Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Leverage cash out: necessaria un analisi caso per caso


Recenti pronunce di merito e di legittimità sono spesso pro-Contribuente nei casi in cui questo riesca ad adeguatamente evidenziare valide ragioni extrafiscali
Leverage cash out: necessaria un analisi caso per caso

Per leverage cash out si intende la concatenazione di azioni volte, nell'ordine: 

  1. alla rivalutazione fiscale di quote o azioni detenute da persone fisiche nella target con affrancamento fiscale variabile in base al periodo storico (2% / 4% / 8% / 10% / 11%); 
  2. alla loro successiva cessione ad un impresa veicolo con concordato pagamento dilazionato; 
  3. alla fusione di target con new.co o in alternativa alla distribuzione di dividendi (detassati per il 95%) da target a veicolo 
  4. al pagamento del prezzo delle quote/azioni mediante - di fatto - l'utilizzo delle riserve della target.

L'opportunità è presto svelata, anche se non sempre integra i connotati abusivi voluti dall'amministrazione finanziaria e concerne la possibile "trasformazione" di redditi di capitale (oggi tassati uniformemente al 26%) in reddito diverso sul quale si è previamente pagata la più mite imposizione sostitutiva.

Tale operazione, specialmente su operazioni perfettamente circolari ovvero dove vi sia perfetta coincidenza, anche nelle percentuali di partecipazione, tra i soci della società target e quelli della società veicolo, è stato contestato dall'Agenzia delle Entrate in numerose verifiche fiscali.

Ciò posto, la legittimità civilistica dell'operazione non appare più elemento di discussione in dottrina. Permane solo, dal punto di vista fiscale, la necessità di identificare con precisione il confine tra legittimità - o meno - dell'operazione.  Legittimità che la giurisprudenza ha contribuito ad identificare qualora:

  • vi siano vaPer leverage cash out si intende la concatenazione di azioni volte, nell'ordine, alla rivalutazione fiscale di quote o azioni detenute da persone fisiche, la loro cessia supporto dell'architettura congetturata dal Contribuente e consistente, a titolo di esempio, nella volontà di riorganizzare il gruppo societario ed i relativi assetti, anche in ottica di passaggio generazionale;
  • non vi sia un indebito risparmio di imposta posto che ci si è limitati ad esercitare la libera scelta tra percorsi alternativi consentiti dall'ordinamento.

A nostro avviso, dirimente e maggiormente pregnante anche in ottica di pianificazione di tali operazioni, è l'esistenza e la possibilità di dimostrare le valide ragioni extra-fiscali non marginali sin dall'inizio del contradditorio preventivo obbligatorio.

Articolo del:



L'autore è esperto in
Dott. comm. ANTONIO BORGHETTI
VIA FRATELLI FONTANA 32/A
38122 - Trento (TN), Trentino-Alto Adige


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La rivalsa (sul cliente) della maggiore IVA accertata (al fornitore)

La maggiore IVA accertata, può essere recuperata mediante la rivalsa prevista dall'art. 60 del DPR 633/1972 in ossequio al principio di neutralità dell'IVA

Continua

Cedolare secca sugli affitti: profilo soggettivo del conduttore

Cedolare secca sugli affitti e inesistenza di (pretesi) requisiti soggettivi in capo al conduttore

Continua

Processo tributario e divieto di prova testimoniale

Il divieto di prova testimoniale non viene violato in caso di utilizzo da parte dell'Amministrazione finanziaria di "dichiarazioni di terzi".

Continua

Amministratori di fatto: responsabilità fiscali

Amministratori di fatto di società o associazioni: esame delle responsabilità in ordine alle sanzioni tributarie

Continua

Ricerca e sviluppo: ammesse al credito anche modifiche e migliorie

Sono ammissibili e agevolabili ai sensi dell'art. 3 del d.l. n. 145 del 2013 (Credito di imposta Ricerca e Sviluppo) le modifiche e/o migliorie dell'esistente

Continua

Valore probatorio dei messaggi istantanei nell'accertamento tributario

Esame del valore probatorio degli instant messaging system (iMessage e WhatsApp) nell'accertamento tributario alla luce di una recente pronuncia di merito

Continua

Omessa consegna di documenti: limiti e controlimiti all'inutilizzabilità

L'inutilizzabilità, in sede contenziosa, dei documenti non esibiti nelle fasi di accesso, ispezione e verifica, viene chiarito da una pronuncia della Cassazione

Continua

Accertamento: il confine tra induttivo puro e analitico induttivo

Esame del confine tra accertamento "induttivo puro" e accertamento "analitico-induttivo": i requisiti che consentono di non dare rilievo alle scritture contabili

Continua

Passaggio generazionale e studi di settore

La delicata fase del passaggio generazionale non consente una acritica applicazione dei metodi predittivi del reddito, come ad esempio gli studi di settore

Continua

Sale and lease back: natura del contratto e riflessi IVA

Parliamo di sale and lease back: natura del contratto e riflessi IVA

Continua

Plusvalenze PEX e fase di start up aziendale

È applicabile il regime PEX (Partecipation exemption) ex art. 87 Tuir anche nel caso di cessione di una partecipazione in società commerciale in fase di start up

Continua

Accertamento anticipato: illegittimità dell'atto impositivo, salvo urgenza

Accertamento anticipato: l'avviso di accertamento preceduto da processo verbale di constatazione non può essere emesso prima dei 60 giorni, salvo urgenza

Continua