Richiedi una consulenza in studio gratuita!

I diritti dei nonni nei confronti dei nipoti


La presenza dei nonni nell'educazione e nella crescita dei nipoti: l'importanza e la conoscenza delle proprie origini
I diritti dei nonni nei confronti dei nipoti
La Legge prevede dei diritti, ma anche dei doveri, in relazione al rapporto nonni-nipoti.
La Legge 8 febbraio 2006, n. 54 ha riformulato l’art. 155 c.c. introducendo il principio secondo cui "anche in caso di separazione personale dei genitori, il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con i parenti di ciascun ramo genitoriale".
E’ stata, così, implicitamente sancita l’importanza della figura dei nonni nell'educazione e nella crescita dei nipoti, applicandosi tale norma a tutti i giudizi relativi alla crisi familiare (separazione, divorzio, interruzione di convivenza).
Ai genitori è stata, pertanto, impedita l’arbitraria preclusione ai propri figli di una regolare frequentazione con i nonni, salvo non venga concretamente dimostrato che la presenza dei nonni nella vita dei nipoti sia per loro pregiudizievole.
L’art. 315-bis c.c., introdotto dalla Legge 10 dicembre 2012, n. 219, prevede che "il figlio ha diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti".
Ciò assume valore di principio generale applicabile a qualsiasi contesto familiare a prescindere dalla rottura dell’unione tra i genitori.
L’articolo 317-bis c.c., successivamente introdotto con Decreto Legislativo 28 dicembre 2013, n. 154 stabilisce che "gli ascendenti hanno diritto a mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni" e che "l’ascendente al quale è impedito l’esercizio di tale diritto può ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinché siano adottati i provvedimenti più idonei nell'esclusivo interesse del minore stesso".
Ai nonni è stato, così, riconosciuto il diritto di avere e mantenere una serena e regolare frequentazione con i nipoti ed anche di agire in giudizio per tutelare tale rapporto, sempre nel precipuo interesse dei nipoti stessi .
Pertanto, i nonni che si vedono privati del rapporto con i propri nipoti potranno rivolgersi al Tribunale per i Minorenni del luogo in cui risiedono questi ultimi, chiedendo la corretta regolamentazione delle frequentazioni e degli spazi di visita con i nipoti e, nelle ipotesi più gravi, l’assunzione di provvedimenti incisivi e limitativi nei confronti dei genitori che ostacolano una regolare frequentazione e partecipazione affettiva dei nonni nella vita dei nipoti. Trattandosi di questioni attinenti la vita di minori, i provvedimenti assunti dal Giudice terranno necessariamente in considerazione e tuteleranno il supremo interesse degli stessi.
Nulla è mutato, invece, circa l’eventuale intervento dei nonni nei procedimenti di separazione, divorzio, affidamento e regolamentazione del mantenimento dei figli nati fuori dal matrimonio. La riforma ha, infatti, stabilito un procedimento autonomo di competenza del Tribunale per i Minorenni e non ha previsto l’intervento dei nonni nei procedimenti di separazione, divorzio e interruzione di convivenza.
Riconosciuto il diritto, discende altresì un obbligo in capo ai nonni: se da un lato si riconosce l’importanza della vita di relazione nonni-nipoti, dall'altro viene previsto anche l’obbligo per i nonni di contribuire, laddove necessario, al mantenimento dei nipoti.
L’art. 316-bis c.c. (sempre introdotto dal D. Lgs. n. 154/2013) prevede, infatti, l’obbligo per i nonni (e gli altri ascendenti) di offrire il proprio contributo economico quando entrambi i genitori non siano in grado di farlo.
Un obbligo che verrà imposto solo se vi sia un'oggettiva insufficienza di mezzi, ossia una reale incapacità da parte di entrambi i genitori a far fronte ai propri impegni economici nei confronti della prole: tale previsione normativa trova fondamento nella solidarietà familiare e nella necessità di tutelare il minore, tuttavia il ruolo dei genitori rimane primario come solo sussidiario quello degli ascendenti.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La Coordinazione Genitoriale

Nuove frontiere per risolvere il conflitto genitoriale

Continua

Nuovi partner nella vita dei figli

Nuove relazioni e nuovi legami affettivi dopo la separazione: rapporti tra genitori, figli e nuovi partner

Continua

Il collocamento del figlio minore presso il papà

Oltre il criterio della “maternal preference”

Continua

Il tradimento on-line è causa di addebito

La rivoluzione introdotta dalla Cassazione pone l’accento sul tradimento che si consuma tramite social network e mezzi digitali

Continua

Un curatore speciale per il minore se i genitori sono inadeguati

Il curatore speciale rappresenta il minore in giudizio quando i genitori sono incapaci a tutelarlo

Continua

Mantenimento al figlio non riconosciuto: a chi spetta?

Padre naturale: l’obbligo del mantenimento sorge con la nascita del figlio

Continua

Affido condiviso: cosa prevede il DDL Pillon

Separazioni e affido dei minori: "DDL Pillon" con molte ombre e poche luci

Continua

L'obbligo di fedeltà nel tempo

L’ennesimo attacco alla famiglia, verso l’abolizione dell’obbligo di fedeltà

Continua

Mediazione familiare: tutte le coppie sono mediabili?

La mediazione impossibile, quando il conflitto non è superabile

Continua

Affidamento al servizio sociale “in sostituzione dei genitori”

Affidamento all'Ente, decadenza e limitazione della responsabilità genitoriale

Continua

Separazione e divorzio: risvolti emotivi e psicologici

Quando il divorzio psicologico non si raggiunge: la guerra del legame disperante

Continua

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano

E’ opportuno l’ascolto del minore nei procedimenti di separazione e divorzio dei genitori?

Continua

Riflessioni sull'alienazione genitoriale

L’Alienazione Genitoriale: di cosa si tratta, come si manifesta e come si valuta

Continua

La figura del CTU e del CTP nelle procedure di affidamento e collocamento

Una riflessione sul ruolo del CTU e del CTP nei casi di separazione, divorzio, affido e collocamento

Continua

Mantenimento dei figli maggiorenni: fino a quando è dovuto?

Non vi è alcuna cessazione automatica dell'obbligo al raggiungimento della maggiore età dei figli

Continua

Scelta fra scuola pubblica e privata in caso di separazione

Dopo la separazione, chi decide la scuola dei figli?

Continua