Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Coronavirus e sospensione del pagamento del canone di locazione


Legittima sospensione del pagamento del canone di locazione a fronte di sospensione dell'attività per disposizione dell'autorità
Coronavirus e sospensione del pagamento del canone di locazione

Emergenza Coronavirus significa, in primis, emergenza sanitaria ma per molte aziende, imprenditori, commercianti è già anche emergenza finanziaria ed economica.

Sappiamo tutti che in forza del DPCM 8 marzo 2020 e del DL 23 febbraio 2020 n. 6 che lo ha preceduto, moltissime attività da un paio di settimane sono sospese e questa chiusura, allo stato, dovrebbe protrarsi almeno fino all’inizio di aprile.

Entrate azzerate, quindi, sicuramente per oltre due mesi. Le spese legate all’attività continuano, invece, ad esserci ed a presentare puntualmente il loro conto: imposte, tasse, stipendi per i dipendenti, rate di finanziamenti, canoni di affitti, ecc.

Alcuni clienti che gestiscono società e associazioni che svolgono attività rientranti tra quelle vietate sin dalla prima ora, mi hanno contattata: sono in seria difficoltà perché non hanno entrate e devono far fronte a continue uscite.

La domanda che mi pongono è sempre la stessa: possono essere legittimamente sospesi alcuni pagamenti?

Il problema, inutile nasconderlo, mi viene posto con particolare riferimento al canone di locazione dell’immobile ove veniva esercitata l’attività ora sospesa e che solitamente rappresenta una delle spese più ingenti.

Giuridicamente la questione non è semplice. Infatti, non essendoci precedenti giurisprudenziali, ci si basa sull'unica norma dettata dal governo (art 65 Decreto Cura Italia) il 17 marzo 2020 e si profilano diverse soluzioni che trovi ben documentate nel mio ultimo articolo aggiornato "Coronavirus, emergenza affitti: le possibili soluzioni".

 

Il pagamento del canone di locazione può essere sospeso?
 

Tutti sappiamo che il conduttore non può sospendere il pagamento del canone per nessuna ragione, salvo solo il caso in cui l’immobile sia materialmente inutilizzabile ad es: perché allagato o dichiarato inagibile.

In questo caso l’immobile è in condizioni tali da poter essere utilizzato ed è nella pacifica disponibilità del conduttore, il quale tuttavia non ne può godere essendo vietato lo svolgimento dell’attività per il cui esercizio l’immobile era stato affittato.

L’impossibilità di svolgere l’attività, evidentemente, non è imputabile a nessuna delle parti: è dovuta ad una emergenza straordinaria di tutela della salute. Né il conduttore né il locatore hanno, dunque, colpe.
Il conduttore, inoltre, non ha interesse a liberarsi dal vincolo contrattuale, tutt’altro: passati questi mesi di emergenza, infatti, continuerà ad esercitare l’attività in quello stesso immobile. Il quesito può quindi essere così formulato:

posso io conduttore congelare la mia sola prestazione di pagamento del prezzo?

Posso io conduttore continuare ad avere la disponibilità dell’immobile (accedervi, persino eseguirvi dei lavori) e al tempo stesso nulla dovere al proprietario a titolo di canone (s’intende sino a quando saranno in vigore le norme che vietano l’esercizio dell’attività che ivi svolgevo)? Perché il locatore dovrebbe rinunciare al canone e all’immobile?

 

La risposta ai quesiti
 

La risposta si trova più nei trattati di dottrina che non nelle sentenze. Provo ad esporla nel modo più semplice e comprensibile possibile.

La tutela del conduttore va ricercata nella sopravvenuta impossibilità di utilizzazione della prestazione: il conduttore non può, per una causa a lui estranea, utilizzare l’immobile per la ragione per cui lo aveva affittato. Vero è che il conduttore continua ad avere la disponibilità dell’immobile, ma è venuta meno la possibilità che questa disponibilità realizzi lo scopo perseguito dalle parti con la stipulazione del contratto (es. organizzazione di corsi collettivi).

Da ciò possono trarsi valide argomentazioni a sostegno della sospensione del pagamento dei canoni di affitto per tutto il tempo in cui saranno in vigore le limitazioni di cui alla decretazione d’urgenza.

Occorre, pertanto, che il conduttore che intenda valersi di siffatta tutela, formalizzi in modo accorto al locatore la sospensione del pagamento del canone: allo stato non vi sono, infatti, provvedimenti che autorizzino la sospensione del pagamento dei canoni di locazione in favore di aziende, imprenditori, associazioni le cui attività sono stato sospese.

Il locatore, in assenza del pagamento dei canoni, allo stato sarebbe legittimato ad agire per recuperarli e per promuovere un procedimento di sfratto per morosità. La tempestiva formalizzazione al locatore della decisione di sospendere il pagamento del canone e delle relative motivazioni potrebbe frenare la proprietà dall’assumere iniziative contro il conduttore e dare a quest’ultimo quantomeno un po' di respiro circa questa obbligazione. Non solo

L’impossibilità sopravvenuta di utilizzazione della prestazione è tale da giustificare anche la richiesta di rinegoziare i canoni eventualmente già corrisposti e riferiti alle mensilità in cui l’attività è stata per legge sospesa.

 

Lo Studio Legale Poggi è a disposizione per fornire consigli legali ed assistenza sull'argomento. In conformità alle regole di prevenzione, lo studio è chiuso al pubblico, ma opera ed è raggiungibile anche compilando il form di contatto del portale.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La procura generale può essere resa inefficace dall'amministratore di sostegno

In caso di sopravvenuta incapacità di intendere e volere, la procura generale conferita è resa invalida dalla successiva nomina di un amministratore di sostegno

Continua

Quando la mancata concessione del mutuo non inficia la validità del contratto di compravendita

Compravendita immobiliare, come evitare che l'acquirente sfrutti la clausola condizionale della concessione del mutuo per evitare l'acquisto dell'immobile

Continua

Abitazione del coniuge e spese di ristrutturazione

Nel caso di restituzione della casa coniugale in comodato, il comodatario non ha diritto ad alcuna forma di rimborso per spese che abbiano migliorato l'immobile

Continua

Immobili in costruzione, come tutelarsi se il costruttore non restituisce gli acconti

Il costruttore/venditore ha l'obbligo di rilasciare una garanzia fideiussoria in favore dell'acquirente per assicurare la restituzione degli acconti già versati

Continua

Trasferimento di immobili in danno dei creditori

Quale tutela per il creditore nel caso di sottrazione fraudolenta dei beni costituenti la garanzia patrimoniale del debitore?

Continua

Compravendita immobiliare, la tutela del venditore leso

Quando è possibile la rescissione del contratto di compravendita per lesione del venditore se l'acquirente ha approfittato del bisogno finanziario del venditore

Continua

Case in affitto, manutenzione straordinaria e tutela dell'inquilino

Ecco quali sono le tutele dell'inquilino nel caso di necessità di interventi di manutenzione straordinaria nella casa locata

Continua

Locazione ad uso diverso e tassazione canoni non percepiti

Quali clausole inserire nei contratti di locazione ad uso diverso per contenere la tassazione sui canoni non percepiti per morosità del conduttore?

Continua

Il recesso del conduttore dell'immobile a uso commerciale

Consigli al conduttore di immobile commerciale circa l'inserimento di clausole a tutela del suo diritto di recesso

Continua

Spese condominiali straordinarie: insidie e rischi in caso di vendita

Ecco come venditore e acquirente possono tutelarsi in caso di spese straordinarie condominiali deliberate prima della vendita

Continua

Coronavirus, emergenza affitti: le possibili soluzioni

L'emergenza Coronavirus ha messo in difficoltà molti affittuari. Ecco le possibili soluzioni per sospendere, interrompere o rinegoziare il canone di locazione

Continua

Causa di forza maggiore ed inadempimento del conduttore

Inadempimento del conduttore per causa di forza maggiore e rispetto delle norme autoritative

Continua

Obbligo giuridico di buonafede e disponibilità a rinegoziare

Rinegoziazione dei contratti di locazione e obbligo giuridico di comportarsi secondo buona fede. L'abuso del diritto alla prestazione da parte del creditore

Continua

Locazione commerciale: parliamo delle clausole Coronavirus

Attraverso la clausola "coronavirus" i contraenti possono disciplinare le ripercussioni negative che potrebbero abbattersi sul contratto in caso di nuove restrizioni

Continua

Rinegoziazione delle locazioni commerciali: cos'è e come farla

Locazioni commerciali: opportunità di rinegoziare per (ri)bilanciare gli equilibri contrattuali distorti dalla pandemia ed evitare la risoluzione

Continua

Contratto preliminare e clausola mac

L'inserimento nei contratti preliminari di clausole di salvaguardia consente di gestire l'incertezza circa la redditività dell'attività da esercitarsi nell'immobile

Continua

Condominio: voto all'unanimità ed esonero dal contributo alle spese

Occorre il voto unanime per trasferire la titolarità dei diritti sulle cose comuni in favore di solo alcuni condomini

Continua

Diritto alla provvigione e mediazione svolta in forma societaria

Compravendita immobiliare: chiarimenti sul diritto alla provvigione quando l'attività di mediazione è svolta in forma societaria

Continua

Conduttore: limiti alla sospensione del pagamento del canone

Clausola limitativa della proponibilità delle eccezioni: quando il conduttore deve pagare e poi, se mai, chiedere in restituzione

Continua