Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Omesso versamento del mantenimento e regime di affido esclusivo


Sì all'affido esclusivo se il genitore è inadempiente all'obbligo di corrispondere l'assegno di mantenimento ed esercita in modo discontinuo il diritto di visita
Omesso versamento del mantenimento e regime di affido esclusivo

La regola dell'affidamento condiviso dei figli ad entrambi i genitori, prevista dall'art. 155 cod. civ. con riferimento alla separazione personale dei coniugi, ed applicabile anche nei casi di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, in virtù del richiamo operato dall'art. 4, comma 2, della legge 8 febbraio 2006, n. 54, è derogabile ove la sua applicazione risulti “pregiudizievole per l'interesse del minore”. Come nel caso in cui il genitore non affidatario si sia reso totalmente inadempiente all'obbligo di corrispondere l'assegno di mantenimento in favore dei figli minori ed abbia esercitato in modo discontinuo il suo diritto di visita, in quanto tali comportamenti sono sintomatici della sua inidoneità ad affrontare quelle maggiori responsabilità che l'affido condiviso comporta anche a carico del genitore con il quale il figlio non coabiti stabilmente (cfr. Cass., 17 dicembre 2009, n. 26587; in senso conforme Trib. Roma, 17 gennaio 2015, n. 960; Trib. Roma, 17 febbraio 2012, n. 3304; Cass., 17 dicembre 2009, n. 26587).

Cass., 7 dicembre 2010, n. 24841 precisa che "si può derogare alla regola dell'affidamento condiviso dei figli solo ove la sua applicazione risulti pregiudizievole per l'interesse del minore, con la duplice conseguenza che l'eventuale pronuncia di affidamento esclusivo dovrà essere sorretta da una motivazione non più solo in positivo sulla idoneità del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla inidoneità educativa ovvero manifesta carenza dell'altro genitore".

Cambiato il regime dell'affidamento gli incontri genitore-figlio potranno avvenire in forma protetta ed essere regolati secondo un calendario disciplinato dai servizi sociali e dal consultorio territorialmente competente. Il decreto che dispone il mutamento del regime di affidamento (da condiviso ad esclusivo) è provvisoriamente esecutivo per legge. 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bigenitorialità ai tempi di COVID - 19

Il diritto alla bigenitorialità è garantito anche nell'attuale situazione emergenziale da Coronavirus

Continua

Condotta antisindacale del dirigente scolastico e informazione

Integra la condotta antisindacale ex art. 28 St. lav. l'omesso o parziale adempimento del dirigente dell'obbligo di fornire l'informazione preventiva e successiva

Continua

Rimedi al mancato versamento del mantenimento dei figli minori

L’art. 156, VI comma c.c. attribuisce al giudice il potere di ordinare a terzi debitori del coniuge obbligato di pagare parte del debito per il mantenimento dei figli

Continua

Reversibilità al divorziato in attesa di pronuncia sull'assegno

Ancora pendente la questione di legittimità costituzionale dell'esclusione del trattamento di reversibilità per il divorziato in attesa della pronuncia sull'assegno

Continua