Compagnie di assicurazioni: surroga


La Cassazione sull’onere della prova del diritto di surroga per le Compagnie Assicurative
Compagnie di assicurazioni: surroga
Circa la prova di cui sono onerate le Compagnie di assicurazioni per contestare l’eccezione di carenza di titolarità del diritto di surroga nell’azione di rivalsa verso i terzi responsabili del sinistro, fondata sull’art.1916 cod.civ.
La Suprema Corte di Cassazione, con una sentenza emessa in data 09.09.2015 e depositata il 27.10.2015, ha di recente confermato il principio secondo cui : ".ai fini della surroga ex art. 1916 cod. civ., l’assicuratore può adempiere l’onere di provare la sua qualità, ed il danno risarcito, mediante la produzione in giudizio della sola quietanza, ove quest’ultima contenga la prova del contratto di assicurazione e l’individuazione del danno medesimo (...). E’ vero che è questa stessa giurisprudenza ad avvertire che qualora l’assicuratore agisca nei confronti del terzo responsabile, questi (...) è tuttavia legittimato a contrastare, in via d’eccezione, i presupposti della surrogazione medesima e, quindi, può opporre la nullità del contratto stesso, inclusa quella per inesistenza del rischio o carenza di interesse, oppure l’avvenuto pagamento dell’indennizzo a persona diversa dal titolare del relativo diritto (...). Tale indicazione interpretativa non è tuttavia dirimente nella concretezza della fattispecie. L’osservanza, nel caso in oggetto, di tale principio deriva infatti dalla circostanza che la quietanza versata agli atti dalla compagnia assicuratrice (riprodotta in ricorso) conteneva in effetti tutti gli estremi essenziali della polizza; della pratica di danno; della data e tipo di sinistro; del pagamento liberatorio dell’indennizzo al beneficiario (...). Ed è stata, per tali ragioni, ritenuta probante dal giudice di appello, pur in assenza di produzione della polizza, sulla scorta di una delibazione di ordine fattuale - non apodittica né irragionevole - riservata, in quanto tale, al giudice del merito, e quindi insindacabile".

La Cassazione, dunque, con tale sentenza, dando atto dell’esistenza di un possibile contrasto di giurisprudenza sul tema in oggetto, ha statuito che l’assicuratore può adempiere all’onere di fornire la prova della propria titolarità del diritto di surroga in rivalsa producendo il solo atto di quietanza gli è stato rilasciato dall’assicurato, senza essere costretto ad esibire anche la polizza di assicurazione. Tale atto di quietanza non deve essere di contenuto generico bensì specifico e va redatto in modo tale da costituire una prova esauriente e precisa sia del contratto di assicurazione e sia del danno indennizzato all’assicurato a causa del sinistro cagionato dal predetto terzo.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Sea waybill elettronico e deroga alla Giurisdizione

La clausola derogativa della giurisdizione italiana apposta sul retro di un sea waybill elettronico è opponibile ai terzi?

Continua

L’Italia ai primi posti in Europa nel trasporto marittimo

Il segretario nazionale dei commercialisti, Achille Coppola, rende noti i dati nel corso del forum alla Camera di Commercio

Continua

Colpa grave in caso di perdita parziale di carico

Caprile e Associati ottiene ragione dal Tribunale di Milano sulla configurazione della colpa grave anche in caso di perdita parziale di carico

Continua

Clausole di giurisdizione nelle polizze di carico

Qual è la validità delle clausole di giurisdizione nelle polizze di carico

Continua

Il registro elettronico nazionale

Ecco cosa si deve sapere su iscrizione, sospensione e cancellazione dal registro elettronico nazionale

Continua

Legittimazione dell'assicuratore nelle rivalse

Le problematiche connesse alla prova della surroga della compagnia assicurativa nei diritti del proprio assicurato in tema di rivalse

Continua

La rapina quale esimente ex art. 1693 c.c.?

L'evento rapina nell'autotrasporto per conto terzi può integrare il caso fortuito idoneo ad esimere la responsabilità vettoriale?

Continua

Smarrimento della merce: è colpa grave del vettore

Recentemente lo studio Caprile & Associati ha ottenuto una sentenza favorevole, con la quale è stato ribadito che lo smarrimento della merce da parte

Continua