Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Separazione o divorzio, il significato di “Bigenitorialità”


Bigenitorialità, non significa trascorrere uguale tempo con entrambi i genitori, ma significa partecipazione attiva da parte di entrambi i genitori
Separazione o divorzio, il significato di “Bigenitorialità”

Con Ordinanza n. 31902 del 10 dicembre 2018, la Corte di Cassazione si è pronunciata ispirandosi ancora una volta al supremo interesse del minore che deve essere tutelato al di sopra di ogni altro, rifiutando l’applicazione di un metodo puramente “matematico” per regolamentare la presenza dei figli minori presso ciascun genitore: l’obiettivo non può (e non deve) essere una proporzione effettiva in termini di parità dei tempi di frequentazione del minore ma, piuttosto, un concreto ed armonico esercizio della bigenitorialità con le complessive esigenze di vita del figlio e nel rispetto di entrambi i genitori.

Adottando tale prospettiva, il principio di bigenitorialità si declina come “presenza comune dei genitori nella vita del figlio, idonea a garantirgli una stabile consuetudine di vita e salde relazioni affettive con entrambi, i quali hanno il dovere di cooperare nella sua assistenza, educazione ed istruzione” (cfr. Cass. Civ., 23 settembre 2015, n. 18817). Pertanto, il diritto di visita di un genitore può anche essere limitato, se l’altro offre un ambiente più idoneo alla crescita del minore, senza che ciò intacchi il principio di bigenitorialità.

Bigenitorialità, dunque, non significa trascorrere uguale tempo con entrambi i genitori, ma significa partecipazione attiva da parte di entrambi i genitori nel progetto educativo, di crescita, di assistenza della prole, in modo da creare un rapporto equilibrato che in nessun modo risenta dell’evento della separazione.

La “Bigenitorialità”, ovvero l’affido condiviso, appare la soluzione migliore nel caso di una separazione con figli, ma non sempre è di facile attuazione: può accadere che l’ex coniuge si comporti anche (e, purtroppo) da ex genitore, trascurando impegni, dimenticando promesse, disinteressandosi di esigenze, risultando assente dalla vita dei figli.

E’ dimostrato che una custodia “partecipata” dei genitori possa offrire diversi vantaggi con effetti positivi sui bambini. L’affido condiviso, infatti, mira a tutelare la genitorialità materna e paterna, coinvolgendo entrambi i genitori. Tuttavia, riuscire a mantenere separate la relazione di coppia da quella genitoriale risulta spesso complicato.

Nella lite giudiziaria convogliano dolori, sofferenze, frustrazioni, inadeguatezze, impotenza e tanto, tanto rancore e, troppo spesso, i figli sono coinvolti nelle guerre genitoriali, “non visti” e non compresi nelle loro reali esigenze, trasformati in “beni” da dividersi e di cui appropriarsi. Inoltre, ciò che gli adulti ritengono giusto, come lo spartirsi equamente la permanenza dei figli nella casa dell’uno e dell’altro, può non esserlo per i bambini. Tuttavia, il momento separativo può essere molto doloroso, lacerante, conflittuale, ed è faticoso per i genitori riuscire a non perdere di vista il vissuto ed il bisogno dei figli che possono diventare, allora, lo strumento dello scontro o, addirittura, della difficoltà a separarsi degli adulti, con gravi ripercussioni sul loro sviluppo psichico.

Ciò posto, la bigenitorialità rimane un principio quasi del tutto inapplicato nel suo significato intrinseco più profondo e, senza adeguate tutele, in merito al legittimo diritto dei figli a mantenere un rapporto stabile ed equilibrato con entrambe le figure genitoriali.

Le norme di legge non assicurano che la coppia genitoriale continui effettivamente a collaborare o che inizi a farlo proprio dopo la fine della relazione sentimentale. I rapporti possono essere compromessi, in realtà, anche se è un solo adulto a rimanere con i più piccoli gravato, e a volte sopraffatto, da solo, dalle responsabilità.

In Italia, l’affido condiviso è gravato dal principio, ancora prevalente, della maternal preference che impone la triste consuetudine della trattativa sui giorni e sulle ore che i figli devono trascorrere con ciascun genitore: nel nostro paese quello che dovrebbe essere aggiornato è il modello comportamentale, sia esso materno o paterno, femminile o maschile; molti sforzi dovrebbero essere compiuti per promuovere interventi di prevenzione, percorsi di sostegno psicologico, gruppi di supporto e mediazione familiare finalizzati ad aiutare le coppie a separarsi senza fare “rumore”, riorganizzando la vita di tutti e, soprattutto, dei bimbi coinvolti, in modo costruttivo.

Genitorialità reciproca vuol dire impegno emotivo di entrambi genitori a mettere al primo posto il benessere dei figli, proteggendoli dagli effetti negativi della rottura della famiglia; significa comunicazione e confronto anche quando si preferirebbe non avere nulla a che fare l’uno con l’altro, favorirsi vicendevolmente nel rapporto con i bambini, riuscire a far sentire ai più piccoli che l’infelicità di certi momenti è una questione tra grandi e che tutto quello che li riguarda, l’amore per loro, è invece ancora intatto.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La Coordinazione Genitoriale

Nuove frontiere per risolvere il conflitto genitoriale

Continua

I diritti dei nonni nei confronti dei nipoti

La presenza dei nonni nell'educazione e nella crescita dei nipoti: l'importanza e la conoscenza delle proprie origini

Continua

Nuovi partner nella vita dei figli

Nuove relazioni e nuovi legami affettivi dopo la separazione: rapporti tra genitori, figli e nuovi partner

Continua

Il collocamento del figlio minore presso il papà

Oltre il criterio della “maternal preference”

Continua

Il tradimento on-line è causa di addebito

La rivoluzione introdotta dalla Cassazione pone l’accento sul tradimento che si consuma tramite social network e mezzi digitali

Continua

Un curatore speciale per il minore se i genitori sono inadeguati

Il curatore speciale rappresenta il minore in giudizio quando i genitori sono incapaci a tutelarlo

Continua

Mantenimento al figlio non riconosciuto: a chi spetta?

Padre naturale: l’obbligo del mantenimento sorge con la nascita del figlio

Continua

Affido condiviso: cosa prevede il DDL Pillon

Separazioni e affido dei minori: "DDL Pillon" con molte ombre e poche luci

Continua

L'obbligo di fedeltà nel tempo

L’ennesimo attacco alla famiglia, verso l’abolizione dell’obbligo di fedeltà

Continua

Mediazione familiare: tutte le coppie sono mediabili?

La mediazione impossibile, quando il conflitto non è superabile

Continua

Affidamento al servizio sociale “in sostituzione dei genitori”

Affidamento all'Ente, decadenza e limitazione della responsabilità genitoriale

Continua

Separazione e divorzio: risvolti emotivi e psicologici

Quando il divorzio psicologico non si raggiunge: la guerra del legame disperante

Continua

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano

E’ opportuno l’ascolto del minore nei procedimenti di separazione e divorzio dei genitori?

Continua

Riflessioni sull'alienazione genitoriale

L’Alienazione Genitoriale: di cosa si tratta, come si manifesta e come si valuta

Continua

La figura del CTU e del CTP nelle procedure di affidamento e collocamento

Una riflessione sul ruolo del CTU e del CTP nei casi di separazione, divorzio, affido e collocamento

Continua

Mantenimento dei figli maggiorenni: fino a quando è dovuto?

Non vi è alcuna cessazione automatica dell'obbligo al raggiungimento della maggiore età dei figli

Continua

Scelta fra scuola pubblica e privata in caso di separazione

Dopo la separazione, chi decide la scuola dei figli?

Continua

Collocamento alternato presso ciascun genitore: si o no ?

Collocamento alternato e benessere psicofisico dei figli di genitori separati

Continua

"Gruppi di parola": il bisogno di essere ascoltati

Introdotto un punto di ascolto per i bambini coinvolti nella separazione dei propri genitori, verso una corretta metabolizzazione della disgregazione della famiglia

Continua

Litigare davanti ai figli: i traumi causati dalle “guerre genitoriali”

La mediazione familiare come prevenzione dei litigi in famiglia, della violenza assistita e del disagio dei figli

Continua

Spazio neutro: un luogo per recuperare il rapporto genitori figli

Lo Spazio neutro è uno strumento per favorire la genitorialità e mantenere la relazione genitore-figlio fornendo un sostegno emotivo al bambino

Continua

L’evoluzione normativa e giurisprudenziale dell’assegno divorzile

La natura mista dell’assegno divorzile, cosa è cambiato dopo la sentenza della Corte di Cassazione n. 18287/2018

Continua

La separazione con addebito in caso di violazione dei doveri coniugali

La violazione dei doveri coniugali, come il tradimento, deve essere la causa della separazione e non un effetto della crisi matrimoniale già in atto

Continua

Quando il giudice prescrive un percorso di supporto alla genitorialità

Sostegno alla genitorialità quando i figli sono al centro del conflitto o è impedito loro l'accesso all'altro genitore

Continua