Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Sei moroso nei confronti del tuo condominio?


Cosa deve sapere il condomino moroso in caso di notifica di un decreto ingiuntivo
Sei moroso nei confronti del tuo condominio?

Sei moroso verso il tuo condominio, ma hai subito dei danni al tuo appartamento?

L’idea comune è che se hai subito dei danni al tuo appartamento, per esempio per perdite dal lastrico solare sovrastante, potrai sospendere il pagamento delle quote condominiali in mancanza del risarcimento da parte del condominio.

Niente di più sbagliato.

L’amministratore può, previa approvazione del bilancio preventivo o consuntivo (che attesterà la tua morosità verso il condominio), incaricare un legale per ottenere dal Giudice competente un decreto ingiuntivo con cui dare inizio alla riscossione del credito, in quanto la legge pone a carico dell’amministratore un vero e proprio obbligo di agire contro i morosi, a pena di responsabilità personale, non oltre sei mesi dalla chiusura dell’esercizio.

Per esempio, se il bilancio viene approvato il 31 dicembre, l’amm.re dovrà agire entro e non oltre la fine di giugno dell’anno successivo. 

Ricevuta la notifica di un decreto ingiuntivo da parte del condominio, l’errore che spesso si commette è quello di contestare il decreto contestando presunti vizi della pregressa delibera dell’assemblea in base alla quale ha agito l’amministratore, sostenendo per esempio l’erroneità dei calcoli approvati il bilancio preventivo o quello consuntivo. 

Nulla di più errato, il giudice sicuramente rigetterà l’opposizione con una sonora condanna alle spese, in quanto la giurisprudenza è unanime nel chiarire che la delibera condominiale deve essere impugnata nel termine perentorio di 30giorni, e non successivamente in una eventuale opposizione al decreto ingiuntivo.

Il condomino deve, quindi, deve impugnare nei 30 giorni la delibera e, se ricevuta la notifica di un decreto dal condominio, opporsi deducendo la sussistenza di un autonomo giudizio di impugnazione della delibera ritenuta lesiva.

Oppure, il condomino può instaurare un autonomo giudizio contro il condominio per far accertare e quantificare il danno subito con sentenza e successivamente, ricevuto un decreto ingiuntivo, opporsi e far valere il proprio controcredito.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Hai ricevuto un accertamento da parte dell’Agenzia? Ecco i primi controlli da effettuare

Illustrare al cliente il primo controllo da fare in caso di notifica di un avviso di accertamento

Continua

Sei un fideiussore? Ecco cosa devi sapere

Ecco quali sono gli aspetti fondamentali della fideiussione

Continua

Rottamazione Ter

Punti salienti della Rottamazione Ter di cui al D.L. n. 119/2018

Continua

Hai ricevuto una cartella esattoriale per pagamento “bollette acqua”?

Cosa fare nel caso in cui si riceva cartella esattoriale relative al canone idrico

Continua

Cessione di quote della Srl e debiti con Fisco? Ecco alcuni chiarimenti

Analisi di alcuni aspetti fondamentali della cessione di quote di Srl e debiti con il Fisco

Continua