Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il senso di inadeguatezza


Origine e significati del senso di inadeguatezza nelle relazioni familiari. Aspetti clinici.
Il senso di inadeguatezza

 

Il senso di inadeguatezza caratterizza molti di noi in diverse situazioni di interazione.

Ci sentiamo inadeguati  quando riteniamo che non saremo in grado di affrontare una determinata situazione, quando ci sentiamo nel posto sbagliato e, in  mezzo agli altri, prestiamo continuamente attenzione alla frase da dire, all’azione da compiere.

Ci troviamo intrappolati in dubbi ricorsivi, a provare ansia, tensione, vergonga e disagio che potrebbero essere cosi forti da indurci ad evitare quella situazione, e che comunque ci portano a mettere in atto delle strategie per cercare di essere sempre all’altezza delle aspettative, di compiacere chi ci è vicino.

 

Insoddisfatti di noi stessi, giudici sempre pronti ad accusarci andiamo alla ricerca della perfezione. Le nostre azioni perdono spontaneità e anche noi stessi. Il senso di inadeguatezza può diventare una gabbia che ci blocca e che ci costringe a confrontarci continuamente con gli altri, a sentirci continuamente esposti al giudizio e alla critica.

 

Da dove nasce questo vissuto?

L’origine dell’inadeguatezza è la Relazione, si alimenta del  confronto che è possibile solo perché esiste un “altro” con cui confrontarsi o con cui si viene confrontati, anche quando questo avviene nei nostri processi di pensiero.

E’ tipico delle interazioni che si articolano sulla polarità “Vincente/Perdente”, e occorre risalire alla storia familiare per individuarne le basi. Infatti, nelle famiglie in cui ci sono aspettative molto elevate, in cui sono presenti il giudizio e la critica, si strutturano dei legami basati sul confronto e la competizione che alimentano il senso di inadeguatezza e la relativa immagine di sè come "Non adatti".

 

Ma cosa si nasconde dietro l’inadeguatezza, la vergona?

L’obiettivo delle nostre azioni, sarà quello di non deludere le persone a noi care  per non perderle, cercheremo di assecondarle a scapito anche dell’espressione delle parti più vere di noi stessi, della nostra individualità, perché in fondo anche noi riteniamo che non valgano molto.

 

Se questa immagine di noi è scomoda e fonte di malessere è vero anche che può diventare uno scudo  dietro cui nascondere le proprie emozioni (la delusione, il dolore) provate sia nelle relazioni familiari che  in quelle successive, in cui non ci sentiamo riconosciuti e considerati…Meglio ritenere di "non essere capaci", di "non valere" che sentirsi i “non visti”, come accade nelle situazioni più gravi.

 

Tutti abbiamo provato questo vissuto; diventa  però difficile da gestire quando l’immagine di "se-perdente", diventa cosi rigida e assoluta da essere l’unica griglia con cui leggiamo i segnali che ci rimandano gli altri, per cui ogni relazione si snoderà lungo la logica competitiva (Vincente-Perdente, Vittima/Carnefice).

La totalità e la rigidita’ distorceranno la percezione della realtà e arriveremo a convincerci che la nostra idea  sia l’unica possibile. Ecco che tale vissuto diventa il nucleo di varie forme di malessere o disagio (tristezza cronica, bassa autostima, rabbia) o il germe di diversi disturbi come i disturbi dell’umore (Ansia e Depressione), disturbi psichici (DCA, Dipendenze e comportamenti d’abuso) o nella sfera relazionale (Dipendenze affettive), in cui i comportamenti disfunzionali all’inizio danno un senso di onnipotenza e grandiosità, che purtroppo è solo effimero.

 

Nelle situazioni di maggior disagio e sicuramente nelle situazioni di rilevanza clinica, può essere molto utile il ricorso ad una psicoterapia, e in casi specifici come  i DCA,  le dipendenze e comportamenti d'abuso  meglio la Psicoterapia relazionale, per poter elaborare con un esperto le ferite più profonde nella sfera d’attaccamento e mettere in discussione l’immagine che abbiamo di noi stessi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La crisi di coppia: significato ed evoluzione

La costituzione della coppia. La crisi di coppia: definizione ed effetti. La crisi come possibilità di cambiamento

Continua

Il bisogno e la paura dell’altro

Alcune riflessioni sull’uso e abuso dei social network

Continua

Aiuto!!! Il colloquio con gli insegnanti

Ansie e preoccupazioni sul colloquio con gli insegnanti. Il colloquio come giudizio. Il colloquio come scambio

Continua

Gli adulti dove sono?

Il branco e i fenomeni di devianza giovanile. Disagio giovanile come problema sociale. Ruolo della famiglia, della Scuola e delle Istituzioni

Continua

La relazione che cura

Principi generali della psicoterapia ad orientamento sistemico-relazionale

Continua

La violenza sulle donne è "cosa nostra"

La violenza di genere come problema sociale

Continua

Difendersi dalle emozioni

Brevi cenni sull'esperienza emotiva e sulla dissociazione alla base di molti disturbi psichici

Continua

Il tempo della “Non-Esistenza”

La tensione nell’attesa di una risposta ad un messaggio. Alcune riflessioni dall’articolo di O. Burkeman

Continua

Ma è la persona giusta?

Il ruolo delle aspettative nella scelta e nella dinamica di relazione

Continua

Lei, Lui e...i suoi figli

Gestire i rapporti con i figli dei propri compagni. Dinamiche di relazione e definizione dei giusti confini

Continua

La paura che fa la differenza

Breve analisi sui fattori psicologici dietro la rabbia e la paura verso i migranti

Continua

Il rientro a scuola come rito di passaggio

Le emozioni attivate dall'ingresso nei diversi cicli scolastici. I disagi legati al cambiamento

Continua

Il significato del dono nella relazione

Il dono inteso come atto basato sulla reciprocità della relazione. Differenza fra dono e regalo

Continua

Le emozioni possono essere contagiose

Le emozioni si trasmettono e possono insinuarsi nel nostro stato emotivo. E' importante riconoscerle

Continua

Lo Psicologo in corsia, una risorsa preziosa

Lo Psicologo in ospedale è una risorsa preziosa, come professionista è in grado di sostenere pazienti e familiari quando vengono “colpiti” da una diagnosi di malattia

Continua

Gestire la timidezza?... Si può!

La timidezza e l'insicurezza personale. Come scoprire i punti forza per avere un'altra immagine di sè nel confronto con gli altri

Continua

La Resilienza: la risorsa "nascosta"

Attribuire un nuovo senso alla propria vita in seguito a un evento drammatico. Attivazione di nuove risorse e possibilità

Continua

IL TRIANGOLO NO! Il bambino nella lotta fra i genitori

La triangolazione del bambino nella separazione, quando il figlio viene considerato come alleato o nemico

Continua

L'esame di maturità:...è solo un esame!

Esame di maturità come rito di passaggio. Ansie, aspettative e significati

Continua

La mia vita non cambierà mai!

Le aspettative che bloccano il cambiamento. Ansia e paura come segnali di stati emotivi più complessi

Continua

"Io sono le mie relazioni". Stile di attaccamento e personalità

E' nella relazione che si manifestano i nostri tratti di personalità, che nei casi sintomatici danno corpo ai disturbi di personalità

Continua

Il rientro dalle vacanze non è solo il ritorno alla routine

La funzione protettiva della routine. Riscoprire se stessi attivando processi di cambiamento

Continua