Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Quali sono i diritti e i doveri dei nonni?


I nonni sono una preziona risorsa per la vita dei nipoti. Scopriamo qual è il ruolo ricoperto oggi dai nonni nella famiglia e quali sono i loro diritti e doveri
Quali sono i diritti e i doveri dei nonni?

 

Ciò di cui i bambini hanno più bisogno sono gli elementi essenziali che i nonni offrono in abbondanza. Essi danno amore incondizionato, gentilezza, pazienza, umorismo, comfort, lezioni di vita. E, cosa più importante, i biscotti. (Rudolph Giuliani)

Il ruolo dei nonni nella famiglia italiana 

Sentimentalismo a parte i nonni, giuridicamente, si definiscono ascendenti in linea retta di secondo grado. Nell’attuale contesto sociale caratterizzato da fenomeni quali l’aumento delle aspettative di vita e dalle trasformazioni del lavoro, i nonni hanno acquisto, a volte loro malgrado, un ruolo strategico nell’organizzazione di molte famiglie italiane e ciò a partire dalla questioni inerenti il bilancio familiare.

Infatti, la situazione finanziaria di molte coppie, i cui redditi sono bassi o incerti, non di rado induce i nonni ha prestare il loro contributo sul piano economico in maniera diretta, attraverso erogazioni in denaro, oppure indiretta svolgendo il compito di assistenza dei nipoti mentre i genitori sono a lavoro, eliminando o riducendo così i costi di un eventuale baby sitter. Va detto che quello dei nonni baby sitter è un fenomeno tipicamente italiano: il nostro, a quanto pare, risulta essere uno tra i Paesi con il più alto tasso di anziani che si prendono cura dei propri nipoti.

Giusto, quindi, che il loro ruolo sia stato valorizzato prima con l’istituzione della Festa dei Nonni avvenuta nel 2005 con la Legge n. 159 e, successivamente, riconosciuto anche dalla riforma del diritto di Famiglia del 2012, che ha introdotto nel codice civile due articoli specificatamente dedicati ai nonni.

Fatte queste premesse, analizziamo nello specifico quali sono i diritti e i doveri dei nonni alla luce delle normativa in vigore e dei recenti orientamenti giurisprudenziali.

I doveri dei nonni

Abbiamo sottolineato l’importanza dei nonni anche per ciò che riguarda il contributo al mantenimento dei nipoti.

Ma si tratta di una scelta o è per essi un vero e proprio obbligo?

È bene chiarire che il dovere di mantenere i figli spetta ai genitori e ciò in proporzione alle proprie capacità economiche. Tale obbligo è previsto a livello costituzionale dall’articolo 30 e disciplinato dall’articolo 315 bis c.c. Come anticipato in premessa, purtroppo, nell’attuale contesto sociale italiano, non sempre i genitori sono in grado di farlo e ciò soprattutto in presenza di una rottura del nucleo familiare. Quindi, l’articolo 316 bis c.c. prevede che, nei casi di incapacità dei genitori, siano gli ascendenti a dover fornire loro quelli necessari affinché possano adempiere ai loro doveri nei confronti della prole e ciò in virtù di un principio di “solidarietà familiare”.

Quindi l'obbligo a carico dei nonni, sia materni che paterni, non è quello di mantenere i nipoti, ma di "fornire ai genitori" i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri verso i figli.

La loro è quindi un obbligazione che si definisce sussidiaria ed indiretta: sussidiaria poiché scatta solo quando i genitori non sono entrambi in grado di far fronte agli obblighi nei confronti dei figli; indiretta, poiché consiste nell'assicurare ai genitori i mezzi affinché essi possano adempiere al mantenimento verso i figli.

Anche per i nonni, l’onere di mantenimento è proporzionato alle rispettive capacità economico-patrimoniali e può essere assolto anche in “natura”, ad esempio accogliendo i nipoti a vivere in casa insieme al genitore.

Il diritto a mantenere rapporti significativi con i nipoti

L'importanza che la conoscenza e la frequentazione dei nonni assume nella vita e nella formazione educativa dei minori è stata riconosciuta da una specifica norma del nostro codice civile, l’art. 317 bis, che prevede, appunto, il diritto dei nonni a mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni.

È interessante sottolineare come la Corte di Cassazione, prendendo atto dell’evoluzione del concetto di famiglia da nucleare ad allargata, ha dichiarato tutelabile anche il rapporto con il nonno o la nonna "acquisiti”.

Infatti, con sentenza n. 19780/2018, la Suprema Corte, richiamando i principi desumibili dall'art. 8 della CEDU, dall'art. 24, comma 2, della Carta di Nizza e dagli artt. 2 e 30 della Costituzione, ha ritenuto che il suddetto diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni, previsto dall'art. 317-bis c.c., va riconosciuto anche ad ogni altra persona che affianchi il nonno biologico del minore, sia esso il coniuge o il convivente di fatto che si sia dimostrato idoneo a instaurare con il minore medesimo una relazione affettiva stabile. Ciò ovviamente sempre a condizione che quest'ultimo possa trarre un beneficio sul piano della sua formazione e del suo equilibrio psico-fisico.

In forza del diritto loro riconosciuto loro dall’art 317 bis c.c., i nonni cui è impedito frequentare i nipoti minorenni possono rivolgersi al giudice del luogo in cui il minore ha la residenza. É importante sottolineare come la decisione sul concedere o meno la visita e la frequentazione da parte dei nonni viene sempre adottata nell’esclusivo interesse del minore che prevale sul diritto dei nonni che quindi potrà essere limitato laddove il Giudice dovesse ritenere che i nonni abbiano un’influenza negativa sui minori e anche indipendentemente da loro responsabilità.

Pertanto, il Giudice è tenuto a svolgere un’adeguata indagine per capire quale sia il prioritario interesse del bambino, tenendo in debito conto anche la volontà da esso espressa ed acquisita mediante il suo ascolto nel caso in cui abbia compiuto 12 anni e mostri capacità di discernimento.

I contrasti tra nonni e i genitori sull’educazione dei figli

Un vecchio adagio recita: "I genitori hanno il dovere di educare, i nonni hanno il permesso di viziare".

I tempi però sono cambiati e, come detto in precedenza, rispetto al passato i nonni trascorrono parecchio più tempo con i nipoti, occupandosi di molte incombenze quotidiane: è fisiologico, quindi, che gli stessi si sentano legittimati a essere coinvolti nelle scelte educative.

Tuttavia, illegittime sovrapposizioni di compiti e responsabilità possono essere motivo di contrasti. Sussiste, così, il rischio che alcuni atteggiamenti vengano a essere considerati da nuora o genero come intromissioni nella vita familiare e nell’educazione dei figli sulle quali ci spesso c’è “diversità di vedute”.

È, quindi, importante per i nonni comprendere i confini del proprio ruolo, per poterlo rispettare, senza turbare gli equilibri familiari. Infatti, l’ostilità tra i genitori e i nonni può pregiudicare la serenità dei minori, inevitabilmente combattuti tra lealtà verso i genitori e affetto verso i nonni. Così la Corte di Cassazione Ordinanza 19 maggio 2020, n. 9145 ha stabilito che in un simile contesto il diritto di visita dei nonni possa subire delle restrizioni. Nel giustificare la propria decisione gli Ermellini sottolineano l’importanza del rispetto dei ruoli e delle priorità tra gli stessi, affermando che i genitori devono restare le figure primarie di riferimento affettivo ed educativo e i nonni sono chiamati a cooperare con essi per assicurare il buon esito del progetto formativo.

I nonni come risorsa nella crisi della famiglia

Infine, i nonni possono rappresentare una risorsa preziosa nei momenti di crisi del nucleo familiare e in particolar modo allorquando i genitori manifestino carenze nell’esercizio delle funzioni e responsabilità genitoriali e sia necessario disporre un affidamento temporaneo. Questo avviene per esempio in presenza di una sopravvenuta patologia, di uno stato di carcerazione, di una situazione di fragilità psicologica che sfocia in estremi psicopatologici, o di una difficoltà economica profonda.

In questi casi può essere disposto un affido temporaneo etero-familiare, misura diretta a superare gli esiti di condotte pregiudizievoli dei genitori, disciplinata dall’art. 333 del codice civile che prevede appunto la possibilità che il minore si dato in affidamento e ciò al fine di metterlo al riparo da una condotta pregiudizievole dei genitori, evitando di dar luogo a una pronuncia di decadenza dalla responsabilità genitoriale.

In situazioni del genere il legislatore ha espresso un chiaro favore nei confronti della rete parentale e in particolar modo dei nonni. L’affidamento ai nonni, è considerato un intervento "ponte” che, da un parte concede ai genitori la possibilità di rimuovere situazioni di difficoltà e di disagio familiare all'esercizio della responsabilità genitoriale, dall’altra garantisce e rende effettivo il diritto del minore a crescere nella propria famiglia d'origine, di cui i nonni sono chiara espressione.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione consensuale e giudiziale: come scegliere?

Separazione: informazioni utili per poter decidere consapevolmente

Continua

Separazione con addebito: cos'è e quando si può chiedere?

"Per colpa di chi?" cantava Zucchero nel suo tormentone del 1998. Ma quando nella separazione giudiziale la crisi del matrimonio è addebitabile al coniuge?

Continua

Tradimento online: non sono “innocenti evasioni”

L’infedeltà virtuale ha lo stesso peso del tradimento fisico? E può essere motivo di addebito della separazione?

Continua

L’infedeltà finanziaria: mentire è come tradire?

Se un coniuge nasconde all'altro le proprie capacità economiche si tratta di "tradimento"?

Continua

Shopping compulsivo: è motivo di addebito della separazione?

Lo shopping compulsivo può rappresentare una causa della separazione. Quali sono le conseguenze sul piano giuridico?

Continua

Suocera invadente: può essere causa di separazione?

Le interferenze dei suoceri nella vita familiare e nell’educazione dei figli: conseguenze civili sulla vita coniugale

Continua

Separazione: coniugi “mammoni o mammisti”

La dipendenza psicologica dai genitori come motivo di addebito della separazione

Continua

Abbandono casa coniugale: comporta l’addebito della separazione?

Quando l’allontanamento volontario dal tetto coniugale comporta conseguenze sul piano giuridico

Continua

Pubblicare le foto dei figli sui social: quali rischi e limiti legali?

Secondo le statistiche 7 genitori su 10 pubblicano le foto dei figli sui social considerandolo un vero e proprio diritto. Ma cosa dice la legge?

Continua

Le motivazioni di maggior conflitto tra gli ex coniugi

Ecco quali sono alcune delle più ricorrenti tipologie di conflitto che si trovano ad affrontare le coppie separate

Continua

Papà separati: affidamento, mantenimento, casistiche e doveri

Il ruolo dei genitori negli ultimi anni si è evoluto: si richiedono sempre più coinvolgimento e attenzione. Conosciamo il ruolo dei papà separati di oggi

Continua

Catcalling: le molestie di strada

Fischi, strombazzate di clacson, apprezzamenti di cattivo gusto e commenti volgari. Parliamo del catcallig

Continua

Diritto di controllo dei genitori vs diritto alla privacy dei figli

Rapporto genitori-figli: dove finisce il diritto di controllo dei primi e dove inizia il diritto alla privacy dei secondi?

Continua