Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il Registro delle opposizioni: cos'è e come funziona


Dal 27 luglio è operativo il “nuovo” registro pubblico delle opposizioni (RPO) con cui opporsi alle telefonate per vendite o promozioni commerciali. Vediamolo meglio
Il Registro delle opposizioni: cos'è e come funziona

Dallo scorso 27 luglio è diventato operativo il “nuovo” registro pubblico delle opposizioni (RPO), o meglio il registro pubblico dei contraenti che si oppongono all’utilizzo dei propri dati personali e del proprio numero telefonico per vendite o promozioni commerciali.

L’obiettivo del servizio, istituito con il DPR 178/2010 e aggiornato con il D.P.R. 149/2018 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 74 del 29 marzo 2022 è quello di porre un freno al telemarketing aggressivo verso i cittadini che ormai da anni sono destinatari di numerose chiamate commerciali indesiderate non solo sui numeri fissi ma anche sui cellulari.

Vediamo meglio in cosa consiste.

 

Che cos’è

Il RPO è un servizio pubblico gratuito per il cittadino che intende opporsi all’utilizzo del proprio numero telefonico, fisso o cellulare, e dell'indirizzo postale presente negli elenchi pubblici per finalità pubblicitarie e ricerche di mercato.

Il Registro delle opposizioni è uno strumento previsto dal Codice Privacy (art. 130 comma 3-bis): in esso si afferma che  “il trattamento dei dati effettuato mediante l’impiego del telefono e della posta cartacea per le finalità di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale è consentito nei confronti di chi non abbia esercitato il diritto di opposizione,.., mediante l’iscrizione della numerazione della quale è intestatario e degli altri dati personali … in un registro pubblico delle opposizioni”.

 

Come funziona

Ogni cittadino ha diritto ad iscriversi al RPO. Quando viene registrato un numero di telefono fisso o mobile, o un indirizzo postale all’interno del RPO, vengono annullati i consensi al telemarketing rilasciati in precedenza per il trattamento dei dati tramite chiamata telefonica (con o senza l’intervento di un operatore umano).

Gli indirizzi postali per cui è possibile revocare il consenso, devono essere presenti all’interno degli elenchi telefonici pubblici, per i numeri telefonici (sia fissi che mobili) la presenza NON è necessaria.

L’iscrizione al RPO annulla i consensi al telemarketing e alla cessione a terzi di dati personali precedentemente rilasciati per campagne promozionali, tessere per la raccolta punti, la scontistica e la fidelizzazione, è a tempo indeterminato e potrà essere revocata in qualsiasi momento.

Gli operatori di Call Center che effettuano attività di telemarketing sono obbligati “a consultare mensilmente, e comunque precedentemente all’inizio di ogni campagna promozionale, il registro pubblico delle opposizioni e di provvedere all’aggiornamento delle proprie liste. La consultazione del registro da parte di ciascun operatore ha efficacia pari a quindici giorni per i trattamenti di dati per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, mediante l’impiego del telefono, con o senza operatore, e pari a trenta giorni per i trattamenti di dati per le medesime finalità mediante l’impiego della posta cartacea.” (art. 8 comma 2).

I dati personali delle persone iscritte nel registro non verranno inviati agli operatori; il RPO riceverà le liste e le epurerà dei dati in esso presenti, fornendo così una lista “pulita”.

 

Cosa succede dopo l’iscrizione?

Dopo aver fatto l’iscrizione al RPO non riceveremo più telefonate commerciali? La risposta è dipende, infatti:

  • Potremo ancora ricevere chiamate da tutte le aziende di cui siamo clienti (es. operatori telefonici, aziende di gas, luce e acqua, ecc..) o con cui abbiamo chiuso il contratto da non più di 30 giorni, e a cui abbiamo fornito esplicito consenso;
  • Se dopo l’iscrizione al RPO forniamo il consenso ad essere ricontattati (ad esempio se inseriamo i dati su un form internet per una offerta commerciale), autorizziamo la società a contattarci e l’opposizione per quella società non ha più valore. In questo caso se cambiamo idea e non vogliamo più ricevere chiamate, è sufficiente rinnovare l’iscrizione al RPO.

 

Importante

Il registro delle opposizioni ha effetto esclusivamente sulle chiamate commerciali, rimangono escluse:

  • Le campagne commerciali che vengono svolte tramite SMS;
  • Le campagne commerciali che vengono svolte tramite mail (es. newsletter)

In questi casi l’unico modo disponibile è revocare i consensi o bloccare il numero telefonico da cui vengono inviati gli SMS.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Come la data privacy può aumentare la reputazione aziendale

Una recentissima ricerca rivela il forte impatto che la data privacy può avere sui profitti aziendali, contribuendo a costruire la fiducia dei consumatori

Continua

Google Analytics e la difficile conformità al GDPR

L'Europa contro Google Analytics. Aumentano i pareri contrari al sistema di Google

Continua

Perché l'azienda deve adeguarsi e rispettare il GDPR

Rispettare il GDPR conviene. L'azienda può approfittare del PNRR e della spinta economica che viene data dall'Europa alla digitalizzazione

Continua

Gli impatti Privacy del decreto trasparenza in vigore dal 13 agosto 2022

A partire dal 13 agosto 2022 diventerà operativo il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104. Vediamo quali sono gli impatti dal punto di vista protezione dei dati

Continua