Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Intervento medico e danni causati dal paziente


Paziente lede la mano dell'infermiera durante un intervento odontoiatrico, sentenza cassata per carenza di prova della colpa
Intervento medico e danni causati dal paziente
Il fatto - Nel gennaio 2007 una citazione civile per risarcimento dei danni ex art. 2043 c.c.. riferiva un evento accaduto quattro anni prima all'attrice, assistente di medico dentista.
La convenuta, paziente, stava subendo la terza anestesia per l'estrazione della radice d'un dente e le avrebbe stretto la mano in modo tale da procurarle lesioni così gravi da pregiudicare la sua capacità di lavoro.
In rapporto a tale fatto l'attrice chiedeva il ristoro dei danni biologici e patrimoniali subiti dalla paziente convenuta.
I gradi di merito - Il Tribunale, esperiti interrogatorio formale della paziente, consulenza tecnica e sentiti i testimoni, aveva respinto la domanda, ritenendo che il danno non fosse stato causato dal fatto rappresentato.
Ma l'attrice era ricorsa in appello e la Corte di merito, nominato un perito, aveva accertato lesioni compatibili e la convenuta era stata condannata a risarcire danno biologico e spese legali.
Cassazione - Fu la Cassazione a chiudere definitivamente la causa anche nel merito con sentenza n. 22523/2014. Il difensore della paziente osservava sostanzialmente che per aver diritto al risarcimento del danno ex art. 2043 c.c. è necessario che il danno sia provocatoda colpa o dolo.
La corte ambrosiana non aveva proceduto ad alcun esame sulla sussistenza della colpa e non s'era tenuto conto della condizione della paziente e del suo rapporto con il medico tenuto al dovere della protezione e ad adottare tutte le cautele e le precauzioni necessarie a evitare non solo i danni diretti al paziente, ma anche che questi possa procurare danni ad altri.
La Corte di merito aveva fatto discendere la responsabilità della lesione dal puro e meccanico svolgersi del fatto.
Nessuna colpa poteva quindi essere ascritta alla paziente e la sua difesa chiedeva espressamente alla Corte di legittimità cassarsi la sentenza impugnata e decisione nel merito.
Il Controricorso - La difesa della controricorrente rilevava che la paziente non aveva mai sollevato il problema della mancata indagine sulla colpa.
La decisione della Cassazione - Il rilievo della controricorrente veniva respinto. Il fatto, costitutivo del diritto vantato deve infatti esser rappresentato e provato dal danneggiato.
Per il convenuto essa rimane attività argomentativa e per il giudice problema di attività valutativa da esercitarsi d'ufficio senza vincolo di prospettazione delle parti, salvo che non si tratti di diritti autodeterminati (è il caso, ad esempio, in cui si chiede che il possesso di una certa cosa è detenuto ad un determinato titolo). Anche in tal caso però la qualificazione giuridica del fatto storico non vincola il giudice.
Nel caso specifico il giudice d'appello avrebbe dovuto, ribaltato il giudizio di primo grado sul fatto storico, procedere all'accertamento dei fatti costitutivi della domanda in iure anche per quanto riguardava l'elemento soggettivo dell'illecito. La Corte meneghina (sic!) invece non ha operato quell'esame, giudicando con sentenza viziata manifestamente da errore di diritto, mancando di chiarire perché e se il comportamento della paziente fosse caratterizzato da colpa, supponendo implicitamente che al gesto automaticamente si accompagnasse l'elemento soggettivo dell'illecito.
Perciò il primo motivo del ricorso è stato ritenuto fondato e che ricorrevano le condizioni per emettere anche pronuncia nel merito senza necessità di rinvio a Corte d'Appello.
La Cassazione ricordava lo stato di soggezione in cui viene a trovarsi ogni paziente e che fa parte della prestazione medica istruire il paziente al comportamento dovuto e come tale istruzione non fosse stata provata.
Esaminati infatti gli elementi dell'istruttoria, risultava quanto segue: in sede di interrogatorio formale la paziente aveva detto d'essere stata, durante l'intervento, spaventatissima e con un dolore terribile, dal momento che la prima anestesia non aveva avuto effetto ed altre due gliene erano state praticate e che ad un certo punto s'era trovata "a gambe all'aria", distesa sullo schienale rovesciato cosicché non ricordava neppure d'aver preso la mano dell'assistente. Il medico aveva testimoniato che, intenta all'operazione, non poteva prestar attenzione ad altro.
La Cassazione perciò concludeva esser rimasta irrimediabilmente incerta la colpa della paziente e questo, assieme al fatto che la paziente aveva negato il fatto storico e solo in sede di legittimità aveva sollevato il problema della carenza di deduzione e di esame dell'elemento soggettivo, ha fatto sì da compensare integralmente le spese di tutti i gradi del giudizio.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il valore giudiziale del CAI o CID

Il contenuto del CAI vale solo tra i sottoscrittori. Il giudice lo apprezza liberamente, ma deve tenerne conto in mancanza di contrari indizi o prove.

Continua

Valenza probatoria del modello CAI o CID

Libera interpretazione da parte del giudice, ma divieto di ignorare il CAI nei confronti del confitente in mancanza di indizi e prove contrarie

Continua

La responsabilità dell'avvocato: il danno

L'inadempimento deve esser causa esclusiva dell'esito negativo della causa. La prova è a carico del cliente, l'avvocato deve provare la sua diligenza

Continua

La responsabilità dell'avvocato (parte II)

Diligenza oltre mandato, quantificazione danno ed esame ex officio del giudice

Continua

L'insegnante di scuola privata

Quando l'insegnante di scuola privata può esser considerato lavoratore autonomo e quando lavoratore subordinato?

Continua

Protesta e diffamazione di Pubblico Ufficiale

Fino a che punto è lecito nella protesta eccedere senza incorrere nel reato di diffamazione o calunnia di pubblico ufficiale?

Continua

Cessione ramo d'azienda e opposizione dipendenti

Se la cessione di ramo d'azienda è illegittima i lavoratori non reintegrati hanno diritto alla retribuzione? No

Continua

Domanda e potere del Giudice

Domanda relativa ad un titolo accolta in ragione di titolo diverso

Continua

Eccezioni di prescrizione e di interruzione

La prescrizione è un'eccezione in senso stretto e non può esser rilevata d'ufficio. Non così l'eccezione di interruzione della prescrizione

Continua

Riproposizione delle eccezioni in appello

Pronuncia del giudice di primo grado su eccezione in senso lato o stretto; appello incidentale o riproposizione? Mancata pronuncia del primo giudice

Continua

Il Modello C.A.I.

Oscillazione della giurisprudenza - confessione - assicuratore - proprietario che non l'ha sottoscritto - prova contraria - libero apprezzamento

Continua

Salute e idoneità alle mansioni di lavoro

Il Testo Unico su Sicurezza e Salute nel Lavoro. Doveri del Datore di Lavoro. Il Medico Competente. Inidoneità. Licenziamento o Repéchage

Continua

Concorso e lavoro privato

Concorso come offerta pubblica, concorso e requisiti psico-fisici, discriminazione tra uomini e donne, il problema della statura

Continua

Concorso interno e smarrimento della cartella sanitaria

L`onere della prova e il criterio della vicinanza alla prova

Continua

La Vicinanza della Prova

Criterio generale ex art. 2697 c.c. Prova esageratamente difficile per l'attore. Principio di vicinanza. Limiti

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 1)

Decreto legislativo n.109/2006; principio di salvaguardia del prestigio della magistratura; tipizzazione degli illeciti; la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 2)

Decreto legislativo n.109/2006: principio di salvaguardia del prestigio della magistratura, tipizzazione degli illeciti e la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 3)

Mancata lettura del dispositivo in causa di lavoro e mancata astensione di un pubblico ministero

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 4)

Rapporti personali col giudice, compensi eccessivi, provvedimenti abnormi e ritardo nel provvedere

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 5)

Termini carcerazione, qualificazione fatti e rapporto di specialità tra fattispecie illeciti disciplinari

Continua

Anomalia e abnormità nel processo civile

Provvedimento anomalo e provvedimento abnorme. Provvedimento anomalo profili funzionali. Provvedimento abnorme e i rimedi secondo la Cassazione

Continua

L'accoglienza ai migranti: il caso della Can Ap

La nave tedesca Can Ap appartenente ad una Ong salva 37 migranti, ma viene poi sequestrata in Italia ed il comandante processato. Perché?

Continua

Sicurezza e soccorso in mare

Convenzioni internazionali sulla sicurezza, loro aggiornamenti, obblighi dei Comandanti; poteri dei governi nazionali per quanto riguarda l'ingresso

Continua

La Disputa Italia-Malta sulle zone SAR

La normativa sul soccorso in mare ha criteri non coordinati e la zona di competenza di Malta è troppo ampia

Continua

Part Time Full Time e TFH

Il TFH, full time dei turnisti quando prevede orari differenziati fa sorgere questioni diversamente risolte dalle Corti di Appello e dalla Cassazione

Continua

La Cassazione Giudice dei CCNL

Dal 2006 è possibile subito il ricorso in Cassazione anche per violazioni al CCNL

Continua

CCNL e comportamenti concludenti

CCL: forma libera scritta e/o fatti concludenti; diverso regime processuale delle due componenti

Continua

CCNL e Comportamenti Concludenti

Cass. SS.UU. 21691/2016 che rimette al merito i comportamenti concludenti non è esaustiva

Continua

Cassazione ed esame diretto dei CCNL

La sentenza Cass. 5533/2016 ha segnato una svolta nella giurisprudenza del diritto del lavoro

Continua

Cassazione e Violazione di Legge

Non è consentito l'esame diretto del ricorso per violazione di legge, previsto invece per i CCNL

Continua

Condebitori: alcuni limiti alla solidarietà

I condebitori sono obbligati in solido, ma non sempre e non sempre nello stesso modo e misura

Continua

Responsabilità solidale da fatto illecito

Trattasi di responsabilità relativa diversamente regolata in sede civile ed amministrativa

Continua