Il reato di usura nei rapporti bancari


Determinazione e precisazione delle voci costituenti il calcolo al fine di individuare la presenza di interessi usurari nei rapporti bancari
Il reato di usura nei rapporti bancari
Il quadro normativo in tema di usura è stato radicalmente modificato e innovato dalla legge n.108/96, la quale ha novellato l’articolo 644 del codice penale, il quale oltre al resto, prevede espressamente: "la legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari...per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse collegate alla erogazione del credito".
Preme precisare comunque che tale disposto normativo di cui alla legge suindicata riguarda disposizioni sia di natura penale sia civile.
Per quanto riguarda l’ambito che in questa sede più ci interessa, la legge 108/’96 ha modificato nello specifico l’articolo 1815 del codice civile il quale precisamente statuisce: "se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi".
Dopo l’emanazione di tale legge e la sua entrata in vigore è emerso fin da subito il problema della possibilità o meno di far rientrare nella disciplina anti usura anche gli interessi moratori: tale contrasto e conflitto dottrinale è stato risolto dallo stesso legislatore con la legge 24 del 2001 la quale riconduce alla nozione di interessi usurari e quelli convenuti a qualsiasi titolo.
La stessa corte costituzionale con la fondamentale sentenza n.29 del 25.02.2002 ha confermato l’interpretazione per cui il tasso soglia riguarderebbe anche gli interessi moratori. Altresì la banca d’Italia con idonea nota 3.7.13 ha chiarito che "anche gli interessi di mora sono soggetti alla normativa anti usura".
Una volta stabilita in termini positivi l’applicabilità della disciplina anti usura agli interessi moratori bisogna procedere verificando l’originaria legittimità degli interessi che erano stati stipulati nel contratto: è chiaro a questo punto che il reato di usura si configurerà nel momento in cui le parti abbiano sottoscritto un contratto usurario.
La legge - sia penale che civile - punisce il semplice fatto della conclusione di un contratto con cui si chiedono interessi usurari, vale a dire dei corrispettivi per il finanziamento concesso superiori al tasso di soglia.
Questi interessi - ai quali vanno sommate le commissioni, le remunerazioni a qualsiasi titolo e le spese connesse, le commissioni e di estinzione anticipata, escluse solo imposte e tasse, ma anche gli interessi di mora - sono usurari quando complessivamente sono superiori al limite di legge (tasso soglia) oppure inferiori, ma sproporzionati rispetto alla controprestazione e considerati i tassi medi.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Responsabilità Civile Medica

Il medico diviene responsabile qualora abbia tenuto una condotta non rispondente ai criteri di diligenza, perizia e prudenza

Continua

Risarcimento diretto nei sinistri stradali

Casi di applicabilità ed inapplicabilità della disciplina del risarcimento diretto per il caso di sinistri stradali

Continua

Oneri condominiali tra vecchio/nuovo proprietario

Qual è la ripartizione delle spese condominiali arretrate in caso di vendita di un immobile inserito in un condominio

Continua