Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La clausola "EX WORK" nei contratti di trasporto internazionale


Il venditore non è responsabile del pagamento delle spese di trasporto
La clausola "EX WORK" nei contratti di trasporto internazionale

Con la clausola “Ex Work”, oggi molto diffusa per il trasporto internazionale, si identifica la situazione in cui, nell’ambito di un contratto, il venditore mette a disposizione la merce a terra in un suo stabilimento (o magazzino) predefinito o concordato ed il compratore si assume tutti i costi e rischi del trasporto.


Sostanzialmente il venditore è obbligato a dare solo la fattura commerciale ed eventuali documenti per l'export previsti dal contratto nonché, ove richiesto esplicitamente, a dare assistenza - a spese e rischio del compratore - nell'ottenere la licenza di esportazione o altri documenti.


E’ evidente che si tratta di un contratto che ha meno impegni per il venditore il cui solo onere è quello di assicurare che la merce sia pronta alla data di spedizione nel luogo indicato.


Gli International Commercial Terms - INCOTERMS sono la serie di termini codificati nel 1936 dalla ICC (International Chamber of Commerce) appartenenti al diritto pattizio, utilizzati per definire in maniera univoca e in tutto il mondo le responsabilità a carico dei vari soggetti giuridici coinvolti in una operazione di trasferimento di beni da una nazione all’altra, e per definire, altresì, la suddivisione, tra gli stessi soggetti, dei costi di trasporto, doganali ed assicurativi.


La definizione di “Ex Works” secondo il testo ufficiale della ICC è:
“Ex Works” means that the seller delivers when it places the goods at the disposal of the buyer at the seller’s premises or at another named place (i.e., works, factory, warehouse, etc.). The seller does not need to load the goods on any collecting vehicle, nor does it need to clear the goods for export, where such clearance is applicable” (che tradotta sta a significare: “Ex Works "significa che il venditore soddisfa l’obbligo di consegna quando mette la merce a disposizione del compratore presso la sua sede o in un altro luogo indicato (cioè, fabbrica, magazzino, ecc.). Il venditore non è obbligato nemmeno a caricare la merce su alcun veicolo di raccolta, né deve assicurare la merce per l'esportazione…”).


Con la pattuizione della clausola “Ex Works”, quindi, tutti i costi e i rischi in termini di trasporto, assicurazione e doganale sono a carico del compratore atteso che il venditore non è tenuto ad occuparsi, come detto, né del carico delle merci; né del vettore scelto dal compratore e non è tenuto nemmeno a sostenere i costi per lo sdoganamento all’esportazione.


Anche il rischio di perimento della merce incombe totalmente sul compratore fin dalla presa in carico.
Il venditore adempie alle sue obbligazioni semplicemente mettendo la merce, imballata e facilmente riconoscibile, a disposizione del compratore nel luogo indicato (generalmente la propria fabbrica e/o magazzino).


Da qui consegue che giammai in un contratto che presenti la clausola di cui innanzi, il trasportatore possa richiedere il pagamento del trasporto al venditore, dovendosi ritenere, unico soggetto deputato al pagamento l’acquirente.


E’ evidente anche che, per il trasportatore sarà più difficile ottenere il pagamento qualora il compratore si trovi all’estero, ma potrà servirsi degli odierni strumenti posti a tutela delle parti dalla legislazione internazionale.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Cartelle esattoriali ed estratti di ruolo, novità normative

L'impugnazione della cartella e dell'etratto di ruolo, cosa c'è di nuovo

Continua

L'opposizione a decreto ingiuntivo emesso dal giudice di pace per crediti professionali

La Cassazione a Sezioni Unite non tiene conto dei decreti ingiuntivi resi dai Giudici di Pace

Continua

Tardiva iscrizione a ruolo della causa civile di opposizione a decreto ingiuntivo

Quali sono gli effetti della tardiva iscrizione a ruolo della causa di opposizione

Continua

Il rifiuto di pagamento del corrispettivo da parte di un ente locale al prestatore d'opera

Non può essere erogato alcun compenso in mancanza di un'attestazione della copertura finanziaria

Continua

Remissione tacita della querela ed accettazione tacita della remissione

Non sempre è necessaria la notifica del verbale al querelato ai fini dell'accettazione

Continua

Quale valore probatorio delle risultanze delle "scatole nere"?

Dubbi in merito all’efficacia probatoria della “scatola nera” in caso d’incidente stradale alla luce dell'introduzione dell’art. 145 bis CDA

Continua

Impugnazione della cartella esattoriale e rinuncia alla prescrizione

La mancata impugnazione della cartella esattoriale integra una manifestazione tacita della rinuncia all'eccezione di prescrizione ex art. 2937 c.c.?

Continua

La sospensione dei termini processuali di cui al decreto di urgenza

la sospensione dei termini previste dalla decretazione di urgenza è equiparabile alla sospensione dei termini feriali?

Continua

Come è cambiato l'onere probatorio del terzo trasportato

Cosa cambia per il risarcimento del terzo trasportato ex art. 141 CdA alla luce delle sentenze n. 8386/2020 e 4147/19 della Corte di Cassazione?

Continua