Rottamazione delle cartelle: pendenza di giudizio?


Nella legge di conversione del D.L. 193/2016, ancora in corso, non è ancora chiara la pendenza di giudizio
Rottamazione delle cartelle: pendenza di giudizio?
Il provvedimento della cosiddetta "Rottamazione" delle cartelle emesse da Equitalia inserito nel D.L. 193 del 22.10.2016, pur avendo subito qualche modifica in sede di conversione in legge, presso l’Aula della Camera ed in attesa della approvazione definitiva presso il Senato, lascia aperto qualche dubbio in merito alla pendenza dei giudizi.
Infatti il secondo comma dell’art.6 prevede che nella dichiarazione prevista per la definizione agevolata il debitore debba dichiarare "la pendenza di giudizi aventi ad oggetto i carichi cui si riferisce la dichiarazione" ed assumere "l’impegno a rinunciare agli stessi giudizi".
Nel Modello DA1 pubblicato sul sito di Equitalia ed utilizzabile per la presentazione della richiesta di definizione agevolata devono essere indicati i numeri delle cartelle di pagamento o degli avvisi di accertamento esecutivi o degli avvisi di addebito dell’INPS relativi ai carichi per i quali si chiede la "rottamazione" e la inesistenza di giudizi pendenti relativi agli stessi carichi ovvero l’impegno a rinunciare ai giudizi in corso.
Non è, tuttavia, sufficientemente chiaro se tale disposizione vada applicata anche nel caso di cartella emessa per la riscossione frazionata del debito erariale, in pendenza di giudizio.
In sostanza, stante l'esecutività dell'accertamento ed in assenza di provvedimenti di sospensione, a seguito di presentazione di ricorso dinanzi la CTP, l'Agenzia delle Entrate affida ad Equitalia la riscossione del carico relativo al terzo del tributo richiesto oltre interessi, ai sensi dell'art.15 del D.P..R. 602/73. Dopo la sentenza della CTP che respinge il ricorso ed in presenza di appello dinanzi la CTR, viene iscritto a ruolo l'importo pari ai due terzi del tributo oltre interessi.
Pertanto il giudizio pendente non è riferito alla cartella in sè ma all'avviso di accertamento per cui si rende necessario chiarire se in tali circostanze possa essere richiesta l'applicazione della definizione agevolata, fatta salva la conclusione del contenzioso in corso e senza rinunzia allo stesso.
Diversamente si verrebbe a creare una disparità di trattamento tra coloro che hanno un accertamento definitivo che potrebbero usufruire della cancellazione delle sanzioni e degli interessi e chi, invece, coltiva nel merito l'iter contenzioso che potrebbe concludersi anche con una sentenza favorevole. Del resto il contribuente che esce vincente dal giudizio di primo grado ed ha versato le somme previste, in pendenza di giudizio, ha diritto alla restituzione delle stesse e dei relativi interessi.
A parere di chi scrive l’unica soluzione possibile che, però, necessita di un chiarimento normativo o da parte dell’Agenzia delle Entrate, è che i giudizi pendenti nel merito degli accertamenti e non per vizi propri delle cartelle debbano essere considerati esclusi dalla previsione attuale dell’art. 6, con la conseguenza che il contribuente potrebbe ugualmente avvalersi della definizione agevolata del carico e continuare a coltivare il contenzioso.
Domenico Montemurno

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Diritto di superficie per impianti fotovoltaici

Non risolta la tassazione dei redditi percepiti per la costituzione del diritto di superficie per l’installazione di impianti fotovoltaici

Continua

La tassazione degli atti istitutivi dei Trust

Una riflessione sull’applicazione dell’imposta per la costituzione di trust dopo la sentenza della Corte di Cassazione n. 4482 del 7 marzo 2016

Continua

Proposte di modifica per l'imposta di successione

La proposta di legge n.2830 prevede la modifica delle aliquote dell'imposta sulle successioni e donazioni

Continua

Impianti fotovoltaici, ancora in tema di diritto di superficie

Probabile un ripensamento dell’Agenzia delle Entrate sulla tassazione dei redditi percepiti per la costituzione del diritto di superficie

Continua

“Codice commentato dell’imposta di successione”

Il libro di Domenico Montemurno è un’utile guida in materia di imposta di successione dopo le modifiche introdotte dal Legislatore

Continua

Invio telematico delle dichiarazioni di successione

L’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari ha organizzato un corso sull’invio telematico delle dichiarazioni di successione

Continua

Il nuovo modello di dichiarazione di successione

Annotazioni sul nuovo modello per la dichiarazione di successione in vigore dal 23.1.2017, giusto Provvedimento del 27.12.2016 dell'Agenzia Entrate

Continua

Ancora sull`invio telematico delle successioni

In sede di istruzioni per l’invio telematico delle dichiarazioni di successione l’Agenzia delle Entrate si sostituisce al legislatore

Continua

Non più coacervo delle donazioni per l’imposta di successione

La Corte di Cassazione con la sent. n. 24940 del 6.12 2016 ha affermato la tacita abrogazione della disposizione prevista dall'art.8 4 c. del TUS

Continua

La plusvalenza nelle permute immobiliari

Una recente Ordinanza della Cassazione fissa il momento impositivo ai fini dell’applicazione della plusvalenza prevista dall'art. 67 del TUIR

Continua

Plusvalenza e diritto di superficie

Adeguamento dell’Agenzia delle Entrate alla giurisprudenza della Corte di Cassazione per le plusvalenze da costituzione del diritto di superficie

Continua