Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Come cambia la prescrizione con la riforma del ministro Bonafede


Con la recente riforma Bonafede la prescrizione viene di fatto abolita compromettendo ogni principio garantista per vittime e imputati
Come cambia la prescrizione con la riforma del ministro Bonafede

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel diritto penale moderno la prescrizione si collega all’art. 111 della Costituzione che stabilisce, tra gli altri, il principio della ragionevole durata del processo.

La prescrizione, che estingue il reato trascorso un certo lasso di tempo, è stata oggetto di molte riforme. Oggi il tempo necessario a prescrivere si calcola in ragione della pena massima prevista per ciascun reato, e non può essere inferiore a sei anni per i delitti e a quattro per le contravvenzioni; i reati punti con la pena dell’ergastolo, come l’omicidio, non sono soggetti a prescrizione.

Sul termine massimo operano altri due istituti, quello dell’interruzione e quello della sospensione.

Proprio su quest’ultimo interviene la riforma proposta dal Ministro Bonafede che, in sostanza, dal 1.01.2020 prevede la sospensione del termine di prescrizione dalla pronuncia della sentenza di primo grado fino a quella definitiva.

Un tempo, quindi, illimitato, che ha come conseguenza l’abolizione, di fatto, della prescrizione.

Riforma irragionevole e sbagliata non solo per l’imputato, che rimarrà a vita sotto processo, ma anche per la vittima che sarà costretta a subire le conseguenze di una giustizia che non arriverà mai.

Si compromette così ogni principio garantista, che sta alla base del nostro sistema penale.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Iva non versata: il ruolo della crisi di liquidità dell'impresa

La crisi di liquidità dell'impresa e la sua rilevanza in tema di mancato versamento Iva, ex art. 10 ter D.lgs. 274/2000

Continua

Art. 10 bis D.lgs. 74/2000: quando il modello 770 da solo non basta

La rilevanza probatoria della dichiarazione modello 770 nel reato di omesso versamento di ritenute dovute o certificate prima della riforma del 2015

Continua

Stalking: il ruolo della vittima

Nella Pronuncia in commento la Corte di Cassazione affronta il tema della rilevanza del comportamento della vittima nel delitto di stalking

Continua

Emergenza Covid-19 tra sanzione penale ed amministrativa

Le previsioni sanzionatorie penali ed amministrative relative alle misure di contrasto al diffondersi della pandemia relativa al c.d. «Coronavirus»

Continua

Reato di stalking, cosa prevede

L’art. 612 bis del codice penale disciplina nel nostro ordinamento il reato di atti persecutori

Continua

Il reato di maltrattamenti in famiglia: cosa prevede?

L’art. 572 del codice penale punisce il reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi

Continua

Il reato di guida in stato di ebbrezza: cosa fare?

L’art. 186 CdS punisce la guida sotto l’influenza dell’alcool

Continua