Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Obbligo del consiglio di amministrazione nelle cooperative


L’amministrazione della cooperativa deve essere in ogni caso affidata a un organo collegiale formato da almeno tre soggetti
Obbligo del consiglio di amministrazione nelle cooperative

 

La legge 27 dicembre 2017 n. 205 ha introdotto dopo il primo comma  dell’articolo 2542 (Consiglio di Amministrazione) un nuovo comma che prevede: “L’amministrazione della società è affidata ad un organo collegiale formato da almeno tre soggetti. Alle cooperative di cui all'articolo 2519, secondo comma, si applica la disposizione prevista dall'articolo 2383, secondo comma. (2) La maggioranza degli amministratori è scelta tra i soci cooperatori ovvero tra le persone indicate dai soci cooperatori persone giuridiche.”.

L’integrazione dell’art. 2542 del Codice Civile comporta che l’amministrazione della cooperativa deve essere in ogni caso affidata a un organo collegiale formato da almeno tre soggetti, scelti in maggioranza,  tra i soci cooperatori o tra le persone indicate dai soci cooperatori persone giuridiche. Tale norma trova applicazione anche per le cooperative di minori dimensioni che adottano lo schema della SRL di cui al secondo comma dell’articolo 2519 del Codice Civile (si tratta delle cooperative con meno di 20 soci oppure con un attivo non superiore a un milione di euro).

E stata estesa  anche alle cooperative che adottano lo schema della SRL la regola, già in vigore per le cooperative costituite in forma di SPA, secondo la quale gli amministratori non possono essere nominati per un periodo superiore a tre esercizi, in tale caso lincarico scade alla data dell’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo all’ultimo esercizio della loro carica (art. 2383, secondo comma del Codice Civile).

Le  cooperative con un amministratore unico, nominato a tempo indeterminato, sono finite nel mirino del Legislatore per  contrastare le false cooperative e per  rafforzare la partecipazione dei soci ai processi decisionali. L’affidamento della gestione della società ad un amministratore unico,  per una durata indeterminata, ha favorito talvolta comportamenti illegittimi e  non conformi allo spirito mutualistico della cooperativa. Numerosi sono stati i casi in cui la figura dell’amministratore unico è risultata  associata a cooperative irregolari destinatarie di provvedimenti di revoca dell’organo amministrativo con conseguente commissariamento della società . Le nuove regole in materia di amministrazione delle società cooperative sono entrate in vigore a decorrere dal 1° gennaio 2018

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La tassazione Ires nelle società cooperative

Ecco sinteticamente quali sono le principali norme sulla tassazione agevolata dell'Ires nelle società cooperative

Continua

Il limite del 30% di lavoratori svantaggiati nelle cooperative sociali

Ecco quali sono le modalità di determinazione della percentuale del 30% dei lavoratori svantaggiati nelle cooperative sociali

Continua

Regime forfettario: vantaggi e svantaggi

I vantaggi e gli svantaggi nella scelta tra regime forfettario e regime ordinario

Continua

Guida al versamento del 3% ai fondi mutualistici

Breve guida sulle modalità di versamento del 3% dovuto dalle cooperative ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione

Continua

La liquidazione coatta amministrativa e concorso con il fallimento

Sintesi sui principali aspetti della liquidazione coatta amministrativa e alternatività con il fallimento

Continua

La vidimazione dei libri sociali nelle cooperative

Ecco quello che c'è da sapere sull'obbligo della vidimazione dei libri sociali nelle cooperative

Continua

Credito di imposta canoni di locazione immobili ad uso non abitativo

Breve guida sul funzionamento del nuovo credito di imposta mensile del 60% sui canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo a causa emergenza da COVID 19

Continua

Il numero minimo dei soci nelle cooperative

Ecco cosa prevede la normativa in merito al numero minimo legale dei soci stabilito per le cooperative

Continua

I contributi previdenziali per i contribuenti in regime forfettario

Breve guida sulle agevolazioni contributive Inps in favore degli artigiani e commercianti in regime forfettario

Continua