Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Self publishing su Amazon


Se volessi scrivere un libro contenente un argomento che riguarda il mio lavoro, pubblicandolo autonomamente, per venderlo su Amazon potrei farlo?
Self publishing su Amazon

Di farlo si può fare, ovviamente, ma è necessario essere fiscalmente a posto per evitare rischi di sanzioni. Prima di iniziare questa attività, quindi, è bene informarsi.

Nel caso specifico è possibile che si presentino due situazioni diverse:

1) Tu scrivi il libro o l’e-book in modo del tutto indipendente e poi ti affidi ad una casa editrice (offline o online) che si occupa di pubblicarlo.

Tu quindi sei semplicemente l’autore che cede i diritti sulla sua opera e l’editore ti paga un compenso per la cessione dei diritti d’autore. In questo caso non è necessario aprire la partita iva ma sarà sufficiente rilasciare una ricevuta sulla quale viene applicata una ritenuta d’acconto del 20%. Su questi redditi andranno poi pagate le imposte effettivamente dovute in sede di dichiarazione dei redditi.

2) Tu scrivi il libro (o lo fai scrivere ad un ghost writer per tuo conto) e poi lo pubblichi. Ti affidi ad un terzo distributore per la vendita (ad esempio online). 

In questo caso tu non rappresenti un autore che cede i suoi diritti ma sei un vero e proprio imprenditore perché ti occupi di tutta una serie di attività come l’analisi del mercato per individuare i temi più interessanti per gli acquirenti, editing (come la scelta e creazione della copertina), promozione e pubblicazione del libro. La tua attività è quindi professionale ed organizzata, per questo motivo dovrai aprire la partita iva e dovrai farlo fin da subito: non è possibile fare come fanno in tanti ovvero attendere il superamento della soglia dei 5.000€, perché la vendita online di beni non è mai considerata occasionale, essendo i beni acquistabili dai clienti 24 ore su 24 e ogni giorno.

Se ti appoggi a distributori come Amazon quello che devi fare, prima di tutto, è leggere il contratto relativo al servizio perché da lì potrai comprendere se la piattaforma di turno (Amazon) si configura come editore o come distributore del libro.

Il punto è che Amazon nei suoi contratti definisce impropriamente come "royalties" i compensi per la vendita sulla sua piattaforma.

Non è corretto considerarli "diritti di autore": si tratta, infatti, di compensi che l’imprenditore paga ad Amazon per sfruttare la piattaforma di distribuzione e non di compensi per lo sfruttamento di diritti d’autore per la creazione dell’opera (il libro).

Anche se sul contratto si parla di “royalties/diritti d’autore” bisogna prestare attenzione alla sostanza e non alla forma! Questo è un principio base del fiscale e del tributario: a prescindere da come vengano definiti i compensi, bisogna osservare la natura degli stessi.

In questo caso, nella sostanza, Amazon è un distributore del libro e non un editore e tu sei un imprenditore e non un autore che cede i suoi diritti. Per questo motivo dovrai aprire partita iva, con tutti i conseguenti adempimenti contabili, fiscali e previdenziali.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Detrazione IVA e fatture elettroniche a cavallo d'anno

Ai fini della detrazione dell'Iva delle fatture elettroniche a cavallo d'anno è importante verificare il mese di ricevimento del documento

Continua

Quale tassazione per il traduttore freelance?

Nel caso in cui tu voglia intraprendere questo lavoro da freelancer, ecco un piccolo vademecum per orientarti sui principali aspetti fiscali

Continua

Curiosità sull'invio dati 2021 al sistema Tessera Sanitaria

Lavori nell'ambito sanitario in partita Iva? Lo sapevi che potresti essere tenuto all'invio dati al sistema TS? Tutte le novità del 2021 e le risposte ai tuoi dubbi

Continua

L’importanza di scrivere un contratto per il libero professionista

Consigli utili per tutelarti nei rapporti con i tuoi clienti

Continua

In cosa consiste lo sconto in fattura o la cessione del credito?

Sconto in fattura, cessione del credito, se ne sente spesso parlare ma come funziona? Alcuni chiarimenti e suggerimenti

Continua