Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il bambino plusdotato


Relativamente alla psicologia scolastica oggi affrontiamo il tema del bambino plusdotato
Il bambino plusdotato

Chi sono i bambini plusdotati?

I bambini plusdotati secondo alcune stime rappresentano il 5% degli studenti italiani. Essi, così come gli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), necessitano di essere opportunamente tutelati perché potrebbero soffrire di problemi di isolamento e/o di autostima bassa. Vivendo, in qualche modo, disadattati rispetto ai compagni, con conseguenze negative sul percorso di crescita sia scolastico sia sociale e personale.

Ecco perché è necessario diagnosticare il prima possibile questa capacità piuttosto rara. Essere plusdotato non è affatto una caratteristica negativa, eppure è necessario fare attenzione, soprattutto durante l'infanzia, a evitare che il bambino si senta diverso e che cerchi di nascondere le sue capacità.

Secondo la definizione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) una persona plusdotata, o "superdotata", ha un coefficiente intellettuale superiore a 130 risultato che si ottiene per merito della somministrazione del Test del Quoziente Intellettivo. 

La plusdotazione intellettiva è una complessa costellazione di ingredienti biologici, psicologici, comportamentali e ambientali che si esprimono in differenti modalità.

Il bambino plusdotato a quali problematiche va incontro?

  • Autostima bassa

  • Poco stimolo nei confronti delle attività scolastiche perciò si annoia

  • Scarsa socializzazione coi coetanei

  • Ribelle sul piano comportamentale

  • Teme il fallimento.

Quali abilità presenta il bambino plusdotato?

  • Efficiente memoria

  • Abilità verbali sviluppate

  • Molta curiosità

  • Senso autocritico

  • Empatia e sensibilità

  • Creatività

  • Predilige relazionarsi con persone più grandi.

I profili dei bambini plusdotati

I bambini plusdotati, non vengono classificati in un’unica tipologia di profilo, ma possono assumere dissimili profili, ossia: di successo, creativo, straordinario, autonomo, a rischio, nascosto.

Si comprende dal mio articolo, quanto sia utile individuare il prima possibile la diagnosi sulla plusdotazione. Un contributo prezioso può essere fornito dagli insegnanti, dai genitori e dallo psicologo scolastico, al fine di aiutare il bambino a sentirsi a suo agio con le sue abilità cognitive. Concludo, dunque, con l’invito a genitori e insegnanti di non lasciare trascorrere inutile tempo per il bene del piccolo.

 

Sperando caro lettore, di esserti di supporto, mi rendo disponibile e reperibile a riguardo per una consultazione gratuita ai miei contatti, mail: auregagliano@gmail.com  e tel: 3934482694

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Esperienze psicofisiologiche multidimensionali

Progetto Counseling a mediazione corporea

Continua

Traumi psicologici da incidenti stradali

Quali sono i sintomi del disturbo post-traumatico da stress e le loro origini

Continua

Scuola: perfezione uguale limite

Sebbene il termine “limite” sia caratterizzato oggi da accezioni negative, all’origine prevaleva l’idea che nella finitezza umana risiedesse la perfezione

Continua

Familiari Alzheimer "AL CENTRO: IL TUO SOLLIEVO. ESSERE IN REL-AZIONE"

Recuperare capacità empatiche e gestire al meglio varie difficoltà emotive appare arduo

Continua

Quando la "passione" ti rafforza il carattere

Coltivando la propria passione, il carattere riceve una serie di sollecitazioni a livello fisico, intellettuale ed emozionale

Continua

Le "carezze interne" ai tempi del Coronavirus

La carezza interna come fonte di consapevolezza del proprio sè per affrontare la maggiore solitudine, paura o ansia dettate dal momento particolare che stiamo vivendo

Continua

Il silenzio della solitudine

E' giunto il momento di ricercare il silenzio della solitudine come momento di purificazione, nell'accettare di viverla anche quando essa è tensione drammatica

Continua

Società e scuola ai tempi del Coronavirus: relazioni senza corpo

Per riuscire a stare bene a casa è necessario decomprimere i fattori di stress psicologico e soprattutto organizzarsi col costrutto "gestione tempo"

Continua

Lascia parlare la tua rabbia

Impara ad esprimere la rabbia con dolcezza senza cadere in pericolosi eccessi. Ciò non significa negare la rabbia, ma poterla manifestare senza rimanerne schiacciati

Continua

Occorre che TU ci metta…più AMORE!

Si avvicina un Natale insolito, forse in solitudine lontano dai propri affetti. Ma è proprio in questi momenti che si deve riscoprire la forza dell'amore e dell'ascolto

Continua

“L’INVIDIA è…FEMMINA…

dall’Io bambino all’Io adulto…strategie di Counseling”

Continua

L’abbraccio attraverso gli occhi. L’autenticità dello sguardo

Il modello di attaccamento sicuro, in questo periodo pandemico, può essere la fonte di salvezza per tanti bambini

Continua

La sofferenza delle scuole pugliesi e la disperazione sui volti dei bambini/ragazzi e genitori

DDI… DAD… la Puglia diversa dal resto d’Italia, ma non per i colori bianco, giallo, arancio, rosso, bensì per la decisione presa dal presidente di regione Emiliano

Continua

Età evolutiva e ansia (psicologia scolastica)

In questo articolo affrontiamo la tematica dell'ansia collegata al particolare periodo che il bambino vive nell'età evolutiva

Continua