Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Atti osceni, non sempre è configurabile il reato


Quando è configurabile il reato di atti osceni? Che differenza c'è tra luogo pubblico o esposto al pubblico?
Atti osceni, non sempre è configurabile il reato

L'art. 527 del Codice Penale prevede: "Chiunque, in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti osceni è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 30.000. Si applica la pena della reclusione da quattro mesi a quattro anni e sei mesi se il fatto è commesso all’interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori e se da ciò deriva il pericolo che essi vi assistano. Se il fatto avviene per colpa, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 51 a euro 309" .

La norma prevede sostanzialmente tre fattispecie: la prima punita a titolo di dolo con la sanzione amministrativa fino a 30.000€ la seconda, sempre a titolo di dolo, con la reclusione qualora il luogo sia abitualmente frequentato da minori e vi sia pericolo che assistano all'attività oscena ed infine l'ultima punita a titolo di colpa.

La ratio della norma è la tutela del bene collettivo del pubblico pudore soprattutto in ordine a ciò che attiene alla sfera sessuale.

In un caso di cui ci siamo occupati veniva richiesto il rinvio a giudizio  per il reato di cui all’art. 527 comma 2  c.p. perché l'indagato avrebbe compiuto atti osceni (di autoerotismo) in luogo esposto al pubblico; in particolare  avrebbe mostrato gli organi genitali e si sarebbe masturbato di fronte alla porta-finestra della propria abitazione, che affaccia su una corte interna sulla quale si affaccerebbero anche altri appartamenti nei quali abitano persone minori di 14 anni, i quali correvano il concreto pericolo di assistere alle suddette condotte.

Ho sostenuto che lo stesso non avrebbe compiuto alcun atto osceno ed in oltre quanto ipotizzato dalle denuncianti e riportato nel capo d’imputazione non emergeva alcuno degli elementi tipici del reato neanche in astratto.

Innanzitutto, ho analizzato se il luogo fosse realmente esposto al pubblico.

Il luogo esposto al pubblico di cui all’art. 527 comma 2 c.p. è il luogo in cui non vi è libero accesso (che invece è il luogo pubblico o aperto al pubblico), ma che è posizionato in modo tale che il pubblico può vedere o sentire ciò che in esso si trova. Ad esempio, il terrazzo di un edificio che volge su una strada trafficata o l'abitacolo di un'automobile parcheggiata in pubblica via.

Il terrazzo in questione era posizionato ai piani alti e all’interno di una corte interna non accessibile ad un pubblico indefinito e pertanto non vi è la concreta visibilità richiesta da costante giurisprudenza per i luoghi esposti al pubblico.

La giurisprudenza di legittimità in una serie di pronunce, si è soffermata sulla distinzione tra atti osceni commessi in luogo pubblico o aperto al pubblico da un lato, ed atti osceni commessi in luogo esposto al pubblico dall’altro.

Il requisito della concretezza della visibilità, secondo la Suprema Corte, doveva ritenersi necessario solo per la seconda eventualità, ma nel presente caso tale concreta visibilità era del tutto assente poiché l'imputatosi trovava all’interno della propria abitazione, non sul terrazzo.

Quindi, chi ha denuncianto non avrebbe potuto vedere niente se non violando l’intimità del domicilio del malcapitato e commettendo il reato di cui al 615 bis.

Inoltre, in merito ai canoni valutativi da utilizzare al fine di verificare la sussistenza del requisito della visibilità si è evidenziato che gli atti osceni in luogo esposto al pubblico si configurano come reato di pericolo, per cui la visibilità deve essere valutata ex ante, in relazione al luogo, all’ora ed alle modalità del fatto (Cass. pen., Sez. III, 21 aprile 2000, n. 4954).

Nel caso di specie, secondo quanto riportato dalle denunce i supposti atti osceni sarebbero stati effettuati in orario notturno, all’interno dell’appartamento del sig. S. che si trovava in una stanza che affaccia su una corte interna.

Anche ex ante non vi è alcuna possibilità di essere visto se non per mezzo di comportamenti intrusivi.

Secondo quella che è l’impostazione maggiormente seguita in giurisprudenza, il concetto di visibilità deve essere inteso in concreto e non in astratto. Il reato non potrà sussistere nel caso in cui grazie anche alle precauzioni adottate, oppure al luogo estremamente buio o isolato, la possibilità di essere scorti da altre persone doveva essere esclusa con un grado quasi vicino alla certezza anche in caso di luogo aperto al pubblico quindi a maggior ragione in luogo esposto al pubblico.

Pertanto essendo completamente assente il requisito del luogo esposto al pubblico il Giudice ha assolto l'imputato perchè il fatto non sussiste.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Omesso versamento Iva e contrabbando

Il trasporto di aerei dalla Repubblica di San Marino sul suolo nazionale configura il reato di contrabbando? Quando l'Iva all'importazione è dovuta?

Continua

Il peculato, limiti e requisiti

Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Continua

Furto in abitazione o privata dimora

Quando è configurabile il reato di cui all'art. 624 bis (furto in appartamento o privata dimora)?

Continua

Cittadinanza dei Robot e A.I. profili giuridici

L'umanizzazione della macchina che conseguenze potrebbe avere? I robot potrebbero esercitare diritti e doveri in uno Stato?

Continua

Associazione in partecipazione per fare impresa

Cos'è? Come funziona? A chi può convenire?

Continua

Come si può provare l'esistenza di un prestito?

E' sufficiente la copia dell'assegno come prova? È valido l'accordo orale? Come si può ottenere la restituzione della somma?

Continua

Il Trust e la protezione dei patrimoni

Funzionamento e disciplina del Trust riconosciuto in Italia

Continua

Stalking, remissione della querela

La querela per il reato di atti persecutori è sempre rimettibile?

Continua

Legittima difesa, cosa cambia?

È sempre riconosciuta? Vediamo a quali condizioni

Continua

Si può estinguere il reato mediante il risarcimento?

Le condotte riparatorie dell'art. 162 ter c.p. come istituto deflattivo del processo penale

Continua

I lavori di pubblica utilità

Sanzione sostitutiva o strumento deflattivo?

Continua

Peculato, truffa aggravata e abuso d'ufficio. Distinzioni tra i tre reati?

Quando si parla di pubblica amministrazione, pubblici ufficiali o incaricati di pubblici servizi?

Continua

Occultamento delle scritture contabili o evasione fiscale

L’art. 10 del D.Lgs. 74/2000 quando si perfeziona? Come si determina il termine della prescrizione?

Continua

Quando è reato la mancata esecuzione dolosa del provvedimento del giudice?

Il semplice inadempimento della sentenza non può essere condotta sufficiente se non sono stati commessi atti fraudolenti

Continua

Cannabis light: un caos giudiziario

Vendita legittima trasformata in reato che forse i singoli tribunali potranno ritenere tenue?

Continua

Distruzione e occultamento di contabilità, quando è insussistente?

Assoluzione per assenza degli elementi costitutivi del reato dell'art. 10 D.Lgs. 74/00: condotta e impossibilità di ricostruire il volume d'affari

Continua

Assolto in I° grado è possibile essere condannato in II° grado?

No, se la Corte d'Appello non rispetta i principi della Corte Europea e supera il ragionevole dubbio

Continua

Legge Pinto ovvero l'equa riparazione alla luce della CEDU

Risarcimento per la lentezza dei processi. L'inammissibilità di cui all'art.2 c.1 L.89/01 alla luce della sentenza della Corte Costituzionale 34/19.

Continua

La riforma Bonafede tra incostituzionalità e giustizialismo forcaiolo

La prescrizione è un istituto di civiltà giuridica, non è un escamotage per i furbetti

Continua

A.I., Robocop, Terminator…non siamo pronti e ne siamo sicuri?

I sistemi giuridici sono pronti a questa rivoluzione? Quali profili giuridici si determineranno a breve? I robot potrebbero esercitare i diritti e i doveri di un uomo?

Continua

Coronavirus e decreto "Io resto a casa", eventuali sanzioni penali

Cosa impone il decreto "Io resto a casa" e quali sono le sanzioni in caso di violazioni?

Continua

La riforma Bonafede di cui nessuno vuol sentire parlare

Prescrizione, ragionevole durata del processo ed altri mostri mitologici...

Continua

Diritto penale al tempo del Coronavirus: cosa prevede il nuovo decreto

Brevi osservazioni sulla rilevanza Penale dei decreti del presidente del consiglio relativo all'emergenza Covid 19

Continua

Il futuro è quel che è: non c'è più scampo per me!

Riflessione semiseria su ciò che sta diventando la culla del diritto

Continua

Si fa presto a dire Libertà, ma è assoluta o limitata?

La libertà si comprende solo quando si incontrano i suoi limiti e si apprezza di più quando manca!

Continua

B&B: tassa di soggiorno non versata all'erario: peculato o illecito tributario?

Illecito tributario o peculato per il titolare di esercizio ricettizio che ometta di versare la tassa di soggiorno alla luce del decreto rilancio?

Continua