Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Lavoro nero: quali sono le conseguenze?


Lavoro nero, conseguenze per il datore di lavoro e conseguenze per il lavoratore
Lavoro nero: quali sono le conseguenze?
Lavoro nero: quali sono le conseguenze per il datore di lavoro e per il lavoratore.
1. Per il datore di lavoro.
Con il d.lgs. n. 151/2015, il datore di lavoro che non dichiari i lavoratori al Servizio dell’impiego, rischia una maxi sanzione pecuniaria che può raggiungere anche i 36.000,00 euro per ogni lavoratore occupato.
La Maxi Sanzione, varia a seconda della durata del lavoro:
a) se il lavoro in nero è sotto i 30 giorni, la sanzione va da € 1.500,00 a € 9.000,00, per ogni lavoratore non in regola;
b) se va da 31 a 60 giorni, la sanzione va da € 3.000,00 a € 18.000,00;
c) se supera i 60 giorni, la sanzione va da € 6.000,00 fino a € 36.000,00.
Se il lavoratore è uno straniero non in regola con il permesso di soggiorno o è un minore in età non lavorativa, la sanzione viene aumentata del 20%.
Sono esclusi dalla maxi-sanzione, per cui viene applicata solo una sanzione amministrativa che va dai 100 ai 500 euro per ogni lavoratore in nero:
a) i datori di lavoro domestico;
b) i datori di lavoro che in precedenza hanno pagato i contributi e comunque hanno intenzione di non nascondere il rapporto di lavoro (es. il lavoratore che ha un contratto di co.co.co ma di fatto lavora a tempo indeterminato. In questo caso la sanzione è solo di tipo ordinaria, ossia quella di mancata comunicazione al centro per l’impiego e le differenze per la contribuzione);
c) il datore di lavoro che, prima di un controllo, regolarizza la posizione del lavoratore;
d) i rapporti di lavoro con lavoratori autonomi e parasubordinati per i quali non è stata fatta, se prevista, la comunicazione preventiva.
La sanzione non è immediata, dato che il datore di lavoro riceverà prima una diffida che lo invita a regolare i lavoratori in nero entro 30 giorni. Se lo fa entro 15 giorni, paga il minimo previsto dalla legge nel caso della maxi-sanzione.
2. Per il lavoratore.
Il lavoratore in nero oltre ad aver dichiarato un inesistente stato di disoccupazione e abbia percepito l'indennità di disoccupazione o abbia profittato di altri ammortizzatori sociali erogati dallo Stato o da altri Enti pubblici, si configurano diverse conseguenze penali e civili:
a) una condanna per il reato di "Falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico" ex art. 483 del codice penale, per cui è prevista la reclusione fino a 2 anni;
b) una condanna per "indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato" ex art. 316-ter del codice penale, per cui è prevista la reclusione da 6 mesi a 3 anni. Inoltre quando la somma indebitamente percepita è pari o inferiore a € 3.999,96 si applica soltanto la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da € 5.164,00 a 25.822,00. Tale sanzione non può comunque superare il triplo del beneficio conseguito;
c) resta salvo il diritto dell'Inps alla restituzione degli indebiti e al risarcimento del danno;
d) decadono tutti i benefici della disoccupazione o altri ammortizzatori sociali.
Per questo motivo è intervenuto lo Stato che con apposite leggi, dà la possibilità al cittadino di godere degli ammortizzatori sociali e contemporaneamente lavorare senza incorrere in sanzioni, ma a determinate condizioni di reddito.

Articolo del:



L'autore è esperto in Responsabilità civile
Avv. Rosa Guardascione
Corso Italia, cap 81050 Pastorano (CE).
81050 - Pastorano (CE), Campania


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Decorrenza termini iscrizione a ruolo:art. 521cpc

pignoramento mobiliare autoveicoli. termini di iscrizione a ruolo.

Continua

Decorrenza dei termini dell`iscrizione a ruolo

Pignoramento mobiliare di autoveicoli e termini di iscrizione a ruolo, art. 521cpc

Continua

Notifica al terzo dell`ordinanza di assegnazione

Ordinanza di assegnazione: notifica al terzo prima del precetto

Continua

Illegittima segnalazione al CRIF

Provvedimento d'urgenza per l'illegittimità della segnalazione al CRIF

Continua

Azione di manutenzione e decadenza

Chi subisce molestie nel possesso di un immobile può agire con l`azione di manutenzione entro un anno dalla turbativa

Continua

Minore straniero e permesso di soggiorno

Art. 31 d.lg. 286/98; minore straniero e permesso di soggiorno dei genitori; procedura

Continua

Il valore probatorio del modulo C.A.I.

Le dichiarazioni contenute nel modulo C.A.I. non assurgono a piena prova, ma sono idonee a fondare una presunzione semplice

Continua

Riduzione di ipoteca

Ipoteca iscritta per una somma eccedente o quantità eccessiva di beni; art. 2872 c.c. e ss

Continua

Vendita della casa affidata all'ex moglie

separazione; casa affidata alla moglie e possibilità della vendita; il terzo acquirente

Continua

Estinzione anticipata del finanziamento. Rimborsi

Finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e/o con delegazione irrevocabile di pagamento; rimborso commissioni, oneri e premio assicurativo

Continua

ABF: risoluzione alternativa delle controversie

L'ABF: sistema di risoluzione alternativa delle controversie; procedura; termini e condizioni

Continua

Fondo di garanzia dell'inps

Intervento dell'inps quale fondo di garanzia nel caso di fallimento; art. 102 legge fallimentare; previsione di insufficiente realizzo

Continua

Disconoscimento della paternità

Presupposti, termini di prescrizione e legittimati

Continua

Volo cancellato, in ritardo? Diritto a risarcimento

Regolamento comunitario; diritto alla compensazione pecuniaria in caso di voli in ritardo, cancellati o overbooking

Continua

Separazione e assegni familiari

In caso di separazione e divorzio gli assegni familiari spettano al genitore cui sono affidati i figli

Continua

Indennità disoccupazione, Naspi: posso lavorare?

Naspi e lavoro nero; naspi e lavoro autonomo o parasubordinato; naspi e lavoro occasionale; naspi e professionisti

Continua

Diritto dell'erede alla richiesta di documenti presso Banche o Poste

Diritto di accesso art. 119, comma 4 TUB; D.Lgs. 196/2003, art 7

Continua