Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tardiva iscrizione a ruolo della causa civile di opposizione a decreto ingiuntivo


Quali sono gli effetti della tardiva iscrizione a ruolo della causa di opposizione
Tardiva iscrizione a ruolo della causa civile di opposizione a decreto ingiuntivo

Della causa avente ad oggetto l’opposizione a decreto ingiuntivo ISCRITTA A RUOLO  TARDIVAMENTE  va disposta la cancellazione  qualora la parte convenuta opposta costituita tempestivamente non  dichiari espressamente che intende  proseguire  il giudizio  al fine di ottenere una statuizione nel merito.

Invero, la norma di riferimento è l’art. 171 cpc che testualmente dispone: “Se nessuna delle parti si costituisce nei termini stabiliti [1651, 166], si applicano le disposizioni dell'articolo 307, primo e secondo comma. Se una delle parti si è costituita entro il termine rispettivamente a lei assegnato, l'altra parte può costituirsi successivamente fino alla prima udienza, ma restano ferme per il convenuto le decadenze di cui all'articolo 167. La parte che non si costituisce neppure in tale udienza è dichiarata contumace [290 ss.; 59 att.] con ordinanza del giudice istruttore, salva la disposizione dell'articolo 291 [290 ss.]”.

Tale disposizione, apparentemente riferentesi alle cause promosse dinanzi al Tribunale, deve ritenersi applicabile, in quanto non è diversamente stabilito, anche per le cause pendenti dinanzi al Giudice di Pace.

Le disposizioni degli artt. 171 e 307, commi 1 e 2, c.p.c., sulla cancellazione della causa dal ruolo per la mancata costituzione delle parti, non si applicano solo se le parti, costituendosi tardivamente, dimostrino la comune volontà di dare impulso al processo, regolarizzando in tal modo la costituzione del rapporto processuale (Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 7855 del 24 settembre 1994).

Nel caso  in cui vi sia stata una iscrizione a ruolo tardiva,  quindi, la parte che si sia costituita tempestivamente, anche se convenuta, può richiedere che la causa  prosegua. In tal modo restano precluse  per  l'attore solo  quelle attività per le quali  è decaduto, alla stregua del convenuto che si costituisse in ritardo.

Qualora, però, la parte convenuta si costituisca  tempestivamente  ma il difensore  escluda la volontà di proseguire il giudizio, conformemente al disposto richiamato ed all’orientamento della Corte di legittimità, della causa va disposta la cancellazione dal ruolo,  fatta salva la possibilità per la parte  di riassumere il giudizio ovvero di riproporlo.

L'omessa cancellazione della causa dal ruolo, infatti, in caso di tardiva costituzione dell'attore, sarebbe motivo di nullità e non di mera irregolarità, del procedimento (Cassazione civile, Sez. Unite, sentenza n. 10389 del 3 ottobre 1995).

La tardività della iscrizione a ruolo si può verificare anche  nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo.

In questo caso,  la mancata tempestiva costituzione dell’attore e la mancanza di volontà del convenuto di proseguire il giudizio, poiché iscritto a ruolo intempestivamente, non realizza, però, l'ipotesi prevista in via generale dall'art. 171 c.p.c. (secondo il quale il processo non si estingue e ne è consentita la riassunzione), perché il giudizio di opposizione, pur costituendo un ordinario processo di cognizione, è tuttavia sottoposto alla duplice condizione di procedibilità derivante dalla tempestiva proposizione dell'opposizione e dalla costituzione in giudizio dell'opponente, con la conseguenza che, incombe all'opponente l'onere di coltivare, senza remore, la causa per evitare la declaratoria di esecutorietà del decreto ingiuntivo stesso (Cass. civ. n. 9684/1992).

Da quanto sopra si evince anche che, il Giudice, in tale ipotesi, non potrebbe dichiarare con il provvedimento di cancellazione del procedimento, esecutivo il decreto ingiuntivo, atteso che, la pronuncia di cancellazione preclude ogni statuizione nel merito e sul punto oltre che sulle spese.

Da qui consegue che una eventuale richiesta di provvisoria esecuzione del decreto, formulata dalla parte  convenuta opposta, dovrebbe  ritenersi inammissibile, perché la provvisoria esecuzione andrà richiesta in Cancelleria all’esito della cancellazione della causa dal ruolo.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Cartelle esattoriali ed estratti di ruolo, novità normative

L'impugnazione della cartella e dell'etratto di ruolo, cosa c'è di nuovo

Continua

L'opposizione a decreto ingiuntivo emesso dal giudice di pace per crediti professionali

La Cassazione a Sezioni Unite non tiene conto dei decreti ingiuntivi resi dai Giudici di Pace

Continua

Il rifiuto di pagamento del corrispettivo da parte di un ente locale al prestatore d'opera

Non può essere erogato alcun compenso in mancanza di un'attestazione della copertura finanziaria

Continua

Remissione tacita della querela ed accettazione tacita della remissione

Non sempre è necessaria la notifica del verbale al querelato ai fini dell'accettazione

Continua

La clausola "EX WORK" nei contratti di trasporto internazionale

Il venditore non è responsabile del pagamento delle spese di trasporto

Continua

Quale valore probatorio delle risultanze delle "scatole nere"?

Dubbi in merito all’efficacia probatoria della “scatola nera” in caso d’incidente stradale alla luce dell'introduzione dell’art. 145 bis CDA

Continua

Impugnazione della cartella esattoriale e rinuncia alla prescrizione

La mancata impugnazione della cartella esattoriale integra una manifestazione tacita della rinuncia all'eccezione di prescrizione ex art. 2937 c.c.?

Continua

La sospensione dei termini processuali di cui al decreto di urgenza

la sospensione dei termini previste dalla decretazione di urgenza è equiparabile alla sospensione dei termini feriali?

Continua

Come è cambiato l'onere probatorio del terzo trasportato

Cosa cambia per il risarcimento del terzo trasportato ex art. 141 CdA alla luce delle sentenze n. 8386/2020 e 4147/19 della Corte di Cassazione?

Continua