi

Continua